Il leader iraniano ha ordinato la repressione dei disordini: "Fai tutto ciò che serve per metterlo fine"

0
71

– Dopo giorni di proteste in tutto l'Iran il mese scorso, il leader supremo Ayatollah Ali Khamenei è apparso impaziente. Riunendo i suoi più alti funzionari di sicurezza e di governo, ha emesso un ordine: fai tutto il necessario per fermarli.

Tale ordine, confermato da tre fonti vicine alla cerchia interna del leader supremo e un quarto ufficiale, ha dato il via alla più sanguinosa repressione dei manifestanti dalla Rivoluzione Islamica del 1979.

Circa 1.500 persone sono state uccise durante meno di due settimane di disordini iniziati il ​​15 novembre. Il pedaggio, fornito a Reuters da tre funzionari del ministero degli interni iraniani, comprendeva almeno 17 adolescenti e circa 400 donne e alcuni membri delle forze di sicurezza e polizia.

Il bilancio di 1.500 è significativamente più alto rispetto alle cifre dei gruppi internazionali per i diritti umani e degli Stati Uniti. Un rapporto del 16 dicembre di Amnesty International affermava che il bilancio delle vittime era almeno di 304. Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, in una dichiarazione a Reuters, ha dichiarato che stima che siano state uccise molte centinaia di iraniani e ha riferito che il numero potrebbe essere superiore a 1.000.

Le cifre fornite a Reuters, hanno affermato due funzionari iraniani che le hanno fornite, si basano sulle informazioni raccolte dalle forze di sicurezza, dagli obitori, dagli ospedali e dagli uffici del coroner.

L'ufficio del portavoce del governo ha rifiutato di commentare se gli ordini provenissero da Khamenei e durante la riunione del 17 novembre. La missione dell'Iran presso le Nazioni Unite non ha risposto a una richiesta di commento per questa storia.

In una dichiarazione lunedì seguente alla pubblicazione di questo articolo, un portavoce del Supreme National Security Council iraniano ha descritto la cifra del bilancio delle vittime come "notizie false", secondo l'agenzia di stampa semi-ufficiale Tasnim.

Ciò che è iniziato come proteste sparse per un aumento a sorpresa dei prezzi della benzina si è rapidamente diffuso in una delle maggiori sfide per i sovrani clandestini dell'Iran dalla Rivoluzione Islamica del 1979.

Il 17 novembre, il secondo giorno, i disordini avevano raggiunto la capitale Teheran, con la gente che chiedeva la fine della Repubblica islamica e la caduta dei suoi leader. I manifestanti hanno bruciato le foto di Khamenei e hanno chiesto il ritorno di Reza Pahlavi, il figlio esiliato del rovesciato Shah dell'Iran, secondo i video pubblicati sui social media e testimoni oculari.

Quella sera nella sua residenza ufficiale in un complesso fortificato nel centro di Teheran, Khamenei ha incontrato alti funzionari, tra cui aiutanti della sicurezza, il presidente Hassan Rouhani e membri del suo gabinetto.

Durante l'incontro, descritto a Reuters dalle tre fonti vicine alla sua cerchia interna, il leader ottantenne, che ha l'ultima parola su tutte le questioni statali nel paese, ha alzato la voce ed ha espresso critiche sulla gestione dei disordini. Era anche arrabbiato per il rogo della sua immagine e la distruzione di una statua del defunto fondatore della repubblica, l'Ayatollah Ruhollah Khomeini.

“La Repubblica islamica è in pericolo. Fai tutto il necessario per finirlo. Hai il mio ordine ”, ha detto il leader supremo al gruppo, ha affermato una delle fonti.

Khamenei ha dichiarato che avrebbe ritenuto i funzionari riuniti responsabili delle conseguenze delle proteste se non li avessero fermati immediatamente. Coloro che hanno partecipato alla riunione hanno concordato che i manifestanti miravano a far cadere il regime.

