Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi La malattia mentale può rendere difficile la lettura. Ecco perché – e...

La malattia mentale può rendere difficile la lettura. Ecco perché – e cosa puoi fare

0
59

Durante la scuola ero un bambino libresco. Sai, il tipo che amava la biblioteca e divorava un libro al giorno ogni volta che ne avevano la possibilità. Leggere e scrivere erano così importanti per la mia identità che non riuscivo a immaginare un giorno che passasse senza guardare un libro.

Quando sono andato all'università, le cose sono cambiate. Avevo meno tempo per leggere per piacere ed ero inondato dalla lettura accademica. L'ultima cosa che volevo fare era fissare Di Più parole.

La mia salute mentale iniziò a fallire nello stesso momento in cui l'amore per la lettura lo fece, ma mi ci è voluto molto tempo per notare la differenza tra i due. La gioia di leggere mi ha sempre fatto scivolare tra le dita. Niente mi ha portato molta gioia quando ero in uno stato depressivo; tutto era uno sforzo eccessivo con un guadagno troppo basso.

Con il progredire dell'università, ho raccolto più eventi traumatici rispetto ai crediti del corso e la mia salute mentale è peggiorata. Alla fine, ho ricevuto una diagnosi di disturbo post-traumatico da stress (PTSD) e ho abbandonato.

Quando ho lasciato l'università, avevo più tempo ed energie per leggere per piacere. Sorprendentemente, ho scoperto che non potevo.

Questo non vuol dire che non sono riuscito a pronunciare le parole o a scriverle – all'epoca lavoravo letteralmente come scrittore – ma era tremendamente difficile capire cosa leggevo.

Mi sono ritrovato a leggere più volte un paragrafo senza capirne una parola. Oppure, se in realtà sono riuscito a leggere e capire qualcosa, sono stato affaticato mentalmente dopo poche pagine.

Questo mi stava succedendo, un topo di biblioteca per tutta la vita, uno scrittore, un amante della letteratura. Mi sentivo inutile. Terribile. Fuori dal contatto con la persona libresca ho sempre pensato di esserlo. Non è stato solo che ho faticato a leggere, è che ho faticato a divertirmi. Chi potrebbe godere di un compito così monumentalmente difficile?

Quando ho chiesto in giro cosa stesse causando le mie improvvise difficoltà con la lettura, sono stato sorpreso di sapere che molti dei miei amici che avevano anche problemi di salute mentale stavano avendo la stessa lotta.

"Ho sempre pensato che l'università avesse risucchiato la lettura", ha detto uno dei miei amici. "Ma ora sono abbastanza sicuro che sia legato al mio PTSD."

Qualcos'altro che avevamo tutti in comune? Ci siamo tutti incolpati per aver lottato per leggere.

Molti di noi si sentivano pigri, stupidi o non abbastanza persistenti. Nel mio caso, mi sentivo una truffa: qualcuno che affermava di amare leggere e scrivere, ma in realtà non riusciva a leggere più di poche pagine al giorno. I libri che ho comprato e che non ho mai letto sono rimasti sul mio scaffale, provocandomi.

Si scopre che esiste un motivo psicologico per questo problema e non siamo assolutamente soli. Secondo gli psicologi, è abbastanza comune che le malattie mentali influenzino la capacità di leggere.

"Il trauma influisce assolutamente sull'abilità cognitiva, sulla concentrazione, sulla nostra capacità di apprendere e sì, persino sulla nostra capacità di leggere", afferma Alyssa Williamson, psicoterapeuta specializzata in traumi. "Di solito ho clienti che pensano di avere ADD o ADHD o ansia e molte volte hanno effettivamente a che fare con un trauma".

Ma perché esattamente il trauma influisce sulla nostra capacità di leggere? Per capirlo, dobbiamo prima capire il trauma.

Quando avvertiamo il pericolo, il nostro corpo ci prepara ad andare in modalità volo, volo o congelamento in modo da poterci proteggere dal pericolo. In quel momento, la corteccia prefrontale, che è la parte del nostro cervello responsabile della lettura, della matematica e di altri compiti di pensiero profondo, viene messa in pausa.

“Se qualcuno sviluppa PTSD, quel meccanismo si blocca. Il corpo non crede più che tu sia al sicuro, non importa quanto tu lo sappia cognitivamente ", dice Williamson. "Di conseguenza, il cervello si comporta come se l'evento pericoloso si stesse ripetendo continuamente, creando flashback, una varietà di sintomi fisici e chiudendo la corteccia prefrontale dove possono accadere accademici e letture".

Il trauma può anche influenzare il modo in cui ci relazioniamo con gli altri. Dato che leggere richiede spesso empatia o immaginarsi nei panni dei personaggi, può essere molto difficile gestirlo quando hai subito un trauma.

"La lettura è un'attività con una funzione superiore e una che ci richiede di lasciarci assorbire dalla mente di un altro per" ricevere "la loro comunicazione", afferma Mark Vahrmeyer, psicoterapeuta integrativo.

"Se stiamo portando un trauma non elaborato … potremmo essere in grado di leggere le parole su una pagina – meccanicamente, come una macchina – ma non possiamo usare la funzione cerebrale superiore per dare un senso a (loro)."

