Home Notizia Mondo Ipertensione resistente: la colpa potrebbe essere dei batteri intestinali

Ipertensione resistente: la colpa potrebbe essere dei batteri intestinali

0
13

Una nuova ricerca sui roditori suggerisce che i batteri intestinali possono interferire con l’efficacia dei farmaci ipertensivi. Paul Linse/Getty Images
  • Quasi la metà di tutti gli adulti negli Stati Uniti ha la pressione alta.
  • Per circa il 20% di loro, la condizione non risponde ai farmaci.
  • In un nuovo studio condotto sui ratti, i ricercatori hanno scoperto che gli enzimi prodotti da alcuni batteri intestinali contribuiscono alla resistenza ai farmaci, impedendo il funzionamento dei farmaci antipertensivi.
  • I medici possono essere in grado di prevedere quali farmaci antipertensivi hanno maggiori probabilità di funzionare profilando i microbi intestinali delle persone.
  • Modificando la dieta o assumendo farmaci, le persone potrebbero essere in grado di modificare i microbi intestinali e aumentare l’efficacia di alcuni farmaci antipertensivi.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), 47% degli adulti negli Stati Uniti soffre di ipertensione o pressione alta. L’International Society of Hypertension definisce l’ipertensione come la pressione sanguigna che è costantemente superiore a 140 oltre 90 millimetri di mercurio (mm Hg).

Le persone con ipertensione sono a maggior rischio di complicazioni per la salute, tra cui malattie cardiache, infarto e ictus.

Per molte persone, l’ipertensione può essere controllata da farmaci, dieta ed esercizio fisico. Tuttavia, afferma il CDC che solo il 24% delle persone con ipertensione ha la propria condizione sotto controllo.

Ora, uno studio dell’Università di Toledo, Ohio, sarà pubblicato in Biologia sperimentaleha scoperto che i batteri intestinali possono spiegare perché il trattamento è inefficace per alcune persone.

Ipertensione resistente

Ipertensione resistente è la pressione sanguigna che rimane al di sopra di 140/90 mmHg nonostante il trattamento con tre farmaci antipertensivi di classi diverse alle dosi meglio tollerate, di cui uno deve essere un diuretico.

Attualmente, i medici curano l’ipertensione resistente cambiando i farmaci o aggiungendo farmaci extra a quelli che non funzionano. Tuttavia, alcune persone rinunciano ai farmaci a causa dell’aumento degli effetti collaterali di più trattamenti. Altri rimangono ipertesi nonostante un’accurata gestione medica.

Effetto dei batteri intestinali

In questo studio, i ricercatori hanno esaminato il microbioma intestinale dei ratti. Hanno scoperto che un comune batterio intestinale, Arriva il coprococcopuò interferire con l’azione di alcuni inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE).

ACE inibitoriche includono Lotensin (benazepril), Monopril (fosinopril) e Accupril (quinapril), sono alcuni dei trattamenti più comunemente usati per l’ipertensione.

Nello studio, i ricercatori hanno somministrato una singola dose di quinapril a ratti con pressione alta. Hanno scoperto che il farmaco era meno efficace nel ridurre la pressione sanguigna nei ratti con un carico di microbiota intestinale più elevato.

Per testare le loro osservazioni, hanno poi somministrato ai topi una combinazione di C. arriva e quinaprile. I ratti trattati con la combinazione hanno avuto una riduzione minore della pressione sanguigna rispetto a quelli trattati con solo quinapril.

Droghe scomposte

Hanno quindi eseguito test in vitro e l’hanno scoperto C. arriva rotto quinaprile. Suggeriscono che lo faccia producendo enzimi che idrolizzano il farmaco, rendendolo meno efficace.

Il professor Tim Spector, professore di Epidemiologia, King’s College London e capo dello Zoe Covid Symptom Study, ha detto Notizie mediche oggi che i risultati si sono aggiunti alle prove sugli effetti dei microbi intestinali:

“Ciò contribuisce alla crescita dei dati secondo cui i nostri microbi intestinali sono cruciali per l’efficacia con cui funzionano i farmaci più comuni e conferma studi simili con farmaci antidepressivi”.

E non sono solo i farmaci che possono essere influenzati dai microbi intestinali. In un studi recentiil prof. Spector e colleghi hanno scoperto che i microbi intestinali possono influenzare la pressione sanguigna nelle popolazioni tipiche.

Modificare i microbi intestinali

“Siamo ancora nelle prime fasi della determinazione delle interazioni tra batteri intestinali e farmaci antipertensivi”, ha affermato il dottor Tao Yang, Ph. D., professore assistente presso l’Università di Toledo e autore presentatore dello studio. “Tuttavia, i nostri risultati attuali suggeriscono che lo stesso farmaco potrebbe non essere appropriato per tutti perché ogni persona ha una composizione microbica intestinale unica con un profilo unico di attività enzimatiche”.

Gli autori stanno conducendo ulteriori esperimenti con diversi antipertensivi e altri tipi di batteri intestinali per esplorare ulteriormente le interazioni tra microbiota intestinale e farmaci per la pressione sanguigna.

Il dottor Yang ha continuato: “Una migliore comprensione della relazione tra i microbi intestinali e l’efficacia dei farmaci potrebbe portare a nuovi approcci terapeutici per le persone che non rispondono ai farmaci per la pressione sanguigna. Ciò potrebbe includere nuovi farmaci o la modulazione del microbiota intestinale con probiotici, antibiotici e altri metodi”.

“Dato che tutti noi abbiamo comunità intestinali microbiche uniche, capire come possiamo ottimizzarle attraverso approcci personalizzati alla nostra dieta è fondamentale per le future strategie di salute”.

– Prof. Spector

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here