Il presidente dello Yemen trasferisce i poteri; L’Arabia Saudita offre miliardi di aiuti

0
11

Gli analisti affermano che gli sviluppi offrono un barlume di speranza per il paese devastato da sette anni di guerra.

Il presidente Abd-Rabbu Mansour Hadi ha affermato che il nuovo consiglio direttivo avrà il compito di negoziare con i ribelli Houthi “per un cessate il fuoco permanente” [File: Yemeni Presidency/AFP]

Il presidente yemenita in esilio Abd-Rabbu Mansour Hadi ha trasferito i suoi poteri a un nuovo consiglio presidenziale, in un importante rivolgimento politico che ha avuto luogo quando gli sforzi per porre fine alla guerra lunga anni nel paese hanno preso piede con una fragile tregua di due mesi.

“Delega irreversibilmente a questo consiglio direttivo presidenziale i miei pieni poteri”, ha detto Hadi in una dichiarazione televisiva giovedì, l’ultimo giorno dei colloqui di pace tenuti a Riyadh, la capitale dell’Arabia Saudita, che ha guidato una coalizione militare che sostiene lo Yemen a livello internazionale governo riconosciuto contro i ribelli Houthi.

Hadi ha aggiunto che il consiglio avrebbe il compito di negoziare con i ribelli Houthi “per un cessate il fuoco permanente”.

Ha anche licenziato il vicepresidente Ali Mohsen al-Ahmar, una potente figura militare, e ha delegato i poteri di al-Ahmar al consiglio presidenziale. Al-Ahmar è risentito dagli Houthi per le passate campagne militari nella loro roccaforte settentrionale e dai meridionali per il suo ruolo di primo piano nella guerra civile nord-sud del paese del 1994.

Dopo l’annuncio, l’Arabia Saudita ha dichiarato che stava organizzando 3 miliardi di dollari per sostenere l’economia devastata dalla guerra dello Yemen: 2 miliardi di dollari provenienti da Riyadh e un ulteriore miliardo di dollari dagli Emirati Arabi Uniti (EAU), anch’essi parte della coalizione.

Il regno ha anche chiesto una conferenza internazionale sullo Yemen, secondo i media statali.

“Il fatto che stiamo voltando pagina sul passato e che tutti questi gruppi si stiano unendo, e gli aiuti e gli investimenti sauditi… le stelle si stanno allineando un po’ sullo Yemen”, William Lawrence, professore di scienze politiche all’Università americana di Washington, DC, ha detto ad Al Jazeera.

“Speriamo che portino frutto”.

Il nuovo consiglio presidenziale è presieduto da Rashad al-Alimi, consigliere di Hadi ed ex ministro degli interni del governo del defunto presidente Ali Abdullah Saleh.

Al-Alimi ha stretti legami con l’Arabia Saudita e altri gruppi politici all’interno dello Yemen, incluso il potente partito Islah, il ramo transnazionale della Fratellanza Musulmana nello Yemen.

Il consiglio ha altri sette membri, ognuno dei quali ha un’influenza politica e militare sul campo in Yemen. Ciò include Aydarous al-Zubaidi, capo del secessionista Southern Transitional Council, un gruppo ombrello di milizie pesantemente armate e ben finanziate sostenute dagli Emirati Arabi Uniti dal 2015.

Anche lo sceicco Sultan al-Aradah, il potente governatore della provincia di Marib, ricca di energia, è stato nominato membro del consiglio. Così è stato Tariq Saleh, leader della milizia e nipote del defunto presidente che ha stretti legami con gli Emirati Arabi Uniti.

Crisi umanitaria

Lo Yemen è in guerra dalla fine del 2014, quando gli Houthi hanno sequestrato la capitale, Sanaa, e Hadi, che era stato eletto per un periodo di transizione di due anni nel 2012 dopo le proteste di massa contro il governo, sono fuggiti a sud.

Il lungo conflitto ha creato quella che le Nazioni Unite hanno descritto come la peggiore crisi umanitaria del mondo.

Il Paese è alla prima settimana di una tregua di due mesi mediata dalle Nazioni Unite. È la prima rottura a livello nazionale delle ostilità dal 2016.

