Home Notizia Mondo L’OMS consiglia di non utilizzare dolcificanti non zuccherini nei prodotti appena rilasciati…

L’OMS consiglia di non utilizzare dolcificanti non zuccherini nei prodotti appena rilasciati…

0
131

Un sostituto dello zucchero viene agitato in una tazza di caffè
Gli esperti affermano che i dolcificanti non zuccherini hanno effetti dannosi sulla salute. Westend61/Getty Images
  • Le nuove linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità consigliano alle persone di non utilizzare dolcificanti non zuccherini.
  • Gli esperti affermano che questi sostituti dello zucchero non forniscono alcun beneficio per la salute a lungo termine e possono effettivamente influenzare il microbioma del corpo.
  • Raccomandano di sostituire le sostanze zuccherine con alimenti più naturalmente dolci come la frutta, nonché cibi e bevande non zuccherati.

I funzionari dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) hanno rilasciato nuove linee guida sull’uso di edulcoranti non zuccherini, indicando che ne sconsigliano l’uso per controllare il peso corporeo o il rischio di malattie non trasmissibili.

I funzionari hanno affermato che le raccomandazioni si basano su una scoperta di una revisione delle prove che suggerisce che i dolcificanti non zuccherini non forniscono alcun beneficio a lungo termine per la riduzione del grasso corporeo negli adulti o nei bambini.

Inoltre, hanno affermato che potrebbero esserci effetti negativi sulla salute dovuti all’uso a lungo termine, come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari.

Le raccomandazioni si applicano a tutte le persone ad eccezione di quelle con diabete preesistente e includono tutti i dolcificanti non nutritivi sintetici, presenti in natura e modificati che si trovano in alimenti e bevande fabbricati o venduti per essere aggiunti a cibi e bevande dai consumatori.

“Sono d’accordo che è essenziale concentrarsi sulla riduzione della dolcezza della dieta in generale, iniziando presto nella vita”, ha affermato la dott. ssa Laura DeCesaris, fondatrice di Heartroot Health, un centro benessere a Scottsdale, in Arizona.

“Piuttosto che cercare dolci ‘migliori’, l’obiettivo può essere quello di enfatizzare una dieta più equilibrata ricca di una varietà di cibi integrali – carni magre, grassi sani, verdure, frutta, ecc. – rispetto allo scambio di zucchero con un non calorico versione”, ha detto Notizie mediche oggi.

I dolcificanti non zuccherini comuni includono:

  • Acesulfame K
  • Aspartame
  • Vantaggio
  • Ciclamati
  • Neotamo
  • Saccarina
  • Sucralosio
  • Stevia

“È importante notare che la perdita di peso non può essere raggiunta semplicemente sostituendo gli alimenti ad alto contenuto calorico con alternative a basso contenuto calorico”, ha affermato Caroline Thomason RD, CDCES, una dietista registrata con sede in Virginia.

“È l’effetto cumulativo delle nostre abitudini e comportamenti nel tempo che contribuisce alla salute generale”, ha detto Notizie mediche oggi.

La raccomandazione non include prodotti per la cura personale e l’igiene, come:

  • Dentifricio
  • Crema per la pelle
  • Farmaci
  • Zuccheri ipocalorici
  • Alcoli di zucchero

Gli effetti sulla salute dei sostituti dello zucchero

“IL [information on the] effetti sulla salute del consumo regolare di dolcificanti non zuccherini è inconcludente “, ha affermato Kate Cohen, RD, dietista registrata presso la Ellison Clinic di Saint John’s, parte dell’Ellison Institute for Transformative Medicine e del Providence Saint John’s Health Center in California.

“La maggior parte di loro è classificata come ‘gras’ – generalmente considerata sicura – ma ciò non significa che non ci siano effetti negativi sulla salute”, ha detto a Medical News Today. “Uno studio pubblicato alcuni anni fa su Cell ha mostrato che la saccarina e il sucralosio (noti anche come Sweet n Low e Splenda) non solo hanno causato un aumento della glicemia come lo zucchero, ma hanno anche causato cambiamenti nel microbioma, il che significa che non sono passati attraverso il corpo senza alcun effetto come si credeva in precedenza.

“Uno degli ovvi problemi di salute che possono verificarsi dall’uso a lungo termine di dolcificanti non zuccherini è l’aumento di peso se si presume che ciò elimini la necessità di moderazione e controllo delle porzioni”, ha aggiunto Cohen. “Le calorie si sommano ancora e, come abbiamo discusso, questi dolcificanti possono aumentare l’appetito per cibi più dolci e creare un ciclo continuo”.

