Il Dos Santos dell'Angola vuole che il caso dell'innesto venga lasciato cadere, cita documenti che lei chiama falsi

0
101

LISBONA – Il miliardario angolano Isabel dos Santos ha chiesto martedì di archiviare un caso di corruzione contro di lei, accusando le autorità angolane di utilizzare documenti falsi, incluso un passaporto fasullo, per ottenere i tribunali per sequestrare i suoi beni.

FOTO FILE: Isabel Dos Santos, figlia dell'ex presidente dell'Angola e la donna più ricca dell'Africa, si presenta per un ritratto durante un'intervista a Reuters a Londra, Gran Bretagna, 9 gennaio 2020. Foto scattata il 9 gennaio. REUTERS / Toby Melville

Le autorità angolane hanno sequestrato i conti di dos Santos e suo marito Sindika Dokolo alla fine dell'anno scorso per accuse di aver indirizzato $ 1 miliardo in fondi statali a società in cui detenevano quote durante la presidenza di suo padre Jose Eduardo dos Santos, che ha governato per 38 anni fino a quando 2017.

A febbraio, i pubblici ministeri portoghesi hanno seguito l'esempio, congelando i beni di Isabel dos Santos nel paese dopo essere stata nominata sospetta in un'indagine per frode basata su accuse di appropriazione indebita e cattiva gestione durante il suo tempo come presidente di Sonangol.

Lei e Dokolo hanno negato qualsiasi illecito.

Dos Santos, 47 anni, di cui non si conosce la posizione, ha dichiarato che i suoi avvocati hanno scoperto un passaporto fabbricato a suo nome il mese scorso quando gli è stato concesso per la prima volta l'accesso ai file della corte di Luandan sul blocco dei beni.

Il passaporto era in inglese, il numero del passaporto è stato citato in modo diverso in due punti del documento e la firma apparteneva alla stella del kung fu Bruce Lee, morta da lungo tempo nel 1973, secondo una foto allegata a una dichiarazione di dos Santos.

"La Procura dell'Angola ha presentato prove materiali che sono state fabbricate e basate su un falso. Questa decisione del tribunale dovrebbe essere cancellata come abuso di processo e sentenza annullata ”, ha affermato dos Santos nella dichiarazione in lingua inglese.

"La falsificazione del passaporto è evidente a prima vista", ha detto.

Martedì le autorità angolane hanno dichiarato che il passaporto veniva verificato dall'ambasciata angolana "proprio per verificarne l'autenticità".

"Il periculum in mora (pericolo di danni alla giustizia a causa del ritardo della decisione) nel processo non si basava su alcun documento di identità ma su documenti che attestano il timore di una dissipazione dei beni", si legge nella dichiarazione dei procuratori angolani.

Il Portogallo, a sua volta, ha preso la decisione di congelare i beni dell'ex prima figlia in base all'accusa di frode, un'accusa penale non correlata al congelamento dei beni e "in cui non è stata inviata alcuna copia del passaporto", ha affermato la procura.

Il tribunale provinciale di Luandan in Angola non è stato raggiunto per la conferma o il commento sull'impatto che avrebbe sul blocco dei beni se il documento citato da Santos si dimostrasse fabbricato e parte del fascicolo contro di lei.

La sua ordinanza del tribunale di dicembre ha ordinato il congelamento dei beni elencato nelle sue accuse secondo cui conteneva documenti comprovanti che "l'imputato Isabel Jose dos Santos ha contattato le autorità giapponesi e ha mostrato interesse nel fare investimenti in quel paese fino a 1 miliardo di euro".

A gennaio, il procuratore capo dell'Angola ha dichiarato che un mandato di arresto internazionale per dos Santos potrebbe essere emesso se non riuscisse a collaborare all'inchiesta.