I manifestanti di Hong Kong affrontano la polizia nelle proteste del centro commerciale

0
58

HONG KONG – La polizia antisommossa di Hong Kong ha fatto irruzione in diversi centri commerciali sabato, inseguendo e arrestando alcuni manifestanti antigovernativi di Hong Kong che si erano radunati per sollecitare le loro richieste nel fine settimana dello shopping di punta prima di Natale.

In un centro commerciale a Yuen Long, vicino al confine con la Cina, centinaia di manifestanti vestiti di nero hanno segnato l'anniversario di cinque mesi di un attacco in una stazione ferroviaria da parte di una folla armata che indossava magliette bianche che hanno picchiato astanti e manifestanti con tubi e poli.

La polizia è stata criticata per non aver risposto abbastanza rapidamente alle richieste di aiuto e per non aver arrestato alcun presunto colpevole sulla scena. Successivamente hanno fatto diversi arresti e hanno affermato che gli assalitori avevano legami con bande criminali organizzate o triadi.

I manifestanti hanno chiesto giustizia per l'attacco, gridando "Fight for Freedom" e "Stand With Hong Kong".

"Il governo non ha fatto nulla finora dopo 5 mesi … merito una risposta, una spiegazione", ha detto un impiegato di 30 anni soprannominato Law.

"Yuen Long non è più un luogo sicuro … e viviamo tutti nel terrore bianco quando ci preoccupiamo se saremo picchiati quando vestiti di nero."

Mentre dozzine di poliziotti in tenuta antisommossa si precipitarono nel centro commerciale per inseguire i manifestanti, un ristorante di sushi si ruppe la finestra e i negozi furono costretti a chiudere.

Le proteste a Hong Kong sono ormai al settimo mese, anche se in una relativa pausa. I residenti sono arrabbiati per ciò che vedono come la Cina che si intromette nelle libertà della città garantite con la formula "un paese, due sistemi" quando è tornata al dominio cinese nel 1997.

Molti sono anche indignati dalla percezione della brutalità della polizia e chiedono un'indagine indipendente sulle accuse di forza eccessiva. Altre richieste includono il rilascio di tutti i manifestanti arrestati e la piena democrazia.

Venerdì sera, la polizia ha arrestato un uomo che ha sparato un colpo con una pistola contro agenti in borghese nel distretto settentrionale di Tai Po. Nessuno è rimasto ferito.

Una ricerca di un appartamento vicino rivelò un deposito di armi tra cui un fucile semi-automatico e proiettili. Steve Li, un alto funzionario di polizia sulla scena, ha detto ai giornalisti che la polizia aveva informazioni che il sospettato aveva pianificato di usare la pistola durante una protesta per "provocare il caos e ferire gli agenti di polizia".

Sabato a Tsim Sha Tsui, anche gruppi di manifestanti sono confluiti in un centro commerciale popolare tra gli acquirenti di lusso della Cina continentale.

"Non possiamo festeggiare il Natale quando la nostra città viene conquistata dalla polizia. Quando vedi la polizia fuori dal centro commerciale, ti va di fare shopping per i regali? ”Ha detto Bob, 17 anni, un manifestante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here