Una donna anziana chiude gli occhi mentre sorride
I ricercatori affermano che gli esercizi di respirazione quotidiani possono aiutare a ridurre il rischio di Alzheimer. Settantaquattro/Getty Images
  • I ricercatori affermano che gli esercizi di respirazione quotidiani possono aiutare i peptidi nel flusso sanguigno.
  • Dicono che questa azione potrebbe aiutare a ridurre il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer.
  • Gli esperti affermano che gli esercizi di biofeedback come la respirazione quotidiana hanno una serie di benefici per la salute.

Gli esercizi di respirazione eseguiti per 20 minuti due volte al giorno hanno contribuito a ridurre i peptidi associati al morbo di Alzheimer nel sangue, secondo uno studio studio pubblicato sulla rivista Rapporti scientifici.

I ricercatori affermano che i risultati indicano che questi esercizi quotidiani potrebbero potenzialmente ridurre il rischio di sviluppare questa forma di demenza.

Nello studio, i partecipanti hanno utilizzato un’unità di biofeedback durante il completamento degli esercizi di respirazione per quattro settimane. I ricercatori hanno agganciato un cardiofrequenzimetro all’orecchio e lo hanno collegato a un laptop di fronte al partecipante.

I partecipanti sono stati 108, metà tra i 18 e i 30 anni e metà tra i 55 e gli 80 anni.

La metà dei partecipanti ha ascoltato musica rilassante o ha pensato a immagini rilassanti, come una scena sulla spiaggia o una passeggiata nel parco. Hanno anche visualizzato un cardiofrequenzimetro sullo schermo del laptop per assicurarsi che la loro frequenza cardiaca rimanesse costante.

Il secondo gruppo di partecipanti ha misurato il proprio respiro in modo che corrispondesse al pacer sul laptop. Quando un quadrato si alzò, inspirarono. Quando cadde, espirarono. Questo esercizio è stato progettato per aumentare le oscillazioni indotte dalla respirazione nella loro frequenza cardiaca. La loro frequenza cardiaca aumentava durante l’inspirazione e diminuiva durante l’espirazione.

I ricercatori hanno completato gli esami del sangue prima dell’inizio degli esercizi di respirazione e di nuovo dopo quattro settimane.

Hanno esaminato due peptidi: l’amiloide 40 e 42. Gli scienziati affermano di ritenere che un accumulo di questi peptidi inneschi il processo della malattia di Alzheimer. Un livello più alto di peptidi nel sangue potrebbe indicare un maggior rischio di sviluppare la malattia.

Cosa sono i peptidi beta-amiloide?

I peptidi amiloidi-beta sono il sospetto “cattivo” dell’Alzheimer, secondo il dottor David Merrill, psichiatra adulto e geriatrico e direttore del Pacific Brain Health Center del Pacific Neuroscience Institute presso il Providence Saint John’s Health Center in California.

Possono essere prodotti nel corpo a causa dello stress. In tal caso, avrebbe senso che la respirazione di rilassamento abbasserebbe i livelli.

“Ancora meglio sarebbe mitigare i fattori di stress in primo luogo. Corpo sano, mente sana”, ha detto Merrill Notizie mediche oggi.

“L’accumulo di peptidi beta-amiloide nel cervello è il primo passo nella patogenesi della malattia di Alzheimer”, ha affermato il dottor Martin J. Sadowski, professore di neurologia, psichiatria, biochimica e farmacologia molecolare presso la NYU Langone Health di New York.

“Questo processo richiede un certo numero di anni e si ritiene che sia modulato da diversi fattori, che rimangono non identificati”, ha detto Notizie mediche oggi.

Come la respirazione influisce sui peptidi

I livelli plasmatici di entrambi i peptidi sono diminuiti nel secondo gruppo durante lo studio che ha respirato lentamente e ha cercato di aumentare la variabilità della frequenza cardiaca. I risultati sono stati simili sia nei partecipanti più giovani che in quelli più anziani.

Gli scienziati hanno notato che questo potrebbe essere il primo studio a dimostrare che il comportamento può ridurre i peptidi beta-amiloidi nel plasma sanguigno.

Precedenti ricerche hanno dimostrato che la privazione del sonno e lo stress possono aumentare i livelli. Gli interventi di esercizio non hanno diminuito i livelli.

“Un ruolo critico dei peptidi beta-amiloide nel causare l’Alzheimer è chiaro dal fatto che qualsiasi mutazione genetica che aumenta il livello di peptidi beta-amiloide nel cervello aumenta il rischio di Alzheimer”, ha detto il dottor Gayatri Devi, neurologo del Lenox Hill Hospital. in New York. “Tuttavia, la tau anormale, un’altra proteina del cervello, è necessaria per sviluppare l’Alzheimer”.

Cosa devi sapere sul biofeedback

Secondo Harvard Health, il biofeedback tenta di insegnare a una persona che lo usa a controllare le funzioni automatiche del corpo.

Può aiutare le persone a controllare la frequenza cardiaca, la tensione muscolare, la respirazione, il sudore, la temperatura della pelle, che possono aiutare ad alleviare alcune condizioni mediche come l’ipertensione.

I ricercatori hanno notato che il biofeedback potrebbe essere un modo a basso costo ea basso rischio per ridurre i peptidi nel plasma.

“Qualsiasi esercizio di respirazione che aiuta a calmarci e riduce lo stress, così come ci permette di dormire, aiuta a prevenire l’Alzheimer”, ha detto Devi.

Durante una sessione di biofeedback, il terapeuta ti connette con sensori collegati a un computer, secondo Harvard Health. I sensori rilevano le risposte del corpo, che il computer registra.

Mentre impari a controllare le funzioni del tuo corpo, come la respirazione, la macchina del biofeedback segnala i tuoi progressi. Il terapista determina quante sessioni sono necessarie e, alla fine, potrebbe fornire esercizi da continuare a casa.

“Nello studio, è stato utilizzato un dispositivo basato su computer per guidare i partecipanti attraverso le sessioni di biofeedback”, ha detto Sadowski. “Tuttavia, è possibile addestrare le persone a eseguire il biofeedback senza guida. Un accumulo di peptidi beta-amiloide nel cervello è un processo incredibilmente lungo. Resta da determinare per quanto tempo continuare l’intervento di biofeedback per ottenere un effetto clinicamente significativo sulla riduzione del rischio di malattia”.