Gli Stati Uniti hanno visto finanziare gli aiuti umanitari afghani, ma non i talebani

0
13

Le Nazioni Unite convocano una riunione ad alto livello per discutere degli aiuti in mezzo all’avvertimento del disastro umanitario e mentre i talebani si preparano a formare un nuovo governo.

I difensori dei diritti delle donne afghane e gli attivisti civili protestano per chiedere ai talebani di preservare i loro risultati e la loro istruzione sotto il nuovo governo, che dovrebbe essere annunciato presto [Stringer/Reuters]
I difensori dei diritti delle donne afghane e gli attivisti civili protestano per chiedere ai talebani di preservare i loro risultati e la loro istruzione sotto il nuovo governo, che dovrebbe essere annunciato presto [Stringer/Reuters]

Il Congresso degli Stati Uniti dovrebbe finanziare il lavoro umanitario delle Nazioni Unite in Afghanistan, ma è improbabile che finanzi direttamente un nuovo governo guidato dai talebani, secondo i funzionari statunitensi, mentre l’organismo mondiale si prepara a discutere gli aiuti per il paese devastato dalla guerra.

Il 13 settembre il capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres si recherà a Ginevra per convocare una conferenza ad alto livello sugli aiuti all’Afghanistan.

Dall’invasione dell’Afghanistan del 2001, gli Stati Uniti avevano stanziato circa 130 miliardi di dollari per la sicurezza, la governance, lo sviluppo e le esigenze umanitarie in Afghanistan.

Gli assistenti del Congresso hanno detto all’agenzia di stampa Reuters che i legislatori erano quasi certi di fornire aiuti umanitari agli sfollati afgani e ai rifugiati, ma non al governo stesso, almeno per ora.

Anche prima della vittoria dei talebani, l’Afghanistan era fortemente dipendente dagli aiuti, con il 40% del PIL del paese prelevato da finanziamenti esteri.

L’ONU ha avvertito che 18 milioni di afgani stanno affrontando un disastro umanitario e altri 18 milioni potrebbero unirsi a loro rapidamente. Secondo i rapporti, ben 500.000 potrebbero anche fuggire dal Paese per paura dei talebani.

I talebani devono ancora formare un nuovo governo, ma ci sono state segnalazioni che un annuncio è imminente.

Nel frattempo, continuano i combattimenti tra i talebani e i combattenti della resistenza nella valle del Panjshir a nord di Kabul, facendo temere che altri civili vengano sfollati.

Ecco gli ultimi aggiornamenti:


Il terzo volo dal Qatar atterra a Kabul

Secondo Al Jazeera Arabic, un terzo aereo del Qatar con a bordo personale tecnico e attrezzature è atterrato a Kabul per assistere al funzionamento del principale aeroporto del Paese.

A bordo del volo c’era anche l’inviato speciale del Qatar per la risoluzione dei conflitti, Mutlaq Al Qahtani.

Secondo il rapporto, l’aeroporto di Kabul si sta preparando per la ripresa dei voli regolari nei prossimi giorni.


Ragazza afghana muore dopo il volo di evacuazione negli Stati Uniti

Secondo il canale televisivo americano ABC venerdì sera, una bambina afgana di nove mesi è morta a seguito di un volo di evacuazione verso la città americana di Filadelfia.

Secondo quanto riferito, il bambino non ha reagito durante il volo ed è stato portato d’urgenza al pronto soccorso all’arrivo dell’aereo. ABC News ha riferito che è morta mercoledì notte.

La bambina era arrivata negli Stati Uniti con la sua famiglia dalla base aerea di Ramstein in Germania, dove erano atterrati dopo aver lasciato Kabul.


Gli spettatori sventolano le bandiere dell’Afghanistan e dei talebani mentre guardano la partita di prova di cricket Twenty20 giocata venerdì tra due squadre afgane “Peace Defenders” e “Peace Heroes” allo stadio internazionale di cricket di Kabul a Kabul [Aamir Qureshi/AFP]

“Sparatoria celebrativa” segnalata a Kabul durante la notte

Il rumore di spari, razzi e finestre in frantumi, sono stati segnalati nella capitale afghana durante la notte, suscitando timori tra la popolazione civile.

I video pubblicati sui social media hanno mostrato esplosioni di luce e suoni di spari a Kabul venerdì sera. Scene simili sono state riportate anche in altre zone del Paese sotto i talebani.

In uno dei video, una persona è stata sentita urlare di paura a causa degli spari.


Google blocca gli account del governo afghano mentre i talebani cercano email: Reuters

Reuters riferisce che Google ha temporaneamente bloccato un numero imprecisato di account di posta elettronica del governo afghano, poiché crescono i timori per la traccia cartacea digitale lasciata dagli ex funzionari e dai loro partner internazionali.

Si temeva che i database biometrici potessero essere sfruttati dai nuovi governanti talebani per dare la caccia ai loro nemici.

Google ha smesso di confermare la mossa, ma ha affermato che la società stava monitorando la situazione in Afghanistan e “intraprendendo azioni temporanee per proteggere gli account pertinenti”.

Un dipendente dell’ex governo afghano ha detto a Reuters che i talebani stanno cercando di acquisire le email di ex funzionari e gli hanno chiesto di conservare i dati conservati sui server del ministero per cui lavorava.


Gli Stati Uniti affermano che forniranno consulenza sui traumi ai rifugiati afghani

Il segretario per la sicurezza interna degli Stati Uniti, Alejandro Mayorkas, ha affermato che il suo dipartimento sta cercando di migliorare le condizioni dei rifugiati afgani in attesa di reinsediamento.

“Ho incontrato più di 40 organizzazioni basate sulla comunità, comprese le organizzazioni afghane-americane per conoscere le loro idee e raccomandazioni”, ha detto Mayorkas venerdì. “Ho ascoltato e renderemo operative in modo più solido le loro raccomandazioni, compresa la competenza culturale, l’accesso alla consulenza, la consulenza sui traumi e la cura pastorale”.


Il capo delle Nazioni Unite terrà una riunione per gli aiuti all’Afghanistan

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres terrà un incontro internazionale a Ginevra il 13 settembre per raccogliere aiuti umanitari per l’Afghanistan, ha detto venerdì il portavoce delle Nazioni Unite Stephane Dujarric.

“La conferenza sosterrà un rapido aumento dei finanziamenti in modo che l’operazione umanitaria salvavita possa continuare; e fare appello per un accesso umanitario completo e senza ostacoli per assicurarsi che gli afghani continuino a ottenere i servizi essenziali di cui hanno bisogno”, ha affermato Dujarric in una nota.

“L’Afghanistan sta affrontando una catastrofe umanitaria incombente. Quasi la metà dei 38 milioni di afgani ha bisogno di assistenza umanitaria”.


Funzionari talebani incontrano l’ambasciatore pakistano in Qatar

Una delegazione talebana in Qatar guidata da Sher Mohammad Abbas Stanikzai ha incontrato venerdì l’ambasciatore pakistano Syed Ahsan Raza Shah, ha detto il portavoce dei talebani Suhail Shaheen.

“Entrambe le parti hanno discusso dell’attuale situazione afghana, dell’assistenza umanitaria, delle relazioni bilaterali basate sull’interesse e sul rispetto reciproci, la ricostruzione dell’Afghanistan e le questioni relative alla facilitazione del movimento delle persone a Torkhan e Spinboldak”, ha scritto Shaheen su Twitter, riferendosi ai valichi di frontiera tra Pakistan e Afghanistan. .

L’ambasciata del Pakistan a Doha ha confermato l’incontro.


Clicca qui per leggere gli aggiornamenti precedenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here