“Possono esserci anche effetti gastrointestinali negativi”, ha osservato. “Gli alcoli zuccherini come l’eritritolo, lo xilitolo e il sorbitolo si trovano in una varietà di snack, gomme e caramelle, e mentre questi apparentemente passano attraverso il corpo senza essere assorbiti, non passano inosservati. Molte persone con sistemi gastrointestinali più sensibili possono ritrovarsi con spiacevoli effetti collaterali come gas, gonfiore e diarrea dal consumo di pochi o molti di questi dolcificanti.

Quanto zucchero è troppo?

Esistono linee guida sulla quantità di zucchero che un individuo dovrebbe consumare quotidianamente.

Tuttavia, per i dolcificanti non zuccherini, le informazioni non sono chiare.

Per lo zucchero:

“Secondo il Associazione americana del cuore, gli uomini non dovrebbero consumare più di nove cucchiaini (36 grammi o 150 calorie) di zucchero aggiunto al giorno”, osserva la dott.ssa Priya Jaisinghani, endocrinologa e specialista in medicina dell’obesità presso la NYU Langone Health di New York. “Le donne non dovrebbero consumare più di sei cucchiaini (25 grammi o 100 calorie) al giorno.”

“Secondo Linee guida dietetiche per gli americani, 2020-2025, un modello dietetico sano limita gli zuccheri aggiunti a meno del 10% al giorno”, ha detto Jaisinghani Notizie mediche oggi. “Per una dieta da 2.000 calorie al giorno, il 10 percento equivarrebbe a 200 calorie o 50 grammi di zucchero al giorno (~ 12 cucchiaini di zucchero).”

Per i dolcificanti non zuccherini:

“Non lo sappiamo [how much artificial sweeteners] è troppo, il che è parte del motivo per cui sono uscite queste recenti raccomandazioni dell’OMS “, ha affermato Megan Wroe, MS, RD, responsabile del benessere presso il St. Jude Medical Center in California.

“Gli studi a lungo termine ora non mostrano alcun reale beneficio [for consuming sugar] e alcuni possibili effetti dannosi”, ha detto Notizie mediche oggi. “Quindi i dolcificanti non zuccherini vengono attualmente trattati come lo zucchero: non ci sono benefici e potrebbero esserci danni se consumati in quantità elevate, quindi cerca di ridurre al minimo gli zuccheri. Ma qual è quel numero massimo al giorno? Non l’abbiamo ancora.

Come ridurre i dolcificanti nella tua dieta

“Quando mangi zucchero o dolcificanti artificiali, ne desideri di più, rendendo difficile smettere”, ha detto Cohen. “Prova a usare la frutta intera come dolcificante durante la cottura, la cottura al forno o l’aggiunta a cereali o yogurt. Consiglierei la stevia o il frutto del monaco, ma sono ancora da 100 a 400 volte più dolci dello zucchero, quindi meno è meglio”.

Il miglior consiglio è quello di ridurre al minimo gli zuccheri e gli edulcoranti dalla dieta.

Thomason offre questi suggerimenti per aiutare:

  • Concentrati sul mangiare cibi naturali e integrali, sottolineando prima le proteine ​​magre, i cereali integrali, la frutta e la verdura.
  • Prendi in considerazione la scelta di cibi naturalmente dolci come frutta, yogurt, latte, patate dolci e frutta secca, per soddisfare queste voglie.
  • Quando opti per qualcosa che contiene zucchero, bilancia il pasto con proteine, grassi sani e cibi ricchi di fibre.
  • Ridurre le bevande zuccherate.
  • Cucina di più a casa. Questo è un modo semplice per sapere cosa sta succedendo nel tuo cibo e ti consente di controllare le porzioni.
  • Leggi l’etichetta. Considera le etichette degli alimenti “Zuccheri totali” e le sezioni “Zuccheri aggiunti” per la scelta più informata.

“La raccomandazione è di ridurre del tutto lo zucchero e gli edulcoranti non zuccherini, non di sostituirli l’uno con l’altro”, ha detto Wroe. “Quando qualcosa ha davvero bisogno di un po’ di dolcezza in più, consiglio di scegliere un dolcificante non artificiale a basso indice glicemico, come lo zucchero di cocco o lo sciroppo di datteri. L’allulosio e il frutto del monaco hanno meno ricerche intorno a loro, ma raccomando anche quelli poiché non sono artificiali e hanno un impatto trascurabile sulla glicemia. Il miele crudo può essere consumato anche in piccole porzioni”.