Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Ho smesso di allattare per tornare sui miei medicinali per la salute...

Ho smesso di allattare per tornare sui miei medicinali per la salute mentale

0
75

I miei figli meritano una madre che è fidanzata e con un corpo e una mente sani. E merito di lasciarmi alle spalle la vergogna che avevo provato.

Mio figlio è venuto in questo mondo urlando il 15 febbraio 2019.I suoi polmoni erano forti, il suo corpo era sia piccolo che forte, e nonostante avesse 2 settimane di anticipo era di dimensioni e peso “sani”.

Ci siamo uniti immediatamente.

Si è bloccato senza problemi. Era sul mio petto prima che i miei punti fossero chiusi.

Questo, immaginai, era un buon segno. Avevo lottato con mia figlia. Non sapevo dove posizionarla o come tenerla, e l'incertezza mi rendeva ansioso. Le sue grida si spaccarono come un milione di pugnali e io mi sentii un fallimento – una "mamma cattiva".

Ma le ore trascorse in ospedale con mio figlio sono state (oserei dire) piacevoli. Mi sentivo calmo e composto. Le cose non erano solo buone, erano fantastiche.

Stavamo andando bene, Ho pensato. Stavo per andare bene.

Tuttavia, con il passare delle settimane – e la privazione del sonno è iniziata – le cose sono cambiate. Il mio umore è cambiato. E prima che lo sapessi, ero paralizzato dall'angoscia, dalla tristezza e dalla paura. Stavo parlando con il mio psichiatra di aumentare le mie medicine.

Non c'era una soluzione semplice

La buona notizia era che i miei antidepressivi potevano essere adattati. Sono stati considerati "compatibili" con l'allattamento. Tuttavia, i miei farmaci per l'ansia erano assolutamente inutili così come i miei stabilizzatori dell'umore, che – ha avvertito il mio medico – potrebbero essere problematici perché l'assunzione di antidepressivi da soli può indurre mania, psicosi e altri problemi nelle persone con disturbo bipolare. Ma dopo aver valutato i benefici e i rischi, ho deciso che alcuni farmaci erano meglio di nessun farmaco.

Le cose andarono bene per un po '. Il mio umore è migliorato e, con l'aiuto del mio psichiatra, stavo sviluppando un solido piano di auto-cura. E stavo ancora allattando al seno, che ho considerato una vera vittoria.

Ma ho iniziato a perdere il controllo poco dopo che mio figlio ha colpito 6 mesi. Stavo bevendo di più e dormendo meno. Le mie corse sono passate da 3 a 6 miglia durante la notte, senza pratica, preparazione o allenamento.

Stavo spendendo impulsivamente e frivolosamente. Nel giro di 2 settimane, ho acquistato numerosi abiti e un'assurda quantità di cartoni, casse e contenitori per "organizzare" la mia casa – per tentare di prendere il controllo del mio spazio e della mia vita.

Ho comprato una lavatrice e un'asciugatrice. Abbiamo installato nuove tonalità e persiane. Ho ricevuto due biglietti per uno spettacolo di Broadway. Ho prenotato una breve vacanza in famiglia.

Stavo anche assumendo più lavoro di quello che potevo gestire. Sono una scrittrice freelance e sono passata dall'archiviazione di 4 o 5 storie a settimana a più di 10. Ma poiché i miei pensieri correvano ed erano irregolari, le modifiche più necessarie.

Avevo piani e idee ma ho lottato per il follow-through.

Sapevo che avrei dovuto chiamare il mio dottore. Sapevo che questo ritmo frenetico era uno che non riuscivo a mantenere e che alla fine mi sarei schiantato. La mia maggiore energia, fiducia e carisma sarebbero state ingoiate dalla depressione, dall'oscurità e dal rimorso post-ipomanico, ma avevo paura perché sapevo anche cosa significherebbe questa chiamata: avrei dovuto smettere di allattare.

Era più che un semplice allattamento

Mio figlio di 7 mesi avrebbe bisogno di essere svezzato immediatamente, perdendo la nutrizione e il conforto che ha trovato in me. Sua madre.

Ma la verità è che mi stava perdendo per la mia malattia mentale. La mia mente era così distratta e spostata che lui (e mia figlia) non stavano ottenendo una madre attenta o buona. Non stavano ottenendo il genitore che meritano.

Inoltre, sono stato nutrito con latte artificiale. Mio marito, mio ​​fratello e mia madre sono stati nutriti con latte artificiale e siamo andati tutti bene. La formula fornisce ai bambini i nutrienti di cui hanno bisogno per crescere e prosperare.

Ciò ha reso la mia decisione più semplice? No.

Provavo ancora un'enorme quantità di colpa e vergogna perché "il seno è il migliore", giusto? Voglio dire, è quello che mi è stato detto. Questo è ciò che mi ha portato a credere. Ma i benefici nutrizionali del latte materno sono di scarsa preoccupazione se la mamma non è sana. Se non sono sano.

Il mio medico continua a ricordarmi che devo prima indossare la maschera per l'ossigeno. E questa analogia è quella che ha merito e quella che i ricercatori stanno appena iniziando a capire.

Un recente commento sulla rivista Nursing for Women’s Health sta sostenendo ulteriori ricerche sullo stress materno, legate non solo allattamento al seno ma all’intensa pressione esercitata sulle mamme per allattare i loro bambini.

"Abbiamo bisogno di ulteriori ricerche su ciò che accade a una persona che vuole allattare e che non può. Cosa provano? È questo un fattore di rischio per la depressione postpartum? ”, Ha chiesto Ana Diez-Sampedro, autrice dell'articolo e professore associato presso la Florida International University Nicole Wertheim College of Nursing & Health Sciences.

"Pensiamo che per le madri, l'allattamento al seno sia l'opzione migliore", ha continuato Diez-Sampedro. "Ma questo non è il caso di alcune madri." Non è stato il caso per me.

Quindi, per il bene di me stesso e dei miei figli, sto svezzando il mio bambino. Sto acquistando bottiglie, polveri premiscelate e formule pronte da bere. Sto tornando sui miei farmaci per la salute mentale perché merito di essere sicuro, stabile e sano. I miei figli meritano una madre che è fidanzata e con un corpo e una mente sani, e per essere quella persona, ho bisogno di aiuto.

Ho bisogno delle mie medicine.


Kimberly Zapata

Kimberly Zapata è madre, scrittrice e sostenitrice della salute mentale. Il suo lavoro è apparso su diversi siti, tra cui il Washington Post, HuffPost, Oprah, Vice, Parents, Health e Scary Mommy – solo per citarne alcuni – e quando il suo naso non è sepolto nel lavoro (o in un buon libro), Kimberly passa il suo tempo libero a correre Maggiore di: malattia, un'organizzazione senza scopo di lucro che mira a potenziare i bambini e i giovani adulti alle prese con condizioni di salute mentale. Segui Kimberly su Facebook o cinguettio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here