I serbi protestano in Montenegro in vista del voto sulla legge religiosa

0
55

PODGORICA – Centinaia di sostenitori dell'opposizione pro-serba del Montenegro sono scesi in piazza giovedì nella capitale Podgorica, ribellandosi a una legge che secondo loro avrebbe spogliato lì la Chiesa ortodossa serba della sua proprietà.

Il clero e i credenti della Chiesa ortodossa serba tengono un servizio su un ponte vicino al parlamento, in vista di un disegno di legge su "Libertà religiose e diritti legali delle organizzazioni religiose" a Podgorica, Montenegro, 26 dicembre 2019. REUTERS / Stevo Vasiljevic

In vista di un voto sul progetto di legge sulle libertà religiose, atteso più tardi giovedì o venerdì, il clero e i credenti serbo-ortodossi hanno tenuto un servizio su un ponte affollato vicino al parlamento, sorvegliato dalla polizia che aveva sigillato le strade del centro città e si avvicinava al governo edificio.

La legge prevede che le comunità religiose nel piccolo stato adriatico debbano dimostrare la proprietà prima del 1918, quando il Montenegro cristiano prevalentemente ortodosso si unì al regno di serbi, croati e sloveni, il predecessore dell'ormai defunta Jugoslavia.

La Chiesa ortodossa serba è la più grande chiesa del Montenegro, un paese di 620.000 persone, mentre la chiesa ortodossa montenegrina molto più piccola non viene riconosciuta da altre chiese importanti. Complessivamente, la Chiesa ortodossa serba ha circa 12 milioni di seguaci, principalmente nella vicina Serbia.

Nonostante le proteste, il parlamento da 81 seggi in cui la coalizione al potere guidata dal Partito Democratico dei Socialisti del Presidente Milo Djukanovic ha una maggioranza sottile di tre seggi, ha deciso di iniziare a discutere la legge.

Il vescovo Metodije della Chiesa ortodossa serba ha affermato che la legge era incostituzionale.

"Ci rivolgeremo a tutte le istituzioni internazionali a causa di violazioni così brutali delle libertà religiose", ha detto alla folla.

Il governo del Montenegro, candidato all'adesione all'Unione europea e membro della NATO, ha negato che spoglierebbe qualsiasi comunità religiosa di sua proprietà.

La chiesa serba in Montenegro, che possiede 66 monasteri prevalentemente medievali, dozzine di chiese e altri beni immobili lì, insiste che lo stato vuole confondere i suoi beni.

"Questa legge non porterà nulla di buono a nessuno", ha detto ai manifestanti Predrag Scepanovic, un prete.

Il Montenegro si è separato pacificamente dal suo ex partner federale e dalla Serbia molto più grande nel 2006.

Il pro-occidentale Djukanovic, leader di lunga data del Montenegro, ha recentemente accusato la chiesa serba di promuovere politiche pro-serbe che mirano a minare lo stato montenegrino.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here