La NASA lancia un veicolo spaziale “suicidio” per cacciare un asteroide fuori rotta

0
46

La sonda DART, delle dimensioni di un’auto, andrà a sbattere contro la “luna” di Dimorphos a più di 24.000 chilometri all’ora nel tentativo di portarla fuori rotta.

Illustrazione della navicella spaziale DART della NASA e del LICIACube dell’Agenzia Spaziale Italiana prima dell’impatto con il sistema binario Didymos. [NASA/Johns Hopkins APL/Steve Gribben]

La NASA ha lanciato una missione per distruggere deliberatamente un’astronave in un asteroide, un test nel caso in cui l’umanità avesse bisogno di fermare una gigantesca roccia spaziale dall’eliminare la vita sulla Terra.

Può sembrare fantascienza, ma il DART – Double Asteroid Redirection Test – è un vero esperimento di prova del concetto. È decollato alle 22:21 di martedì (06:21 GMT di mercoledì) a bordo di un razzo SpaceX dalla Vandenberg Space Force Base in California.

L’obiettivo è alterare leggermente la traiettoria di Dimorphos, una “luna” larga circa 160 metri (525 piedi) che circonda un asteroide molto più grande chiamato Didymos di 762 metri (2.500 piedi) di diametro. I due orbitano insieme intorno al Sole.

L’impatto dovrebbe avvenire nel terzo trimestre del 2022, quando il sistema binario di asteroidi si trova a 11 milioni di chilometri (6,8 milioni di miglia) dalla Terra, quasi il punto più vicino mai raggiunto.

“Quello che stiamo cercando di imparare è come deviare una minaccia”, ha detto il principale scienziato della NASA Thomas Zuburchen del progetto da 330 milioni di dollari, il primo del suo genere.

Per essere chiari, gli asteroidi in questione non rappresentano una minaccia per il pianeta. Ma appartengono a una classe di corpi noti come Near-Earth Objects (NEO), che si avvicinano entro 48 milioni di chilometri (30 milioni di miglia).

L’ufficio di coordinamento della difesa planetaria della NASA è più interessato a quelli più grandi di 140 metri (460 piedi), che hanno il potenziale per livellare intere città o regioni con molte volte l’energia della bomba nucleare media.

Ci sono 10.000 asteroidi vicini alla Terra conosciuti di quelle dimensioni o più, ma nessuno ha una possibilità significativa di colpire nei prossimi 100 anni. Un grande avvertimento: gli scienziati pensano che ci siano ancora altri 15.000 oggetti simili in attesa di essere scoperti.

Lo scienziato planetario Essam Heggy ha detto che mentre la missione della NASA suona come fantascienza, la minaccia per il pianeta è reale se viene ricordato il destino dei dinosauri 80 milioni di anni fa.

“Le possibilità di essere colpiti di nuovo da un asteroide sono lontane dalla fantascienza”, ha detto ad Al Jazeera. “Gli asteroidi di 100 metri e oltre sono una minaccia per la Terra e dobbiamo quantificare la nostra capacità di deviazione rispetto a queste minacce”.

Calcio a 24.000 km/h

Gli scienziati planetari possono creare impatti in miniatura nei laboratori e utilizzare i risultati per creare modelli sofisticati su come deviare un asteroide, ma i modelli sono sempre inferiori ai test del mondo reale.

Gli scienziati affermano che il sistema Didymos-Dimorphos è un “laboratorio naturale ideale” perché i telescopi terrestri possono facilmente misurare la variazione di luminosità della coppia e giudicare il tempo impiegato dalla luna per orbitare attorno al fratello maggiore.

Poiché l’attuale periodo dell’orbita è noto, il cambiamento rivelerà l’effetto della collisione, prevista tra il 26 settembre e il 1 ottobre 2022.

Inoltre, poiché l’orbita degli asteroidi non interseca mai la Terra, si ritiene che sia più sicuro studiarli.

La sonda DART, che è una scatola delle dimensioni di un grande frigorifero con pannelli solari delle dimensioni di una limousine su entrambi i lati, colpirà Dimorphos a più di 24.000 chilometri all’ora (15.000 miglia all’ora).

Andy Rivkin, il capo della squadra investigativa DART, ha detto che l’attuale periodo orbitale è di 11 ore e 55 minuti, e il team si aspetta che il calcio ridurrà di 10 minuti quel tempo.

C’è qualche incertezza su quanta energia verrà trasferita dall’impatto perché la composizione interna e la porosità del moonlet non sono note.

Più detriti vengono generati, più spinta verrà impartita a Dimorphos.

“Ogni volta che ci presentiamo su un asteroide, troviamo cose che non ci aspettiamo”, ha detto Rivkin.

Il veicolo spaziale DART contiene anche sofisticati strumenti per la navigazione e l’imaging, tra cui il Light Italian CubeSat for Imaging of Asteroids (LICACube) dell’Agenzia Spaziale Italiana per osservare l’incidente e i suoi postumi.

“Il CubeSat ci darà, speriamo, lo scatto – l’immagine più spettacolare dell’impatto di DART e del pennacchio di materiale espulso che si stacca dall’asteroide. Sarà un’immagine davvero storica e spettacolare”, ha affermato Tom Statler, scienziato del programma DART.

Scenario di Armageddon

Il cosiddetto metodo dell’impatto cinetico non è l’unico modo per deviare un asteroide, ma è l’unica tecnica pronta per essere utilizzata con la tecnologia attuale.

Altri che sono stati ipotizzati includono il volo di un veicolo spaziale nelle vicinanze per impartire una piccola forza gravitazionale.

Un altro è far esplodere un’esplosione nucleare nelle vicinanze, ma non sull’oggetto stesso, come nei film Armageddon e Deep Impact, che probabilmente creerebbe molti oggetti più pericolosi.

Gli scienziati stimano che gli asteroidi di 140 metri colpiscano una volta ogni 20.000 anni.

Gli asteroidi di 10 km (6 miglia) o più larghi, come quello che colpì 66 milioni di anni fa e portò all’estinzione della maggior parte della vita sulla Terra, inclusi i dinosauri, si verificano ogni 100-200 milioni di anni.

DART è l’ultima di numerose missioni della NASA degli ultimi anni per esplorare e interagire con gli asteroidi, resti rocciosi primordiali della formazione del sistema solare 4,6 miliardi di anni fa.

Il mese scorso, la NASA ha lanciato una sonda in un viaggio verso gli ammassi di asteroidi troiani in orbita vicino a Giove, mentre la navicella spaziale OSIRES-REx sta tornando sulla Terra con un campione raccolto lo scorso ottobre dall’asteroide Bennu.

Il veicolo spaziale è in rotta di collisione con un asteroide nel primo test per verificare se la Terra può essere protetta da un impatto potenzialmente disastroso alterando leggermente la traiettoria di una roccia spaziale [Bill Ingalls/NASA via AP]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here