La Colombia protesta per intensificarsi quest'anno, afferma il leader sindacale

0
66

BOGOTA – Le proteste contro le politiche sociali ed economiche del presidente colombiano Ivan Duque ricominceranno con maggiore intensità quest'anno, ha affermato un leader del sindacato.

I manifestanti nel paese andino hanno tenuto manifestazioni di massa a novembre e dicembre dello scorso anno per chiedere una variegata lista di concessioni al governo di destra di Duque.

Martedì si apriranno nuove proteste con cacerolazos, Diogenes Orjuela, capo della Central Union of Workers (CUT), ha detto a Reuters giovedì scorso, riferendosi a una tradizionale forma di dissenso latinoamericano.

“Penso che (le proteste) saranno più forti. Quando diciamo più forti, sono manifestazioni e scioperi lontani da qualsiasi intento violento ", ha detto Orjuela. "La prima azione forte – come quella del 21 novembre, sarà simile – avrà luogo a marzo".

Le proteste dell'anno scorso sono state in gran parte pacifiche, ma sono state contrassegnate da saccheggi e attacchi contro i trasporti pubblici durante i loro primi giorni, portando Cali e Bogotà a istituire il coprifuoco.

Cinque persone sono morte in relazione alle manifestazioni, che sono seguite a sconvolgimenti in altri paesi dell'America Latina come Ecuador, Cile e Bolivia.

La morte dell'adolescente manifestante Dilan Cruz, ferita da un proiettile sparato dalla polizia antisommossa, è diventata un grido di battaglia per molti manifestanti, che hanno richiesto la dissoluzione della forza. Alla squadra è ora proibito usare l'arma che ha ucciso Cruz.

Il National Strike Committee, composto da sindacati come il CUT e gruppi di studenti, inizialmente presentò al governo 13 richieste di colloqui, compresi sforzi intensificati per fermare l'assassinio di attivisti per i diritti umani e attuare un accordo di pace con i ribelli di sinistra.

I manifestanti avevano chiesto al governo di ritirare una proposta di riforma fiscale, in particolare una disposizione per ridurre le tasse per le società, ma il disegno di legge è stato approvato dal Congresso poco prima di Natale.

I manifestanti si sono anche opposti a aumenti di voci sull'età pensionabile e tagli al salario minimo per i giovani – politiche che Duque nega di sostenere.

Il comitato ha successivamente aumentato la sua richiesta a 104 punti, compresa l'opposizione al fracking.

La maggior parte delle richieste sono cose già concordate con studenti, comunità indigene e altri gruppi, ma non attuate, ha detto Orjuela.

Il comitato ha richiesto colloqui individuali con il governo, ma Duque ha insistito per una più ampia partecipazione della società civile, compresi i gruppi di imprese.

"Ciò che gli scioperi e le marce hanno espresso è che c'è un'altra opinione in Colombia", ha detto Orjuela. "Per noi è molto importante che il governo capisca che deve ascoltare questa opinione".

Il comitato e il governo potrebbero incontrarsi nei prossimi giorni, ha aggiunto.