"I nemici volevano rovesciare la Repubblica islamica ed era necessaria una reazione immediata", ha affermato una delle fonti.

Il quarto funzionario, che è stato informato sulla riunione del 17 novembre, ha aggiunto che Khamenei ha chiarito che le manifestazioni hanno richiesto una risposta energica.

"Il nostro imam", ha detto il funzionario, riferendosi a Khamenei, "risponde solo a Dio. Si interessa delle persone e della rivoluzione. Era molto fermo e disse che quei rivoltosi dovevano essere schiacciati. "

I sovrani clericali di Teheran hanno incolpato i "criminali" collegati agli oppositori del regime in esilio e ai principali nemici stranieri del paese, vale a dire gli Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita, per aver suscitato agitazioni. Khamenei ha descritto i disordini come il lavoro di una "cospirazione molto pericolosa".

Un rapporto del 3 dicembre sulla televisione di stato iraniana ha confermato che le forze di sicurezza avevano colpito a morte i cittadini, affermando che "alcuni rivoltosi sono stati uccisi in scontri". L'Iran non ha dato il bilancio ufficiale della morte e ha respinto le cifre come "speculative".

"Lo scopo dei nostri nemici era di mettere in pericolo l'esistenza della Repubblica islamica innescando rivolte in Iran", ha dichiarato il comandante in capo dell'élite Revolutionary Guards Corps, Hossein Salami, il mese scorso, secondo i media iraniani.

Le guardie rivoluzionarie hanno rifiutato di commentare questo rapporto.

Il 27 novembre il ministro degli interni iraniano ha dichiarato che oltre 140 siti governativi sono stati incendiati insieme a centinaia di banche e dozzine di stazioni di servizio, mentre 50 basi utilizzate dalle forze di sicurezza sono state attaccate, secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa statale iraniana IRNA . Il ministro ha detto che fino a 200.000 persone hanno preso parte ai disordini a livello nazionale.

“ODORE DI GUNFIRE E FUMO”

Per decenni, l'Iran islamico ha cercato di espandere la sua influenza in tutto il Medio Oriente, dalla Siria all'Iraq e al Libano, investendo il capitale politico ed economico di Teheran e sostenendo le milizie. Ma ora deve affrontare pressioni in patria e all'estero.

Negli ultimi mesi, dalle strade di Baghdad a Beirut, i manifestanti hanno espresso rabbia a Teheran, bruciando la sua bandiera e cantando slogan del regime anti-iraniano. A casa, la lotta quotidiana per arrivare a fine mese è peggiorata da quando gli Stati Uniti hanno reintrodotto le sanzioni dopo aver ritirato lo scorso anno dall'accordo nucleare che l'Iran ha negoziato con le potenze mondiali nel 2015.

FOTO FILE: il supremo leader iraniano Ayatollah Ali Khamenei tiene un discorso durante una cerimonia in occasione dell'anniversario della morte del fondatore della repubblica islamica Ayatollah Ruhollah Khomeini, a Teheran, Iran, il 4 giugno 2017. TIMA via REUTERS

Le proteste sono scoppiate dopo un annuncio del 15 novembre sui media statali che i prezzi del gas sarebbero aumentati fino al 200% e che le entrate sarebbero state utilizzate per aiutare le famiglie bisognose.

In poche ore, centinaia di persone si sono riversate nelle strade in luoghi come la città nord-orientale di Mashhad, la provincia sud-orientale di Kerman e la provincia sud-occidentale del Khuzestan al confine con l'Iraq, secondo i media statali. Quella notte, un residente della città di Ahvaz in Khuzestan descrisse la scena per telefono a Reuters.

"La polizia antisommossa è in vigore e sta bloccando le strade principali", ha detto la fonte. "Ho sentito sparare". In seguito sono emersi video sui social media e sulla televisione di stato che mostravano filmati di scontri ad Ahvaz e altrove tra cittadini e forze di sicurezza.

