La mia giornata da paparazzi papali

0
70

Ero all'ombra del caldo sole giordano vicino al fiume Giordano nel luogo in cui Gesù fu battezzato da Giovanni Battista. Avevo rivendicato un posto sotto un piccolo albero nella fila di fotografi. Alla mia sinistra c'era un fotografo dell'Oregon che era stato assunto dal Tourism Board. A destra c'era un fotografo di AP e quel passato di un'altra troupe cinematografica statunitense che normalmente spara a Amazing Race che era stata assunta dalla famiglia reale. L'area irta di treppiedi e grandi teleobiettivi. Il mio è stato senza dubbio il meno impressionante di qualsiasi attrezzatura utilizzata, dal momento che si trattava di fotografi e videografi professionisti. Ma intorno al mio collo c'era un pass per la stampa che portava il nome del Regno hascemita di Giordania e il sigillo papale. Aspettavamo il papa.

I blog di viaggio mi hanno portato occasionalmente a circostanze interessanti. Il piano originale, quando l'ente del turismo giordano mi invitò nel loro paese, era di vedere i siti e riferire sul perché le persone dovevano visitare questo gioiello mediorientale di un paese. Quei piani cambiarono un po 'quando il papa decise di visitare la Giordania per la prima volta. Una parte della popolazione giordana è cristiana, sebbene la percentuale sia discussa poiché la legge giordana non consente di porre la domanda "qual è la tua religione?" La popolazione del paese è cresciuta con i rifugiati nel corso degli anni dalla Palestina, dall'Iraq e dalla Siria. Alcuni di questi rifugiati sono anche cristiani.

La prima volta che ho sentito parlare della visita papale è stato che l'Ente per il Turismo voleva sapere se ero disposto a partecipare a una messa allo stadio di Amman ma che in seguito è stato cambiato in questo affare più privato. Il papa si sarebbe recato sul luogo del battesimo con la famiglia reale e poi si sarebbe incontrato con i rifugiati in una chiesa ortodossa russa incompiuta nelle vicinanze.

My Press pass, sì, c'è un refuso

Nel mio nuovo ruolo di fotoreporter ho indossato il mio documento di identità che mi ha permesso di passare oltre le guardie nell'edificio del governo dove si sono radunati i giornalisti e poi sono salito sugli autobus per Betania ("House of John (the Baptist)"), Giordania. Siamo arrivati ​​poco prima delle 15:30 e siamo saliti a bordo degli autobus circa mezz'ora dopo. Si trova a 45 minuti in auto nella Rift Valley dove il fiume Giordano sfocia nel Mar Morto. Man mano che si scende nella spaccatura sotto il livello del mare, la temperatura aumenta di 1 grado C ogni 100 metri e il clima mediterraneo diventa molto più caldo.

Siamo arrivati. Abbiamo rivendicato un posto. Noi abbiamo aspettato.

Premi in attesa del papa

Il processo mi ha ricordato le volte in cui ho avuto la possibilità di vedere un film in fase di realizzazione. Sembra tutto più glamour dall'esterno. La maggior parte dei giornalisti trasportava apparecchiature che pesavano 2-10 volte tanto quanto la mia piccola fotocamera (Canon T5i con obiettivo zoom Tamron da 28-200 mm). Nessuno abbastanza nuovo quello che stava succedendo. Ho sentito delle voci secondo cui uno dei 3 punti in cui il papa si sarebbe fermato aveva cibo e acqua per i giornalisti. Molti piani erano stati tenuti segreti per motivi di sicurezza.

Abbiamo aspettato un'ora e mezza affinché arrivassero le golf cart con il papa e la famiglia reale. Hanno avuto una breve conversazione. Il papa, che non è un giovane uomo, fu aiutato a scendere le scale fino alla piccola sorgente che era stata pulita e riempita d'acqua mentre aspettavamo. Ci vollero alcuni minuti per pregare sul luogo e se ne andarono di nuovo. La fermata è durata circa 5 minuti. Mentre i VIP si dirigevano alla loro prossima fermata nell'attuale sito del fiume Giordano, la stampa ha raggiunto il 3rd sito, una chiesa piena di futuri pellegrini.

Papa e famiglia reale

I pellegrini, per lo più rifugiati, cantavano inni e sventolavano stendardi e aspettavano l'arrivo del papa. Quando è arrivato, lo hanno salutato con le grida di "Viva Papa!" Il papa ha parlato in italiano, un vescovo ha tradotto una versione più breve del suo discorso in arabo. Ad alcuni pellegrini è stato permesso di fare brevi dichiarazioni in varie lingue. Sono stati presentati regali. I cori di bambini cantavano. I rappresentanti hanno ricevuto una benedizione papale. Dopo circa un'ora di questo, quasi tutto in lingue che non capivo, c'era la "Sacra Scrum" in cui il papa entrava nel pubblico e la gente si spingeva in avanti per essere benedetta. Ero preoccupato per lui, dato che lo stesso fragile uomo che aveva bisogno di aiuto per scendere le scale era al centro di una terrificante quantità di attenzioni. Uomini forti hanno cercato di dare un po 'di ordine al caos.

Papa Francesco a Betania, in Giordania

Sul bus di ritorno ad Amman i giornalisti che lo fanno regolarmente distribuiscono il loro cibo che avevano avuto la lungimiranza di fare i bagagli. Hanno aperto i loro laptop e iniziato a scrivere storie, a modificare video e fotografie. Un giornalista di Madrid ha dichiarato che gli piacerebbe assistere alle finali di calcio stasera con il Real Madrid, ma avrebbe ancora molto lavoro da fare. Sperava di catturare il secondo trimestre. Un altro giornalista di Washington DC progettò di alzarsi alle 5:30 per coprire il volo del papa, quindi lo avrebbe seguito in Israele.

Ho un rinnovato apprezzamento per giornalisti e fotoreporter dopo una giornata di lavoro al loro fianco. Anche adesso non ho alcun desiderio di esserlo.

Le mie foto della visita del Papa

La mia giornata da paparazzi papali

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here