La luce del sole si riflette sull'occhio di una donna
La luce solare è una fonte naturale di vitamina D. Martin Flores/EyeEm/Getty Images
  • I ricercatori affermano che alti livelli di vitamina D possono rafforzare i trattamenti immunologici antitumorali.
  • Dicono che l’efficacia della vitamina D derivi dalla sua capacità di rafforzare il sistema immunitario, così come da altri effetti che possono aiutare a fermare la proliferazione delle cellule tumorali.
  • Gli esperti notano che la vitamina D ha una serie di benefici per la salute, incluso il miglioramento della salute delle ossa.

Le persone con melanoma possono rispondere meglio al trattamento immunoterapico se i loro livelli di vitamina D rientrano in un intervallo sano.

In un studio pubblicato oggi su CANCER, una rivista peer-reviewed dell’American Cancer Society, i ricercatori hanno riferito che le persone con normali livelli basali di vitamina D avevano una risposta più favorevole a un tipo di immunoterapia noto come inibitori del checkpoint immunitario.

“Naturalmente, la vitamina D non è di per sé un farmaco antitumorale, ma il suo normale livello sierico è necessario per il corretto funzionamento del sistema immunitario, compresa la risposta che i farmaci antitumorali come gli inibitori del checkpoint immunitario influenzano”, Dr. Lukasz Galus , l’autore principale dello studio e ricercatore presso l’Università di scienze mediche di Poznan in Polonia, ha dichiarato in un comunicato stampa.

“A nostro avviso, dopo la conferma opportunamente randomizzata dei nostri risultati, la valutazione dei livelli di vitamina D e la sua integrazione potrebbero essere considerate nella gestione del melanoma”, ha aggiunto.

Dettagli dallo studio di immunologia sulla vitamina D

Galus ei suoi colleghi hanno analizzato il sangue di 200 persone che avevano un melanoma avanzato durante il trattamento immunoterapico.

“Sappiamo da oltre 100 anni che il sistema immunitario svolge un ruolo importante nel controllo dei tumori, e in particolare del melanoma maligno. Esiste una delicata interazione tra le cellule immunitarie (note come cellule T) e le cellule sane del corpo. I checkpoint immunitari sono una parte normale del sistema immunitario, progettati per impedire alle cellule immunitarie di danneggiare le cellule sane. Gli inibitori del checkpoint immunitario bloccano questi checkpoint, consentendo alle cellule T di mantenere uno stato attivato: queste cellule attivate uccidono le cellule tumorali “, ha detto il dott. Gary Doolittle, oncologo medico presso il Cancer Center dell’Università del Kansas Notizie mediche oggi.

I ricercatori hanno riferito che il 56% dei pazienti con un normale livello basale di vitamina D, o un livello normale attraverso l’integrazione, ha avuto una risposta favorevole agli inibitori del checkpoint immunitario.

Al contrario, il 36% di quelli con bassi livelli di vitamina D senza integrazione ha avuto una risposta favorevole.

I ricercatori hanno anche scoperto che anche la sopravvivenza libera da progressione era diversa tra i due gruppi. Questo si riferisce al tempo dall’inizio del trattamento fino alla progressione del cancro.

Nel gruppo con livelli normali di vitamina D, questo era di 11,25 mesi. Nel gruppo a basso contenuto di vitamina D, questo era di 5,75 mesi. È stata osservata una tendenza anche per la sopravvivenza globale, in quanto coloro che avevano livelli normali di vitamina D hanno vissuto per 31,5 mesi dall’inizio del trattamento, rispetto ai 27 mesi del gruppo a basso contenuto di vitamina D, ma questo non è stato un risultato significativo.

Reazione allo studio sulla vitamina D

Il dottor Adam Friedman, professore e presidente di dermatologia presso la George Washington School of Medicine and Health Sciences di Washington, DC, ha affermato che i risultati sono interessanti ma non dovrebbero essere interpretati come la vitamina D come trattamento per tumori come il melanoma.

“La vitamina D è da tempo un tema caldo in dermatologia”, ha detto Notizie mediche oggi. “Certamente il suo ruolo nella salute delle ossa è abbastanza consolidato, ma il suo ruolo nel funzionamento immunitario è oggetto di indagine da tempo. Coerentemente, abbiamo visto che bassi livelli di vitamina D sono legati a malattie infiammatorie come l’orticaria spontanea cronica e l’idrosadenite suppurativa, solo per citarne alcuni”.

“In questo studio, la normalizzazione dei livelli sierici di vitamina D era importante per un impatto ottimale dell’immunoterapia, così come la normalizzazione dei livelli di vitamina D è importante ma non curativa o un approccio monoterapico alle malattie infiammatorie croniche”, ha aggiunto Friedman. “Questo è il messaggio chiave: mantenere i livelli fisiologici di vitamina D è una parte importante del pacchetto di immunoterapia, piuttosto che sovraccaricare di vitamina D, che aumenterà la sopravvivenza. Qui la vitamina D non viene propagandata come cura contro il cancro ed è importante che ciò che viene presentato non venga frainteso”.

I benefici della vitamina D

Vitamina D svolge molti ruoli nel corpo, inclusa la promozione dell’assorbimento del calcio per la salute delle ossa.

Per la maggior parte delle persone, l’esposizione accidentale al sole fornisce abbastanza vitamina D. Tuttavia, alcune persone potrebbero richiedere un’integrazione. A quelli con melanoma può essere consigliato di stare lontano dal sole, quindi potrebbe essere necessaria un’integrazione.

“È importante che tutti i pazienti mantengano livelli normali di vitamina D, poiché la carenza può causare altre condizioni di salute come problemi alle ossa nei bambini (noti come rachitismo) e negli adulti (osteoporosi)”, ha detto Doolittle. “Chiediamo ai pazienti con una storia di cancro della pelle, e melanoma in particolare, di evitare il sole. Così facendo, questo impedisce al corpo di generare vitamina D. Per questo motivo è importante assumere integratori di vitamina D. Per il melanoma, sulla base delle informazioni che ora abbiamo, anche se non definitive, potrebbe esserci un effetto terapeutico, quindi consiglio a tutti i pazienti affetti da melanoma di assumere vitamina D se i loro livelli sono bassi.

Ricerca futura

Lo studio CANCER ha coinvolto solo 200 pazienti e gli esperti affermano che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare l’impatto dei livelli di vitamina D sull’efficacia dell’immunoterapia.

Il dottor Kim Margolin, medico oncologo e direttore medico del programma per il melanoma del Saint John’s Cancer Institute presso il Providence Saint John’s Health Center in California, afferma che non vi è alcun aspetto negativo nel valutare i livelli di vitamina D delle persone con melanoma e rispondere di conseguenza.

“Da quello che sappiamo in questo momento, non è una cattiva idea controllare i loro livelli di vitamina D e integrarli a quello che è considerato un livello desiderabile. Essenzialmente non c’è alcun aspetto negativo nel farlo finché le persone non lo ottengono prendendo il sole o andando nei saloni di abbronzatura. Se lo assumono con la dieta o se lo assumono tramite integratori, probabilmente va bene “, ha detto Notizie mediche oggi.