Le proteste hanno raggiunto oltre 100 città e sono diventate politiche. Manifestanti giovani e della classe operaia hanno chiesto ai leader del clero di dimettersi. In molte città risuonò un canto simile: "Vivono come dei re, le persone diventano più povere", secondo i video sui social media e i testimoni.

Il 18 novembre a Teheran, la polizia antisommossa ha sparato casualmente contro i manifestanti in strada "con l'odore di spari e fumo ovunque", ha detto una donna residente a Teheran raggiunta per telefono. La gente stava cadendo e urlando, ha aggiunto, mentre altri hanno cercato rifugio in case e negozi.

La madre di un ragazzo di 16 anni ha descritto di averlo trattenuto, inzuppato di sangue, dopo che gli avevano sparato durante le proteste in una città dell'Iran occidentale il 19 novembre. Parlando in condizioni di anonimato, ha descritto la scena in un'intervista telefonica.

"Ho sentito gente dire:" Gli hanno sparato, gli hanno sparato ", ha detto la madre. "Ho corso verso la folla e ho visto mio figlio, ma metà della sua testa è stata colpita." Ha detto che ha invitato suo figlio, il cui nome era Amirhossein, a non unirsi alle proteste, ma non ha ascoltato.

Le autorità iraniane hanno dispiegato la forza letale a un ritmo molto più rapido dall'inizio rispetto ad altre proteste negli ultimi anni, secondo gli attivisti e i dettagli rivelati dalle autorità. Nel 2009, quando milioni di persone hanno protestato contro la contestata rielezione del presidente della linea dura Mahmoud Ahmadinejad, circa 72 persone sono state uccise. E quando l'Iran ha affrontato ondate di proteste per le difficoltà economiche nel 2017 e nel 2018, il bilancio delle vittime è stato di circa 20 persone, hanno detto i funzionari.

Khamenei, che ha governato l'Iran per tre decenni, si è rivolto alle sue forze d'élite per reprimere i recenti disordini: le Guardie Rivoluzionarie e la sua milizia religiosa Basij affiliata.

Un membro anziano delle Guardie rivoluzionarie nella provincia occidentale di Kermanshah ha dichiarato che il governatore provinciale ha impartito istruzioni in una riunione di emergenza a tarda notte nel suo ufficio il 18 novembre.

"Abbiamo ricevuto ordini dagli alti funzionari di Teheran di porre fine alle proteste", ha detto il membro della Guardia, raccontando il discorso del governatore. “Niente più misericordia. Stanno mirando a rovesciare la Repubblica islamica. Ma li sradicheremo. ”L'ufficio del governatore ha rifiutato di commentare.

Mentre le forze di sicurezza si espandevano in tutto il paese, i consulenti di sicurezza hanno informato Khamenei sulla scala dei disordini, secondo le tre fonti che hanno familiarità con i colloqui nel suo complesso.

Il ministro degli Interni ha presentato il numero di vittime e arresti. Il ministro dell'intelligence e il capo delle Guardie rivoluzionarie si sono concentrati sul ruolo dei gruppi di opposizione. Alla domanda sul ruolo del ministro degli Interni e dell'intelligence nella riunione, l'ufficio del portavoce del governo ha rifiutato di commentare.

Khamenei, affermano le tre fonti, era particolarmente preoccupato per la rabbia nelle piccole città della classe operaia, i cui elettori a basso reddito sono stati un pilastro di sostegno per la Repubblica islamica. I loro voti contano nelle elezioni parlamentari di febbraio, una cartina di tornasole della popolarità dei sovrani clericali da quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è uscito dall'accordo nucleare iraniano – un passo che ha portato a un crollo dell'80% delle esportazioni di petrolio dell'Iran dallo scorso anno.

