Home Notizia Mondo Esposizione all’inquinamento atmosferico negli Stati Uniti: il razzismo sistemico, non il reddito,...

Esposizione all’inquinamento atmosferico negli Stati Uniti: il razzismo sistemico, non il reddito, guida…

0
98

Una nuova ricerca mette in evidenza il ruolo del razzismo sistemico negli effetti irregolari dell’inquinamento atmosferico negli Stati Uniti. Marcos Osorio/Stocksy
  • La ricerca ha collegato l’inquinamento atmosferico a una serie di condizioni mediche.
  • Negli Stati Uniti, i gruppi razzialmente minoritari sono esposti a più inquinamento atmosferico rispetto ai bianchi americani.
  • Un nuovo studio rileva per la prima volta che razza ed etnia sono un fattore più significativo nell’esposizione all’inquinamento atmosferico rispetto al livello di reddito negli Stati Uniti

I ricercatori hanno suggerito che la disparità economica è la ragione per cui i gruppi razziali ed etnici minoritari americani sono esposti a livelli sproporzionatamente elevati di inquinamento atmosferico. Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università di Washington suggerisce il contrario.

Lo studio rileva che, indipendentemente dal reddito, i gruppi razzialmente ed etnicamente minorati sono le persone più esposte agli inquinanti negli Stati Uniti

Gli studi hanno collegato l’inquinamento atmosferico a malattie respiratorie, malattie cardiovascolari, cancro, declino cognitivo e altre condizioni, nonché esiti negativi della nascita. Lo studio Global Burden of Disease stima che a livello globale 4,5 milioni di persone sono morte prematuramente a causa dell’inquinamento dell’aria esterna solo nel 2019.

“L’inquinamento atmosferico e i suoi impatti sulla salute associati non sono equamente distribuiti per razza/etnia o reddito”, scrivono gli autori dello studio.

Dice il primo autore e dottorando Jiawen Liu, “Ci sono stati così tanti miglioramenti. Ma vediamo ancora che queste disparità persistono, anche dopo due decenni”.

Lo studio appare sulla rivistaProspettive di salute ambientale.

Cosa c’è di diverso in questo studio

“Questa è la prima volta che qualcuno ha esaminato in modo completo tutti questi principali inquinanti e osservato come variano nel tempo e nello spazio”, afferma l’autore senior dello studio, il dott. Julian Marshall.

“Questo documento”, suggerisce, “è un’opportunità per riconoscere che, sebbene ogni comunità sia unica, ci sono alcuni fattori che si ripetono continuamente in modo coerente in tutto il nostro paese. Se andiamo stato per stato, non c’è posto dove non ci siano problemi di giustizia ambientale”.

Lo studio ha monitorato l’esposizione a cinque tipi di inquinamento atmosferico noti per avere impatti negativi sulla salute umana:

  • Monossido di carbonio (CO): Prodotto da fonti di combustione come automobili, camion, stufe e stufe residenziali e attrezzature per l’edilizia e l’agricoltura.
  • Biossido di azoto (NO2): Questo proviene dalle stesse fonti di CO.
  • Ozono (O3): Questo inquinante a livello del suolo, Liu ha spiegato a Notizie mediche oggi, è “non emesso direttamente nell’aria, ma da reazioni chimiche tra ossidi di azoto e composti organici volatili”.
  • Particolato: Lo studio ha monitorato due dimensioni di particolato, 10 micrometri (PM10) e 2,5 micrometri (PM2,5). Entrambi provengono da automobili, camion, stufe a legna, caminetti e polvere soffiata dall’agricoltura, dalle strade e dalle costruzioni.
  • Anidride solforosa (SO2): Prodotto principalmente dalla combustione di combustibili fossili da parte dell’industria e delle centrali elettriche, e anche da veicoli, treni e navi che bruciano combustibili ad alto contenuto di zolfo, vulcani e dal processo di estrazione del metallo dal minerale.

Lo studio non includeva un ulteriore inquinante atmosferico noto, ha detto Liu Notizie mediche oggi:

“Non abbiamo incluso il piombo poiché ha avuto un notevole miglioramento [— decreasing by approximately 98% over time —] dopo la rimozione del piombo dalla benzina. Esso [is] meno di un problema al giorno d’oggi.”

I ricercatori hanno allineato i dati sull’inquinamento per il 1990, 2000 e 2010 con le statistiche sulla popolazione a livello nazionale raccolte in quegli anni. Il 2010 è l’ultimo anno di censimento per il quale sono disponibili dati completi sull’inquinamento atmosferico.

La loro analisi ha separato le popolazioni per razza/etnia, reddito e posizione in tutti gli stati contigui degli Stati Uniti e a Washington, DC, nonché per gli ambienti rurali rispetto a quelli urbani. Hanno tabulato le esposizioni medie nazionali e locali.

Esposizione più alta e più bassa all’inquinamento atmosferico

Gli autori scrivono: “Nel 2010, la disparità tra il gruppo razziale/etnico con il più alto [versus] l’esposizione media nazionale più bassa è stata la maggiore per l’NO2, la minore per l’O3.

Il professor K. Max Zhang della Cornell University, che non è stato coinvolto nello studio, ha detto Notizie mediche oggi, “Questa scoperta non è sorprendente, ma ha implicazioni interessanti”.

Nello specifico ha detto:

“L’elevata disparità per l’NO2 implica che le popolazioni di minoranze razziali/etniche sono esposte in modo sproporzionato all’inquinamento atmosferico vicino alla fonte, che è stato ben documentato in letteratura e identificato come un importante problema di giustizia ambientale. La bassa disparità per O3 è dovuta alla sua natura regionale. Ad esempio, le più alte concentrazioni di O3 nelle aree metropolitane di New York City di solito si verificano nel Connecticut, sottovento a New York City.

L’esposizione media nazionale agli inquinanti è stata maggiore per i seguenti gruppi:

  • Per PM2,5 e SO2, l’esposizione più alta è stata tra la popolazione nera non ispanica.
  • Per CO, NO2 e O3, la popolazione asiatica non ispanica è stata la più esposta.
  • Per il PM10, gli ispanici hanno registrato la maggiore esposizione.

Mentre le disparità nell’esposizione all’inquinamento variavano in base all’inquinante e alla posizione, in nessun caso i ricercatori hanno riscontrato che i bianchi non ispanici erano il gruppo più colpito.

L’esposizione più bassa è stata registrata da:

  • bianchi non ispanici per CO, NO2, PM2.5 e PM10
  • la popolazione ispanica per O3
  • asiatici non ispanici per SO2

Razzismo, non reddito

Mentre lo studio ha anche collegato i livelli di esposizione al reddito, ha detto il dottor Marshall Notizie mediche oggi, “I nostri risultati indicano una correlazione più forte per i livelli di inquinamento con razza/etnia che con il reddito”.

Liu ha aggiunto:

“Direi che il razzismo sistemico sarebbe la forza trainante della disparità razziale/etnica nell’esposizione all’inquinamento atmosferico. Il nostro studio ha scoperto che esisteva, non semplicemente come riflesso della disparità di reddito come alcune persone potrebbero obiettare».

Il dottor Zhang ha concluso:

“Sebbene sia fondamentale aumentare i nostri sforzi per affrontare le disparità di esposizione razziale/etnica che rimangono in tutti gli stati, è anche importante riconoscere che l’inquinamento atmosferico non segue i confini statali o urbani. È nostra responsabilità condivisa come società mantenere i nostri sforzi per affrontare i problemi di inquinamento atmosferico regionale, che sono stati associati a un’ampia gamma di effetti negativi sulla salute e sulla mortalità”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here