"(È anche difficile) permetterci di immaginare la mente di un altro … In uno stato disregolato di sentirsi sopraffatti, non c'è nessun" altro ", solo una minaccia", dice Vahrmeyer.

In altre parole, se non elaboriamo il trauma, diventiamo così sopraffatti che lottiamo per pensare, analizzare e entrare in empatia con le persone e le emozioni di cui leggiamo.

Non è solo il PTSD che può influire sulla tua capacità di leggere, afferma Williamson. “I problemi di concentrazione si verificano in tutti i tipi di malattie. La maggior parte di noi sa che le persone con ADD o ADHD avranno difficoltà a concentrarsi, ma difficoltà a concentrarsi si presenta in una varietà di diagnosi. "

Ciò può includere disturbi dell'umore come depressione e disturbo bipolare e quasi tutti i disturbi d'ansia, tra cui PTSD, DOC, ansia generalizzata o ansia sociale. "Problemi di concentrazione o lettura è anche un compagno comune durante il dolore, soprattutto dopo una perdita inaspettata", spiega.

Le buone notizie? Molte di queste condizioni, incluso PTSD, sono curabili. La terapia è un ottimo punto di partenza e quello raccomandato da Williamson e Vahrmeyer. Sperimenta e usa tecniche di coping che ti sembrano utili.

E mentre lavori sulla guarigione, ci sono alcune cose che puoi fare per migliorare la tua relazione con la lettura:

1. Smetti di legare la tua identità alla lettura

Feci una smorfia mentre scrivevo quella frase, perché anche io sentirsi attaccato. Così molti di noi topi di biblioteca commettono l'errore di ridursi al nostro amore per la lettura (e la scrittura). Quindi, nel momento in cui smettiamo di goderci l'atto di leggere, ci sentiamo truffatori o sentiamo di non sapere chi siamo.

È un lotto di pressione per metterti sotto, amico!

Prenditi un momento. Pensa a chi sei fuori dalla lettura e dalla scrittura. Quali hobby ti piacciono? Quali vorresti raccogliere? Fai pratica e divertiti.

2. Leggi i libri che ti piacciono davvero

Spesso ci sentiamo spinti a leggere i cosiddetti classici, anche quando non ci piacciono. A volte le leggiamo per adattarci, impressionare le persone o sembrare più intelligenti.

La verità è che non tutti apprezzano i classici e quando torni a leggere, i romanzi complessi e complessi possono essere difficili, ancor più se ti annoiano davvero. Invece, leggi qualcosa che ti piace davvero, anche se non è considerato un libro "fantastico".

Lasciamo andare lo snobismo attorno ai libri. Leggi il romanticismo. Leggi le biografie delle stelle della realtà. Per l'amor del cielo, leggi qualcosa tu amore – perché è il modo migliore per motivarti a leggere.

La vita è troppo breve per leggere libri che in realtà non ti piacciono.

3. Prova gli audiolibri

Proprio come c'è molta snobismo nel leggere i "classici", c'è anche molta snobismo negli audiolibri. Molte persone non le considerano come letture "reali" o credono che le persone che preferiscono gli audiolibri siano semplicemente pigre.

Il mio consiglio? Ignora quelle persone e approfitta di questo fantastico mezzo.

Molte persone trovano più semplice elaborare parole uditive piuttosto che elaborare parole scritte. Sono il contrario. Trovo gli audiolibri piuttosto impegnativi, ma potresti essere diverso.

Gli audiolibri possono riaccendere il tuo amore per la lettura dando vita allo storytelling per te. Per non parlare, ascoltare un libro può essere più semplice che leggerne uno in alcune situazioni, ad esempio se stai guidando, allenandoti o facendo le faccende domestiche.

4. Leggi racconti e articoli interessanti

Se il pensiero di leggere un intero libro ti esaurisce, prova a leggere brevi tratti di scrittura. Questo può includere:

  • storie brevi
  • poesia
  • articoli di riviste o giornali
  • articoli online

Alla fine, tutti implicano la lettura e l'elaborazione di parole scritte. Leggere intenzionalmente brevi brani può essere un ottimo modo per tornare a leggere libri lunghi. Pensalo come fare qualche breve corsa prima di entrare in una maratona.

Naturalmente, il primo passo è riconoscere il legame tra la tua salute mentale e la capacità di leggere.

Quando mi sono reso conto che la mia capacità di leggere stava cambiando a causa del PTSD, ho potuto affrontare la situazione con un po 'più di autocompassione. Invece di picchiarmi, potrei dire: "C'è una spiegazione logica per questo. Non è un atto d'accusa nei miei confronti come persona ".

Mi sono preso il tempo per tornare a leggere e leggo sempre di più ogni anno. Ad ogni giro di una pagina, ricordo la mia gioia e passione per la lettura.

Se il DPTS o un'altra condizione di salute mentale sta influenzando la tua capacità di leggere, sappi che non sei solo. Fortunatamente, può essere trattato e può migliorare. Sono una testimonianza vivente di questo fatto.


Sian Ferguson è uno scrittore e giornalista freelance di Grahamstown, in Sudafrica. La sua scrittura copre questioni relative alla giustizia sociale e alla salute. Puoi contattarla cinguettio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here