Spremuto dalle sanzioni, Khamenei ha poche risorse per affrontare l'inflazione elevata e la disoccupazione. Secondo i dati ufficiali, il tasso di disoccupazione è complessivamente del 12,5% circa. Ma è circa il doppio per i milioni di giovani iraniani, che accusano l'istituzione di cattiva gestione economica e corruzione. Khamenei e altri funzionari hanno invitato la magistratura a intensificare la sua lotta contro la corruzione.

“SANGUE SULLE STRADE”

Funzionari di quattro province hanno affermato che il messaggio era chiaro: la mancata eliminazione dei disordini incoraggerebbe le persone a protestare in futuro.

Un funzionario locale a Karaj, una città della classe operaia vicino alla capitale, ha detto che ci sono stati ordini di usare qualsiasi forza necessaria per porre immediatamente fine alle proteste. "Gli ordini provenivano da Teheran", ha detto, parlando a condizione di anonimato. "Riportali a casa loro, anche sparandogli." I funzionari del governo locale hanno rifiutato di commentare.

Gli abitanti di Karaj hanno dichiarato di essere stati colpiti dai tetti mentre le guardie rivoluzionarie e la polizia sulle mitragliatrici di motociclette brandivano mitragliatrici. “C'era sangue dappertutto. Sangue per le strade ", ha detto un residente al telefono. Reuters non ha potuto verificare in modo indipendente tale account.

Nella contea di Mahshahr, nella provincia strategicamente importante del Khuzestan, nel sud-ovest dell'Iran, le Guardie Rivoluzionarie in veicoli blindati e carri armati hanno cercato di contenere le manifestazioni. La TV di stato ha affermato che le forze di sicurezza hanno aperto il fuoco sui "rivoltosi" nascosti nelle paludi. I gruppi per i diritti umani hanno affermato di ritenere che Mahshahr abbia avuto uno dei più alti tributi di morte per protesta in Iran, sulla base di ciò che hanno sentito dalla gente del posto.

“Il giorno successivo, quando siamo andati lì, l'area era piena di corpi di manifestanti, principalmente giovani. Le guardie non ci hanno permesso di prendere i corpi ", ha detto il funzionario locale, stimando che" dozzine "sono state uccise.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dichiarato di aver ricevuto video delle Guardie Rivoluzionarie che aprono il fuoco senza preavviso sui manifestanti a Mahshahr. E che quando i manifestanti sono fuggiti nelle vicine paludi, le Guardie li hanno inseguiti e li hanno circondati con mitragliatrici montate su camion, spruzzando i manifestanti con proiettili e uccidendo almeno 100 iraniani.

Le autorità iraniane contestano l'account degli Stati Uniti. Funzionari iraniani hanno affermato che le forze di sicurezza di Mahshahr hanno affrontato "ribelli" che hanno descritto come una minaccia alla sicurezza dei complessi petrolchimici e di una via energetica chiave che, se bloccata, avrebbe creato una crisi nel paese.

Un funzionario della sicurezza ha detto a Reuters che le notizie su Mahshahr sono "esagerate e non vere" e che le forze di sicurezza stavano difendendo "le persone e le strutture energetiche del paese nella città dal sabotaggio di nemici e rivoltosi".

A Isfahan, un'antica città di due milioni di persone nell'Iran centrale, il voto del governo di aiutare le famiglie a basso reddito con denaro raccolto dall'aumento dei prezzi del gas non è riuscito a rassicurare persone come Behzad Ebrahimi. Ha detto che suo nipote di 21 anni, Arshad Ebrahimi, è stato colpito a morte durante la repressione.

"Inizialmente si sono rifiutati di darci il corpo e volevano che lo seppellissimo con altri uccisi nelle proteste", ha detto Ebrahimi. "Alla fine l'abbiamo seppellito noi stessi, ma sotto la forte presenza delle forze di sicurezza". Attivisti per i diritti hanno confermato gli eventi. Reuters non è stato in grado di ottenere commenti dal governo o dal governatore locale sulle specifiche dell'account.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here