cucchiaino e zucchero di canna
I ricercatori sostengono che il fruttosio potrebbe essere un fattore chiave dell’obesità, Credito immagine: Martin Barraud/Getty Images.
  • Il numero di persone affette da obesità è aumentato rapidamente negli ultimi 50 anni.
  • Le cause probabili sono uno squilibrio energetico, in cui l’apporto energetico supera l’energia utilizzata, o diete ricche di grassi o carboidrati.
  • Tuttavia, un nuovo studio suggerisce un’ipotesi diversa: secondo cui il fruttosio, uno zucchero semplice presente in molti alimenti, potrebbe essere il motore dell’obesità.
  • Gli autori propongono che il fruttosio ripristina il metabolismo cellulare, aumentando la fame e stimolando il desiderio di cibi ricchi di energia, come grassi e carboidrati, con conseguente aumento di peso.

L’obesità è un problema crescente in tutto il mondo. Secondo il Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)i tassi di obesità sono triplicati dal 1975, con il 13% di tutti gli adulti ora classificati come obesi.

Nel stati Unititra il 1980 e il 2008, i tassi di obesità sono aumentati dal 13,4% al 34,3% degli adulti e, entro il 2020, Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ha riferito che il 41,9% degli adulti negli Stati Uniti era obeso.

L’obesità aumenta il rischio di molte condizioni di salute ed eventi avversi, come l’apnea notturna, le malattie cardiache, il diabete di tipo 2 e l’ictus.

Può anche aumentare la probabilità di sviluppare alcuni tumori ed è collegato a problemi con il sistema digestivo, la pelle, la fertilità e la salute mentale.

Quali sono le cause dell’obesità?

Ma cosa sta causando questo enorme aumento dei casi di obesità a livello globale? Le teorie includono:

  • l’ipotesi del bilancio energetico — l’apporto energetico supera la spesa energetica
  • il modello carboidrati-insulina — le diete ricche di carboidrati fanno particolarmente ingrassare poiché aumentano la secrezione di insulina
  • l’ipotesi della leva proteica — un basso apporto proteico può portare a un consumo energetico complessivo più elevato
  • l’ipotesi dell’olio di semi — L’aumento dell’obesità negli ultimi 50 anni è altamente correlato all’aumento dell’uso e del consumo di olio di semi, inclusi oli di soia, mais, girasole e colza.

Ora, un articolo della Anschutz School of Medicine dell’Università del Colorado propone che una singola sostanza – il fruttosio – possa guidare tutti questi modelli di aumento di peso.

Gli autori si sono basati sul loro lavoro precedente sull’effetto del fruttosio sulle cellule, formulando “l’ipotesi di sopravvivenza del fruttosio” per spiegare il rapido aumento dei tassi di obesità.

Il documento è pubblicato in Obesità.

Kelsey Costa, dietista e consulente nutrizionale della National Coalition on Healthcare, non coinvolta in questa ricerca, ha commentato questa ipotesi emergente per Notizie mediche oggi:

“Lo studio introduce un’integrazione convincente delle teorie esistenti sull’obesità, suggerendo che l’obesità non è semplicemente il risultato di un consumo eccessivo di energia ma, invece, una condizione di bassa energia, caratterizzata da un’insufficienza di ATP [adenosine triphosphate]a causa del tipo e della quantità di cibo consumato”.

L’ipotesi della sopravvivenza del fruttosio

Quando una persona mangia cibo, la maggior parte dell’energia ingerita viene convertita in adenosina trifosfato (ATP), la molecola che fornisce energia alle cellule. Se si mangia troppo cibo, l’energia in eccesso viene immagazzinata sotto forma di grasso.

Se l’alimento contiene fruttosio, il fruttosio subisce inizialmente la stessa conversione in ATP per alimentare tutte le funzioni del corpo.

Tuttavia, man mano che viene ingerito più fruttosio, l’attività del fruttosio viene soppressa mitocondri — gli organelli che producono ATP — nelle cellule, riducendo i livelli di ATP.

Quando i livelli di ATP diminuiscono, viene inviato un segnale di allarme che indica che la cellula potrebbe rimanere senza energia, il che stimola una serie di risposte biologiche, tra cui fame, sete, aumento dell’apporto energetico, resistenza all’insulina, aumento dell’assorbimento del cibo e riduzione del metabolismo a riposo.

Laddove il cibo è abbondante e contiene gran parte di fruttosio, è probabile che questi cambiamenti portino ad un aumento di peso.

Quali alimenti contengono fruttosio?

