Il Canada è una nazione pedonale

0
27

Un gruppo eterogeneo di “leader” trasparenti e poco seri stanno facendo a gara per diventare il prossimo primo ministro del paese.

Da sinistra, Erin O’Toole, leader del Partito Conservatore del Canada, Justin Trudeau, primo ministro del Canada, Annamie Paul, leader del Partito dei Verdi del Canada, Jagmeet Singh, leader del Nuovo Partito Democratico (NDP), e Yves-Francois Blanchet, leader del partito Bloc Quebecois, durante un dibattito dei leader federali a Gatineau, Quebec, Canada, 8 settembre 2021 [File: Justin Tang/Canadian Press/Bloomberg via Getty Images]

Se prendere la misura dei candidati in competizione per diventare primo ministro è una cartina di tornasole, allora il Canada è una nazione pedonale.

Ora, prima che i lettori canadesi, in particolare, comincino a urlare di indignazione o mi accusi di diffamare un paese così adorabile pieno di persone così adorabili, questo, ve lo assicuro, non è il mio intento poco caritatevole.

Il mio obiettivo qui è quello di rivelare a un pubblico internazionale quanto siano trasparenti e poco seri – e in un caso, sinistri – i “leader” che competono per vincere le elezioni federali il 20 settembre per guidare quel bel paese, ovviamente, pieno di persone adorabili.

Comincerò con l’operatore storico: Justin Trudeau. I lettori fedeli di questo articolo dovrebbero ormai conoscere la mia antipatia per Trudeau, che ho precedentemente descritto come il Willy Wonka della politica canadese.

Ogni parola denigratoria che ho scritto sul nucleo disonesto e vacuo di Trudeau è stata confermata dalla sua decisione egoistica di indire elezioni anticipate che solo lui, e i suoi altrettanto miopi consiglieri, ritenevano necessarie nel mezzo di una pandemia risorgente.

Trudeau ha costruito un’identità vuota come un politico progressista, persino altruista, motivato esclusivamente dall’interesse nazionale e non dal perseguimento di qualsiasi meschino dividendo politico parrocchiale.

Quindi, in meno di due anni in un governo di minoranza, la costante arroganza di Trudeau e la sete geneticamente programmata del Partito Liberale di potere sfrenato hanno significato sacrificare rapidamente l’interesse nazionale per soddisfare il perseguimento di un meschino, parrocchiale, dividendo politico: una maggioranza.

Trudeau ha cercato di mascherare la sua ansiosa ricerca di quel meschino, parrocchiale, dividendo politico inquadrando queste elezioni come un referendum sulla sua gestione di una pandemia che, indovina un po’, rimane ostinatamente una pandemia.

Spogliato del banale e retorico shuffle di Trudeau, il “referendum” è il codice di questo narcisista per scoprire se i canadesi lo amano ancora. Questo, in definitiva, è ciò di cui tratta questa elezione gratuita.

La performance di Trudeau durante la campagna è stata la firma di Trudeau: una dieta quotidiana di banali bromuri consegnati con la sincerità di un nano da giardino, accoppiata, ultimamente, con flash calcolati di un complesso di martirio giovanile innescato da una banda vagante, lanciando ghiaia di irritanti imbecilli che credono che i vaccini siano la birra del diavolo.

In ogni caso, per qualcuno che afferma di avere il benessere dei canadesi sempre vicino al suo seno intuitivo e sensibile, Trudeau potrebbe aver calcolato male e, di conseguenza, aver segnato il suo destino politico improvvisamente incerto.

Se i sondaggi di opinione pubblica sono un indicatore accurato, la maggior parte dei canadesi è ancora preoccupata dalle pressanti questioni quotidiane della vita (e della morte) nel mezzo di una pandemia letale per essere disturbata dal “referendum” fabbricato da Trudeau.

A quanto pare, a meno di una settimana dal giorno delle elezioni, non sono abbastanza i canadesi innamorati di Trudeau da spegnere il suo rango, avido desiderio di un governo di maggioranza.

Sospetto che se Trudeau tornerà allo status quo in Parlamento, lui, come suo padre, dopo un po’ di riflessione, farà una passeggiata – letteralmente e figurativamente. (All’inizio del 1984, Pierre Trudeau annunciò che si sarebbe dimesso da primo ministro dopo una serata costituzionale a causa di una tempesta di neve a Ottawa.)

Quindi, l’apparente erede perennemente effervescente, il vice primo ministro Chrystia Freeland – che gran parte della stampa politica sgorga come groupies K-Pop dagli occhi stellati – assumerà il lavoro su cui ha avuto progetti non così tranquilli per un po’ di tempo. Freeland sarà, senza dubbio, celebrata dai suoi vertiginosi fan nel quarto potere per aver ripristinato la “gravitas” a lungo assente nell’ufficio del primo ministro. Oh, l’ironia.

Un’altra possibilità prevalente è che il leader conservatore, Erin O’Toole, ottenga una vittoria improbabile.

Un O’Toole snellito sembra convinto che perdere peso stabilirà che è un uomo nuovo e migliorato e non il faticoso, fedele discepolo dell’ex primo ministro Stephen Harper che ha trascorso quasi un decennio a sfigurare il Canada per riflettere il suo rozzo, xenofobo e sé libertario.

