L'Afghanistan Ghani rivendica una stretta vittoria nei risultati preliminari del voto presidenziale

0
73

KABUL – Il presidente in carica dell'Afghanistan Ashraf Ghani ha vinto la maggioranza dei voti alle elezioni del 28 settembre, ha ritardato i risultati preliminari di domenica, dopo un sondaggio che ha fatto precipitare il paese in crisi politica ed è stato rovinato da accuse di frode.

La Commissione elettorale indipendente (IEC) ha dichiarato che l'affluenza totale alle elezioni presidenziali è stata di oltre 1,8 milioni con Ghani che si è assicurato il 50,64% – abbastanza per vincere il primo turno di votazioni – battendo il suo principale sfidante, Abdullah Abdullah, che attualmente condivide il potere con Ghani in un governo di unità.

In un discorso televisivo di domenica, Ghani ha accolto con favore il risultato e ha affermato che il paese è ora sulla strada giusta per prosperità e sviluppo.

"Con l'annuncio, ci stiamo spostando dall'oscurità alla luce e dall'incertezza a un futuro luminoso", ha detto Ghani a una folla esultante riunita nel palazzo presidenziale di Kabul.

Il capo della IEC, Hawa Alam Nuristani, ha dichiarato in precedenza a una conferenza stampa a Kabul che il risultato potrebbe cambiare dopo i risultati finali ed era ancora soggetto a una revisione da parte della commissione per i reclami elettorali.

Se una recensione mostrasse che il voto di Ghani è sceso al di sotto del 50% e nessun altro candidato a maggioranza, si terrà un secondo turno di votazioni, ha detto.

Secondo il conteggio pubblicato dall'IEC di domenica, l'affluenza totale è stata di 1.824.401 con Ghani che ha vinto 923.868 voti e Abdullah è arrivato secondo con il 39,5% e 720.099 voti.

Gli Stati Uniti, il più grande donatore dell'Afghanistan, hanno reagito con cautela al risultato.

“È importante che gli afgani ricordino: questi risultati sono preliminari. Rimangono molti passi prima che i risultati delle elezioni finali siano certificati, per garantire che il popolo afghano abbia fiducia nei risultati ”, ha detto l'ambasciatore americano in Afghanistan in un post su Twitter.

L'ufficio di Abdullah ha dichiarato in una dichiarazione che non ha accettato i risultati preliminari e che la commissione non ha affrontato la frode elettorale.

FOTO FILE: il candidato alla presidenza afgano Ashraf Ghani parla dopo aver espresso il suo voto alle elezioni presidenziali a Kabul, in Afghanistan, il 28 settembre 2019. REUTERS / Mohammad Ismail

"Il risultato che si basa è basato sulla frode e senza considerare le nostre legittime richieste, non sarà mai accettato", ha affermato la nota.

BASSA GIRATA

Con 9,7 milioni di elettori registrati, secondo l'IEC, l'affluenza alle urne è stata un record per le elezioni presidenziali afgane.

Il mese scorso, l'IEC ha iniziato a raccontare migliaia di voti a causa di quelle che ha descritto come discrepanze nel suo sistema. La squadra di Abdullah si oppose al racconto e lo definì un tentativo di aggiungere più voti a favore di Ghani. l'IEC ha respinto tali accuse.

In segno di protesta, i sostenitori di Abdullah hanno bloccato gli uffici IEC in sette province settentrionali per impedire il conteggio, creando ritardi nell'annuncio dei risultati.

La scorsa settimana, Abdullah ha permesso il conteggio, ma ha avvertito che non avrebbe accettato un risultato contaminato.

La situazione riecheggia nel 2014, quando sia Ghani che Abdullah hanno denunciato ingenti frodi da parte dell'altro, costringendo gli Stati Uniti a negoziare un accordo scomodo di condivisione del potere che ha reso il presidente Ghani e Abdullah il suo amministratore delegato.

Gli aiutanti vicini a Ghani, un ex funzionario della Banca Mondiale istruito in Occidente, hanno dichiarato che l'operatore storico non era pronto per un altro accordo di condivisione del potere con Abdullah, un ex medico e tre volte contendente alla presidenza.

Senza un leader unificante accettato da tutte le parti, l'Afghanistan potrebbe dividere ulteriormente lungo le linee tribali ed etniche.

Il risultato elettorale arriva anche in un momento critico per l'Afghanistan, poiché gli Stati Uniti stanno dimostrando più interesse nel negoziare un accordo di pace con i talebani per porre fine a una guerra che dura da più di 18 anni.

Ottantacinque civili sono stati uccisi e più di 370 feriti in attacchi militanti e violenze il giorno delle elezioni, hanno detto le Nazioni Unite il mese scorso, e il paese è precipitato nel caos con entrambi i campi di Ghani e Abdullah che rivendicano la vittoria prima che le votazioni fossero conteggiate.

Il rapporto delle Nazioni Unite ha accusato i talebani di attacchi deliberati contro civili il giorno delle elezioni.

Gli annunci sui risultati elettorali in Afghanistan sono generalmente seguiti da violente proteste da parte dei sostenitori della perdita di candidati.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here