GraffitiMundo Tour of Street Art / Graffiti a Buenos Aires, Argentina

0
73

I graffiti sono praticamente ovunque a Buenos Aires. Questa è una delle prime cose che noti della città. 31 anni fa Buenos Aires non ha avuto problemi di graffiti. Naturalmente anche loro non avevano democrazia e si sarebbero scambiati volentieri l'uno con l'altro. La nostra guida Anna di Graffitimundo ha spiegato come i graffiti arrivarono in Argentina come una forma di libera espressione dopo il ritorno della democrazia e la fine dei giorni bui della dittatura militare. A Buenos Aires non è stato avviato da bande ma da bambini della classe media che potevano permettersi lattine di vernice spray da 100 pesi e che avevano viaggiato in altri paesi ed erano entrati in contatto con la cultura hip hop. Questo è stato più facile da fare alla fine di questo secolo, quando il peso argentino era scambiato in parità con il dollaro USA. Sono stato in tournée di graffiti prima, ma non mi aspettavo alcune di queste differenze nella scena dei graffiti e della street art argentina.

Dagli anni '50 l'Argentina ha comunemente avuto graffiti illegali poiché i messaggi venivano dipinti sui muri della comunità e ridipinti a volte settimanalmente. Non sono state le bande ma i partiti politici a dipingere il loro messaggio sul muro che annunciava un candidato o una piattaforma. Mentre questa forma di graffiti era teoricamente illegale, anche la parte al potere pagherebbe e continua a pagare per condividere i propri messaggi in città. Ciò ha reso una sorta di doppio standard quando artisti di graffiti e artisti di strada stavano infrangendo la legge mettendo i loro messaggi sulle stesse pareti. Questo è un altro motivo per cui l'Argentina ha più tolleranza per i graffiti.

Murale di fabbrica

Tradizionalmente i graffiti iniziano con la firma del tuo nome su uno spazio pubblico. Questo può essere semplice come un tag (una vernice spray a colori eseguita rapidamente) o può essere una firma multicolore tridimensionale piuttosto complicata, spesso leggibile solo dagli altri membri della comunità dei graffiti. "I graffiti sono un messaggio per una comunità chiusa", ci ha detto Anna. Ma come puoi immaginare, molti "artisti" di graffiti sono stanchi di quasi firmare il loro nome ancora e ancora. Alcuni di questi hanno poi imparato a disegnare e hanno iniziato a creare pezzi che sarebbero stati più universalmente accolti come arte e non vandalismo.

A Buenos Aires alcune delle opere d'arte sono attivismo. Questo pezzo mostra i criminali di calcio come animali come un commento alle bande che infestano la cultura calcistica della zona. Anche se il pezzo potrebbe non avere avuto l'effetto desiderato quando quelli raffigurati sono stati lusingati dall'opera.

Quando due espatriati britannici, Marina Charles e Jo Sharff, vennero a vivere a Buenos Aires nel 2008, furono sorpresi nel vedere che alcuni di questi pezzi avevano non solo firme leggibili, ma anche siti Web e persino numeri di cellulare. Hanno iniziato a contattare questi artisti per imparare la loro storia. Si sono innamorati di questa storia e hanno iniziato la serie di tour dei graffiti che sono diventati GraffitiMundo. Da allora Jo ha viaggiato mentre Marina continua a gestire la compagnia. Il suo nuovo socio in affari Jonny Robson ha creato un documentario di prossima uscita sulla scena dei graffiti di Buenos Aires chiamato "I muri bianchi non dicono niente". GraffitiMundo ora include anche una galleria in cui vendono pezzi più piccoli di artisti. Mentre sono rimasto molto colpito dall'arte di strada, l'attuale mostra alla galleria non mi ha afferrato.

Artista di strada Pedro Perelman

Artista di strada Pedro Perelman

L'Argentina aveva muralisti molto prima che la scena dei graffiti visitasse la città e l'arte per la comunità negli spazi della comunità attira artisti da tutto il mondo a venire a Buenos Aires. Con la recente recessione dell'economia, anche alcuni artisti commerciali hanno contribuito all'opera d'arte negli spazi pubblici nell'ambito di un progetto di "recupero della città". Ci è capitato di guidare sotto uno dei sottopassi della città mentre un artista Pedro Perelman e un equipaggio lo stavano decorando.

Benito Quinquela Martín

Benito Quinquela Martín

gente del quartiere

gente del quartiere

Un altro pezzo davvero notevole è stato il murale "più grande del mondo", dedicato all'arte di Benito Martin le cui opere d'arte hanno trovato le sue radici a La Boca a Buenos Aires. Questo progetto si estendeva alle fabbriche vicine ora decorate con i volti degli operai locali o addirittura con i passanti.

Se hai mezza giornata, GraffitiMundo è un modo fantastico per saperne di più su questa onnipresente forma di opera d'arte a Buenos Aires. Lo consiglio vivamente e voglio ringraziare l'ufficio del turismo di Buenos Aires per aver organizzato il mio tour.

Guarda le mie foto dal tour di GrafiffiMundo.

Tour di Street Art / Graffiti a Buenos Aires, Argentina

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here