Il fruttosio è lo zucchero presente naturalmente nella frutta e nella verdura. Tuttavia, Costa ha avvertito che ciò non dovrebbe scoraggiare le persone dal mangiare frutta intera.

“Sebbene la maggior parte dei frutti interi contengano naturalmente fruttosio, il loro consumo non è associato all’obesità o all’aumento di peso negli esseri umani, poiché la presenza di fibre alimentari, composti bioattivi e nutrienti essenziali contrasta gli effetti del fruttosio sulla sazietà e sulla sensibilità all’insulina”, ci ha detto. .

“Pertanto, i frutti interi possono ancora essere gustati come parte di una dieta sana ed equilibrata per la gestione del peso”, ha aggiunto Costa.

Il problema sorge quando la frutta viene lavorata o il fruttosio viene aggiunto agli alimenti, spesso sotto forma di sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio (HFCS).

L’HFCS è un dolcificante prodotto a buon mercato dall’amido di mais. Si trova nella maggior parte degli alimenti trasformati, quindi quelli più elaborati e in particolare cibo ultra-processato c’è nella vostra dieta, maggiore sarà probabilmente l’assunzione di fruttosio.

E questo è non solo cibi dolci, come bibite, succhi zuccherati e dolci e torte confezionati, che lo contengono. Gli alimenti che consideriamo salati, tra cui pane, zuppe in scatola, pasti preconfezionati, cereali e molti fast food, possono tutti contenere HFC.

“Il proposto ‘cambiamento di sopravvivenza del fruttosio’ è potenzialmente alla base dell’influenza degli alimenti ultra-processati sull’apporto energetico e sull’aumento di peso. L’alto contenuto di sale spesso presente in questi alimenti potrebbe stimolare ulteriormente la produzione di fruttosio, esacerbando lo squilibrio energetico e contribuendo all’obesità”.

–Kelsey Costa

Il fruttosio è presente anche nello zucchero da tavola, o saccarosio – che è composto da glucosio e fruttosio – ed è prodotto nel corpo da glucosio e altri carboidrati, come ha spiegato Costa.

“Il corpo può anche convertire il glucosio in fruttosio attraverso il via dei polioli, attivato da vari fattori scatenanti come il diabete, diete ad alto contenuto glicemico o ad alto contenuto di carboidrati, un’elevata assunzione di sale, una scarsa assunzione di acqua, cibi ricchi di purine o condizioni di stress, che portano all’obesità e ad altri effetti metabolici. L’alcol intensifica questo processo, stimolando una maggiore produzione di fruttosio”, ha detto MNT.

Unificare le teorie sui fattori che determinano l’obesità

Allora come fa la teoria del fruttosio a riunire tutte queste diverse idee sulle cause dell’obesità?

L’autore principale, il Prof. Richard Johnson, professore di medicina – malattie renali e ipertensione presso la Scuola di Medicina dell’Università del Colorado Anschutz Medical Campus, ha spiegato in un comunicato stampa che “[f]Il ruttosio è ciò che fa sì che il nostro metabolismo entri in modalità di risparmio energetico e perda il controllo dell’appetito, ma i cibi grassi diventano la principale fonte di calorie che determinano l’aumento di peso.

“Questa teoria vede l’obesità come uno stato di basso consumo energetico”, ha aggiunto. “Identificare il fruttosio come il condotto che reindirizza la sostituzione dell’energia attiva verso l’accumulo di grasso mostra che il fruttosio è ciò che guida lo squilibrio energetico, il che unisce le teorie.”

Assunzione moderata di fruttosio per aiutare a controllare il peso

Costa ha suggerito che moderare il consumo complessivo di fruttosio può essere una strategia essenziale per la gestione del peso e la prevenzione dell’obesità.

Ha consigliato:

  • aumentare l’assunzione di alimenti a basso indice glicemico e ricchi di fibre come verdure non amidacee, frutta intera e legumi
  • bere abbastanza acqua per mantenere il corpo idratato e facilitare la corretta funzione metabolica
  • limitare l’assunzione di cibi e bevande ad alto contenuto di fruttosio, come bevande zuccherate, dolci e alimenti ultra trasformati
  • ridurre il consumo di sodio, carboidrati raffinati e ad alto indice glicemico, alimenti ricchi di purine come carni rosse lavorate e alcol per limitare la produzione di fruttosio nel corpo.

“Che l’ipotesi della sopravvivenza del fruttosio sia vera o meno, queste raccomandazioni dietetiche possono aiutare le persone a mantenere un peso sano e a ridurre il rischio di obesità e malattie croniche”, ha consigliato.