Gli Houthi, invece, non partecipano ai colloqui tenuti a Riyadh.

Mohamed al-Attab di Al Jazeera, riferendo da Sanaa, ha detto che gli Houthi “non [recognise] qualsiasi mossa del governo riconosciuto a livello internazionale, dicono che questa mossa è ‘infondata'”.

Ha aggiunto che molti nel Paese sperano che l’annuncio possa inaugurare “un nuovo capitolo nella storia dello Yemen”.

Elisabeth Kendall, analista dell’Università di Oxford, ha detto ad Al Jazeera che “il cambiamento e il riavvicinamento con gli Houthi non sarebbero mai avvenuti sotto la guida del presidente Hadi”.

“È rimasto in circolazione per 10 anni in totale e non è un presidente popolare”, ha detto Kendall, aggiungendo che la leadership mostrata dal presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy potrebbe aver puntato i riflettori sulle carenze di Hadi, aumentando la pressione su di lui per cedere il potere.

L’analista dell’International Crisis Group Peter Salisbury ha scritto su Twitter che l’annuncio è stato “un grosso problema”.

“Il cambiamento più consequenziale nel funzionamento interno del blocco anti-huthi dall’inizio della guerra. Il modo in cui funzionerà effettivamente in pratica sarà… complicato per non dire altro”, ha affermato.

Ex generale dell’esercito del sud dello Yemen, Hadi si è trasferito nel nord in mezzo a disordini politici in patria nel 1986. È salito di grado fino a diventare vicepresidente sotto Saleh, che ha unito il nord e il sud dello Yemen nel 1990.

Hadi ha preso il timone di uno stato in rovina dopo che le proteste della Primavera Araba nel 2011 hanno abbattuto Saleh, poi ucciso nel 2017 mentre cercava di cambiare alleanza.

Hadi era l’unico nome nella scheda elettorale per le elezioni del 2012 intese a guidare lo Yemen attraverso una transizione verso la democrazia guidata dalle potenze occidentali e regionali guidate dalla vicina Arabia Saudita.

Ma ha dovuto affrontare lunghe difficoltà, tra cui un’economia al collasso e sfide alla sicurezza, in quello che doveva essere un mandato di due anni per la supervisione della transizione.

Hadi non è riuscito a costruire una propria base di potere durante i suoi decenni in uniforme. Dopo aver assunto il potere, ha lanciato una “Conferenza di dialogo nazionale” (NDC) per elaborare una nuova costituzione, ma le cose si sono rapidamente sbrogliate.

L’esercito e gli alleati del governo di Saleh hanno minato la transizione quando i combattenti di al-Qaeda hanno creato un mini-stato e hanno colpito Sanaa con bombardamenti sempre più sanguinosi.

Gli Houthi presero Sanaa con l’aiuto delle unità dell’esercito fedeli a Saleh, costringendo Hadi a condividere il potere. Quando l’NDC ha proposto una costituzione federale, sia gli Houthi che i separatisti del sud l’hanno respinta per aver smussato la loro ritrovata influenza.

Hadi ha suggerito che il suo ex capo Saleh non ha fatto alcun tentativo per aiutarlo ad affrontare una varietà di politici e combattenti in conflitto.

“C’è una cospirazione pianificata e alleanze tra gli ex stakeholder desiderosi di vendetta”, ha detto Hadi dopo che Sanaa è caduta in mano agli Houthi nel 2014.

Gli Houthi hanno arrestato Hadi all’inizio del 2015, ma è scappato ed è fuggito nel porto meridionale di Aden.

Nel marzo 2015, la coalizione a guida saudita è entrata in guerra contro gli Houthi e ha portato Hadi a Riyadh.

La conseguente guerra tra gli Houthi e la coalizione a guida saudita uccise decine di migliaia di persone e spinse lo Yemen sull’orlo della carestia.

Il governo di Hadi ha affrontato le stesse accuse di corruzione e cattiva gestione del suo predecessore autocratico, sia dagli Houthi che dagli alleati nominali sotto la coalizione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here