Lo splendore è spento Bitcoin poiché gli acquirenti in calo rimangono scarsi

0
68

La più grande criptovaluta del mondo ha languito intorno ai 47.000 dollari, ben al di sotto dei massimi di inizio novembre di quasi 69.000 dollari.

Gli acquirenti di dip – un appuntamento un tempo affidabile nei mercati delle criptovalute – devono ancora riemergere in modo significativo anche dopo un drawdown del 33% in Bitcoin [File: Andrey Rudakov/Bloomberg]

Il malessere che circonda Bitcoin è molto più profondo del suo prezzo.

La più grande criptovaluta del mondo ha languito intorno ai 47.000 dollari, ben al di sotto dei massimi di inizio novembre di quasi 69.000 dollari. Uno sguardo sotto il cofano aiuta a spiegare perché: i volumi di trading si sono prosciugati, l’open interest dei futures sta precipitando e il numero di indirizzi attivi è in fase di stallo.

Presi insieme, i dati dipingono un quadro di una diminuzione degli spiriti animali dopo che Bitcoin ha raggiunto il picco in seguito al lancio autunnale dei primi fondi negoziati in borsa che tracciano i futures statunitensi. Gli acquirenti di dip – un appuntamento un tempo affidabile nei mercati delle criptovalute – devono ancora riemergere in modo significativo anche dopo un drawdown del 33%. Nel frattempo, dopo che miliardi di dollari di posizioni con leva finanziaria sono stati eliminati nel flash crash del mese scorso, i nuovi investitori devono ancora riempire il vuoto.

“C’è stata molta leva nel sistema a maggio e poi nel periodo precedente a novembre”, ha affermato Jim Greco, amministratore delegato di Radkl, una società di criptovalute. “Potrebbero esserci molte persone che sono state eliminate e devono essere sostituite da nuovo capitale”.

Volume cadente

L’attività di trading in Bitcoin si è interrotta quando l’entusiasmo è diminuito. Dopo aver registrato una tendenza al ribasso per mesi, martedì il volume tra gli scambi è arrivato a soli $ 4,8 miliardi, secondo i dati di Kaiko compilati da Messari. È in calo rispetto ai 13,1 miliardi di dollari dell’anno precedente ed è ben al di sotto della media annuale di circa 9,2 miliardi di dollari.

Un grafico del volume degli scambi di Bitcoin misurato dal valore totale del dollaro USA[Bloomberg]

Il volume non ha superato i 10 miliardi di dollari dal 4 dicembre, quando il prezzo di Bitcoin è crollato di oltre il 20% in pochi minuti a dimostrazione della famigerata volatilità del fine settimana della moneta. Secondo i dati di Coinglass.com, durante il calo sono stati liquidati circa 2,4 miliardi di dollari di esposizione alle criptovalute, sia long che short.

“Abbiamo visto un certo numero di fondi statunitensi, negozi di prop e hedge fund riportare il rischio praticamente nelle ultime ore dell’anno, ma quest’anno quello che abbiamo visto è che i volumi sono relativamente diminuiti rispetto all’inizio del mese scorso”, ha affermato Aya Kantorovich, responsabile della copertura istituzionale di FalconX. “Penso che quello che stiamo vedendo sia ancora questa domanda in giro, ‘Siamo ancora a rischio o a rischio?'”

Futuri frizzanti

Il mercato dei futures racconta una storia simile. Dopo aver raggiunto il massimo storico di 17,4 miliardi di dollari a fine ottobre, l’open interest sui contratti futures Bitcoin sul Chicago Mercantile Exchange è ora di circa 10,6 miliardi di dollari, con un calo del 39%.

Ad alimentare la rincorsa è stata l’anticipazione del primo ETF futures su Bitcoin degli Stati Uniti, che ha debuttato a metà ottobre come uno dei fondi più scambiati mai registrati. Tuttavia, l’entusiasmo è rapidamente svanito: dopo aver attirato più di $ 1 miliardo in soli due giorni, il patrimonio gestito nell’ETF ProShares Bitcoin Strategy (ticker BITO) si attesta a $ 1,2 miliardi.

Un grafico che mostra l'open interest in calo - un indicatore dei contratti totali che non sono ancora stati liquidati - sui contratti futures su Bitcoin

“Il lancio del fondo è fortemente correlato all’aumento dell’interesse aperto CME, poiché l’AUM è aumentato rapidamente nella prima settimana dal lancio”, ha scritto in una nota Sam Doctor, chief strategy officer e capo della ricerca presso BitOoda. L’open interest “è sceso di recente ai livelli di lancio pre-ETF nell’ultima settimana di dicembre, anche se prevediamo che l’OI salirà di nuovo prima delle vacanze”.

Indirizzi assenti

In mezzo al malessere, anche la crescita degli indirizzi attivi, un indicatore dell’attività di trading, si è arrestata. Il conteggio è attualmente di circa 971.000, in calo rispetto a 1,2 milioni di un anno fa, secondo i dati di CoinMetrics compilati da Messari.

Per Kantorovich, ciò potrebbe preparare il terreno per una breve e forte compressione della liquidità simile al flash crash di dicembre.

Un grafico che mostra la crescita in calo degli indirizzi attivi per Bitcoin, che funge da indicatore dell'attività di trading[Bloomberg]

“Gli indirizzi meno attivi potrebbero significare più risorse archiviate in celle frigorifere. Meno Bitcoin è negoziabile, maggiore è la volatilità che puoi aspettarti sugli scambi man mano che la liquidità nei libri degli ordini diminuisce”, ha affermato Kantorovich. “Penso che potresti vedere un flash crash molto rapido e molto breve che riduce molto rapidamente l’interesse aperto nel mercato, simile a quello che abbiamo visto a dicembre”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here