Finanza cilena, ministri della presidenza in quarantena dopo l'incontro con legislatori infetti

0
91

SANTIAGO – Due dei principali ministri del Gabinetto del Cile hanno dichiarato domenica di mettersi in quarantena dopo essere entrati in stretto contatto con i legislatori cileni che si sono dimostrati positivi per il coronavirus durante i negoziati al Congresso.

Ignacio Briones, ministro delle finanze del Cile, e Felipe Ward, segretario generale della presidenza, hanno entrambi dichiarato su Twitter di essere risultati negativi per il coronavirus, ma sarebbero rimasti in quarantena fino a quando un secondo test non avrebbe confermato che non erano stati infettati.

Almeno 23 legislatori inizieranno anche un periodo di quarantena dopo l'incontro con i legislatori infetti al Congresso, secondo il quotidiano locale El Mercurio.

"Da casa, continueremo a lavorare sodo sulla lunga lista di problemi che dobbiamo affrontare con urgenza in questo momento difficile", ha detto Briones domenica in tarda domenica su Twitter.

Briones ha svolto un ruolo centrale nella creazione di un vasto pacchetto di stimoli pari a quasi il 7% del prodotto interno lordo della nazione sudamericana. Ward è uno stretto confidente del presidente cileno Sebastian Pinera.

Il Cile, il principale produttore mondiale di rame, ha riportato 43.781 casi di coronavirus e 450 morti.

Venerdì le autorità sanitarie hanno messo la capitale, Santiago, una città di oltre 6 milioni di persone, completamente bloccata dal momento che nuovi casi si sono infiammati con l'avvicinarsi dell'inverno dell'emisfero meridionale.