I musulmani indiani sventolano la bandiera nazionale per mostrare che la protesta non è contro l'India

0
64

NUOVA DELHI / BENGALURU – I musulmani indiani che protestano contro una legge sulla cittadinanza che secondo loro è discriminatoria portano bandiere nazionali e copie della costituzione, con l'obiettivo di impedire ai sostenitori del governo nazionalista indù di dipingerli come anti-India.

FOTO FILE: I manifestanti detengono la bandiera nazionale dell'India mentre assistono a una protesta contro una nuova legge sulla cittadinanza, dopo le preghiere del venerdì a Jama Masjid nel vecchio quartiere di Delhi, in India, il 20 dicembre 2019. REUTERS / Danish Siddiqui / File Photo

I manifestanti indossano cappelli musulmani e molte donne indossano il velo hijab, ma cantano anche canzoni nazionali, leggono sezioni della costituzione e portano immagini dell'eroe dell'indipendenza Mahatma Gandhi e B.R. Ambedkar, che ha guidato la stesura della costituzione.

"Questo tricolore è il nostro simbolo contro il fascismo", ha dichiarato Asaduddin Owaisi, un parlamentare che dirige un partito musulmano, dello zafferano indiano, bandiera bianca e verde durante una manifestazione nella città meridionale di Hyderabad nel fine settimana.

Ha anche chiesto alla folla di recitare il preambolo della costituzione sia in inglese che in lingua urdu parlata da molti musulmani, e li ha esortati a far sventolare la bandiera indiana nelle loro case.

Sabato, in una colonna di spicco, la nota redattrice e commentatrice politica Shekhar Gupta ha affermato che le proteste hanno portato a quella che ha definito "l'ascesa di un nuovo musulmano indiano … Non ha paura di sembrare musulmana e non è timida di ostentare il suo nazionalismo".

Almeno 21 persone sono morte nelle proteste contro la nuova legge sulla cittadinanza e in un registro nazionale pianificato di cittadini, che secondo i manifestanti contravvengono alla costituzione secolare e discriminano i musulmani.

La legge prevede che le minoranze non musulmane provenienti dall'Afghanistan, dal Bangladesh e dal Pakistan che sono fuggite in India prima del 2015 abbiano percorso la cittadinanza. Non si applica ai musulmani.

I musulmani indiani, che formano circa il 14% degli 1,3 miliardi di persone a maggioranza indù, affermano di essere spesso chiamati anti-nazionali e pakistani. Il Pakistan musulmano è stato scavato nell'India coloniale britannica quando i paesi hanno ottenuto l'indipendenza nella loro sanguinosa divisione del 1947 e da allora hanno combattuto tre guerre.

I manifestanti affermano che le dimostrazioni di patriottismo aiutano a dissipare l'idea che le proteste sono una questione musulmana. Decine di migliaia di indù hanno anche aderito.

"Trasformare questo in una protesta musulmana dà un altro vantaggio al governo per delegittimare il movimento", ha detto lo studente di legge e organizzatore di proteste Hamza Tariq, 22 anni, nella città di Bangalore.

Le dimostrazioni in tutta l'India sono la più grande sfida per Modi da quando è salito al potere nel 2014.

Lo stesso Modi sembrava fare un'allusione velata ai musulmani ricorrendo alla violenza durante le proteste.

"Puoi dire chi sono questi incendiari con i loro vestiti", ha detto in un discorso della scorsa settimana, in commenti condannati dai leader musulmani.

I manifestanti musulmani dell'Università Jamia Millia Islamia di Nuova Delhi hanno affermato che la polizia che ha fatto irruzione nel campus il 15 dicembre con gas lacrimogeni e manganelli li ha chiamati "cittadini pakistani" e "militanti islamici".

Prabhat Kumar, uno studente indù di Jamia, ha dichiarato: “Questa legge sta differenziando tra le comunità che è contro la costituzione.

“Quando parleranno i musulmani se non ora? Questo è il momento giusto per parlare e staremo con loro fino alla fine. "

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here