Le nazioni musulmane considerano l'oro, barattare il commercio per battere le sanzioni

0
70

KUALA LUMPUR – L'Iran, la Malesia, la Turchia e il Qatar stanno prendendo in considerazione la possibilità di negoziare tra di loro in oro e attraverso un sistema di baratto come copertura contro eventuali sanzioni economiche future nei loro confronti, ha affermato sabato il primo ministro malese Mahathir Mohamad.

Alla fine di un vertice islamico in Malesia, Mahathir ha elogiato l'Iran e il Qatar per aver resistito agli embargo economici e ha affermato che era importante che il mondo musulmano fosse autosufficiente per affrontare le minacce future.

"Con il mondo testimone delle nazioni che prendono decisioni unilaterali di imporre tali misure punitive, la Malesia e le altre nazioni devono sempre tenere presente che può essere imposta a ciascuno di noi", ha detto Mahathir.

Gli stati arabi alleati degli Stati Uniti, l'Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti, il Bahrain e l'Egitto hanno interrotto i legami diplomatici e commerciali con il Qatar circa 2-1 / 2 anni fa per accuse che sostengono il terrorismo, un'accusa negata da Doha. L'Iran, nel frattempo, è stato colpito duramente dopo che gli Stati Uniti hanno reintrodotto le sanzioni l'anno scorso.

"Ho suggerito di visitare nuovamente l'idea di trading utilizzando il dinaro d'oro e il baratto tra noi", ha detto Mahathir, riferendosi alla moneta d'oro medievale islamica.

"Stiamo esaminando seriamente questo aspetto e speriamo di poter trovare un meccanismo per metterlo in atto".

I leader concordarono sul fatto che dovevano fare più affari tra loro e scambiare le reciproche valute.

Il vertice, snobbato dall'Arabia Saudita, è stato criticato per aver minato l'Organizzazione della cooperazione islamica (OIC) con sede in Arabia Saudita, che rappresenta 57 nazioni a maggioranza musulmana. La Malesia ha dichiarato che tutti i membri dell'OIC erano stati invitati al vertice di Kuala Lumpur, ma solo circa 20 si sono presentati.

Entro il quarto e ultimo giorno del vertice, nessuna dichiarazione congiunta era stata rilasciata. Il vertice avrebbe dovuto discutere delle principali questioni che interessano i musulmani, tra cui la Palestina, il Kashmir e la difficile situazione dei musulmani rohingya in Myanmar e dei campi cinesi per i musulmani uiguri nella sua regione occidentale dello Xinjiang.

Senza nominare alcun paese, Mahathir ha affermato che i musulmani nei paesi non musulmani sono stati costretti a sottoporsi ad assimilazione.

"Sosteniamo l'integrazione ma l'assimilazione nella misura in cui si perde la nostra religione è inaccettabile", ha detto.

FOTO FILE: il presidente iraniano Hassan Rouhani, l'emiro Sheikh Tamim bin Hamad Al Thani del Qatar, il primo ministro della Malesia Mahathir Mohamad, il re della Malesia Sultan Abdullah Sultan Ahmad Shah, la regina malese Tunku Azizah Aminah Maimunah Iskandariah, la First Lady della Malesia Hasmah Mohamad, Emine Erdogan e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan posano per una fotografia durante il vertice di Kuala Lumpur a Kuala Lumpur, Malesia, 19 dicembre 2019. Dipartimento di informazione / consegna della Malesia via REUTERS

Durante una conferenza stampa, ha affermato che ai partecipanti al vertice è stato detto che gli uiguri erano detenuti in Cina.

"Dobbiamo ascoltare lo stato, dobbiamo ascoltare le persone che si lamentano, quindi solo sarà giusto", ha detto.

Ha definito sfortunato il nuovo atto di cittadinanza dell'India. L'atto facilita una più rapida naturalizzazione dei non musulmani provenienti da Afghanistan, Bangladesh e Pakistan che si erano stabiliti in India prima del 2015.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here