L'ex presidente di Boliva, Morales, pianifica una manifestazione di partito al confine con l'Argentina

0
66

La Paz – L'ex presidente boliviano Evo Morales sabato ha fatto appello affinché i suoi sostenitori partecipassero a una manifestazione al confine tra Argentina e Bolivia il 29 dicembre per scegliere un candidato per l'elezione della Bolivia all'inizio del prossimo anno.

FOTO FILE: L'ex presidente boliviano Evo Morales lascia dopo aver tenuto una conferenza stampa a Buenos Aires, in Argentina, il 19 dicembre 2019. REUTERS / Agustin Marcarian

In un'intervista con la radio argentina, Morales, che ha cercato asilo politico in Argentina, ha dichiarato di aver convocato la riunione del Partito del movimento per il socialismo, che ha guidato per 14 anni come presidente.

"Sceglieremo il nostro candidato in vista delle prossime elezioni in Bolivia", ha dichiarato Morales a Radio La Network.

Un voto di ottobre per la scelta di un nuovo presidente, vicepresidente e alcuni legislatori nazionali è stato annullato a causa di gravi irregolarità rilevate da un audit internazionale.

Lo scandalo delle truffe elettorali ha costretto Morales a dimettersi e a lasciare la Bolivia a metà novembre.

Questa settimana, i legislatori hanno nominato un tribunale elettorale di sei membri, che dovrebbe fissare una data entro il 2 gennaio per le nuove elezioni entro 120 giorni.

L'ex presidente non ha riferito il luogo dell'incontro, ma la stampa locale ha suggerito che potrebbe aver luogo nelle città di Orano o Salvador Mazza, nella provincia di Salta, a circa 1.300 chilometri (808 miglia) a nord-ovest di Buenos Aires.

Morales ha dichiarato che il governo argentino ha accettato di fornire sicurezza per l'evento.

Il leader indigeno è rimasto in Argentina dal 12 dicembre, dopo aver lasciato il Messico, dove è fuggito dopo essersi dimesso dalla presidenza e sotto la pressione delle forze armate.

L'ex contadino della coca ha vinto un quarto mandato consecutivo alle elezioni del 20 ottobre e ha affermato di essere stato espulso in un colpo di stato.

I pubblici ministeri boliviani hanno emesso un mandato di arresto contro di lui mercoledì per i crimini di sedizione, terrorismo e finanziamento del terrorismo, promossi dal governo di Jeanine Áñez, ex senatore e oppositore di Morales, che è intervenuto come presidente ad interim a novembre.

Morales ha escluso di candidarsi come candidato e ha nominato Luis Arce Catacora, il suo ex ministro dell'economia, e Andronico Rodriguez, un capo sindacale chiave per i coltivatori di coca, come potenziali candidati presidenziali della MAS.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here