Un ministro di gabinetto devoto e obbediente, O’Toole è emerso pazientemente dalla palude degli ex studenti di Harper per vincere il timone del partito dopo che l’immediatamente dimenticabile Andrew Scheer – un altro facsimile floscio del loro caro leader – ha perso contro Trudeau nel 2019 in modo tiepido e poco interessante.

Se O’Toole doveva essere un travolgente antidoto al sonnolento Scheer, io e molti altri canadesi abbiamo perso il fascino accecante. O’Toole combina il carisma di un venditore di mobili annoiato con la capacità di un venditore di “perno” come una banderuola su un numero dopo l’altro per persuadere un cliente titubante.

O’Toole è privo di qualsiasi convinzione riconoscibile se non che la costruzione di oleodotti è la risposta alla realtà in evoluzione e in accelerazione del cambiamento climatico.

Questo, da solo, dovrebbe essere squalificante. Ma la tiepida attrazione di alcuni canadesi per il monocromatico O’Toole può essere spiegata in questo modo: non è Justin Trudeau.

Per un certo periodo, lo slancio sembra essere stato, inaspettatamente, dalla parte di O’Toole per impostazione predefinita, non perché ha rinvigorito i canadesi con le sue “idee” – per quanto prevedibili siano.

Ahimè, e con disappunto del pervasivo complesso industriale-mediale di destra del Canada che si strugge per la punizione di Trudeau, questo slancio si è fermato e O’Toole sembra destinato a rispecchiare il deprimente risultato di Scheer e tornare a essere il capo dell’opposizione.

Il leader del finto partito socialista canadese, Jagmeet Singh – che, per quanto ne so, non ha pronunciato la parola verboten “socialista” da quando l’atto è stato ritirato – sta ottenendo buoni risultati tra i canadesi come competente e fidato.

Questo è carino. Tuttavia, lo scopo delle campagne è vincere e il Nuovo Partito Democratico (NDP), sin dal suo inizio, si è accontentato di vittorie morali alle urne che si sono tradotte nel rimanere la “coscienza del Parlamento” elezione dopo elezione. Questo è, suppongo, anche carino.

Essendo un bravo ragazzo, Singh è adatto a svolgere il ruolo tradizionale dell’NDP nella Camera dei Comuni. In effetti, Singh ha speso molto del suo tempo e delle sue energie come leader nel tentativo di dimostrare ai canadesi che è più gentile di Trudeau. Questo ha significato imitare la disinvoltura di Trudeau e provare la propensione a sputare castagne senza senso invece di pensare e parlare come un adulto serio agli adulti.

Ha anche significato pastorizzare l’ascendenza socialista quasi invisibile dell’NDP per apparire meno “radicale” quando l’osceno e crescente divario tra i super-ricchi e il resto di noi e la minaccia esistenziale rappresentata dal cambiamento climatico richiedono soluzioni radicali e non diluite.

Singh è pronto a finire dove finiscono sempre i bravi ragazzi.

Le fortune dei Verdi, guidati da Annamie Paul, sono, per usare un termine sgradevole familiare ai medici del pronto soccorso, “girare lo scarico”.

Paul, che alcuni membri veterani di Green considerano in privato e solo in parte scherzosamente un quinto editorialista, sembra determinato a cancellare l’impronta già debole del partito dal panorama politico canadese.

Infastidito da un’insurrezione fermentante e costosa provocata dalla defezione di uno dei due soli membri verdi del parlamento dai liberali e dagli sforzi isterici, simili alla Stasi, dei suoi (ex) aiutanti anziani per eliminare dal partito gli “antisemiti” fantasma per Sostenendo la causa palestinese, Paul è probabile, e fortunatamente, otterrà presto la spuntata.

Infine, e forse la cosa più preoccupante, è la scarsa popolarità di Maxime Bernier, un dichiarato demagogo contro i vaccini, contro l’Islam, contro tutto ciò che rende il Canada un paese ampiamente gradevole.

Un tempo ministro conservatore in possesso della tessera, Bernier ora guida il cosiddetto Partito popolare del Canada (PPC). Come tutti i ciarlatani populisti, Bernier camuffa il suo stufato tossico di ignoranza e intolleranza con appelli dal suono rassicurante alle paure, alle lamentele e ai pregiudizi radicati dei suoi sostenitori.

Un nome più appropriato per la sua banda di yahoos che lanciano ghiaia potrebbe essere il Pestilent People’s Party of Canada.

In modo allarmante, i recenti sondaggi mostrano che Bernier ha il sostegno di quasi il 7% dei canadesi votanti: una prova tangibile che il Canada non è l’oasi anti-Trump che alcuni commentatori con gli occhi pieni di rugiada pensano che sia.

Sebbene sia improbabile che il PPC faccia una svolta parlamentare, potrebbe dissanguare voti cruciali dai conservatori e, così facendo, aiutare Trudeau a mantenere, in modo precario, il potere.

Da questo equipaggio mondano e eterogeneo, ci si aspetta che i canadesi scelgano.

Buona possibilità a tutti.

(PS: Cari lettori, non ho menzionato il separatista Bloc Quebecois perché diventare primo ministro del Canada è, comprensibilmente, un anatema per i separatisti.)

Le opinioni espresse in questo articolo sono proprie dell’autore e non riflettono necessariamente la posizione editoriale di Al Jazeera.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here