Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Comprensione dell'automatonofobia: paura delle figure umane

Comprensione dell'automatonofobia: paura delle figure umane

0
206

L'automatonofobia è la paura di figure simili all'uomo, come manichini, figure di cera o statue.

L'automatonofobia è una paura per le figure simili all'uomo, come manichini, figure di cera, statue, manichini, animatronici o robot.

È una fobia specifica o la paura di qualcosa che causa stress ed ansia significativi ed eccessivi e può influire negativamente sulla qualità della vita di una persona.

Diamo un'occhiata ad alcuni dei sintomi e delle cause delle fobie, nonché al modo in cui questa fobia specifica viene diagnosticata e trattata.

Quali sono i sintomi dell'automonofobia?

L'automatonofobia provoca una risposta di paura automatica e incontrollabile a figure simili all'uomo. La vista o il pensiero di queste figure simili all'uomo possono scatenare l'ansia per alcune persone. La pedofobia è una paura delle bambole ed è una fobia correlata.

Ricerca ha dimostrato che le persone con fobie hanno aumentato il rilevamento della minaccia visiva della loro paura, anche quando hanno semplicemente visualizzato le immagini di quella paura. I sintomi includono sia i sintomi psicologici che fisici dell'ansia.

Alcuni dei sintomi psicologici dell'automonofobia includono:

  • agitazione
  • irrequietezza
  • costante preoccupazione
  • diminuzione della concentrazione
  • difficoltà a dormire
  • attacchi d'ansia

Alcuni dei sintomi fisici dell'automonofobia includono:

  • aumento della frequenza cardiaca
  • difficoltà respiratorie e dolore toracico
  • nausea
  • diarrea
  • sudorazione e tremore
  • vertigini e disorientamento

Molti dei sintomi fisici sopra riportati sono segni di un attacco di panico o ansia, che può verificarsi dopo l'esposizione a una fobia.

Quali sono le cause automonofobia?

Secondo ricerca, ci sono due cause principali per lo sviluppo di una fobia.

Quando l'automatofofia si sviluppa a causa di un evento traumatico correlato a figure simili all'uomo, è nota come fobia esperienziale. Questo evento traumatico potrebbe essere un film spaventoso con figure simili all'uomo o un evento di persona che coinvolge figure simili all'uomo.

Quando l'automatofofia si sviluppa senza un evento traumatico, è nota come fobia non esperienziale. Queste fobie possono svilupparsi per una serie di motivi, quali:

  • Genetica. Avere un parente con automonofobia può aumentare il rischio di sviluppare la stessa fobia.
  • Ambiente. La menzione di un evento traumatico relativo a figure simili all'uomo può causare automonofobia in alcuni individui.
  • Sviluppo. Lo sviluppo precoce del cervello può rendere qualcuno più suscettibile allo sviluppo di questo tipo di fobia.

In uno studia, i ricercatori hanno scoperto che lo sviluppo di fobie specifiche può anche essere correlato a geni specifici che predispongono anche le persone ad un aumento dei disturbi d'ansia per tutta la vita.

Come viene diagnosticata l'automofobia?

Per diagnosticare una fobia, il medico vorrà prima assicurarsi che non ci siano condizioni sottostanti che causano l'ansia. Alcune condizioni fisiche, come tumori cerebrali o squilibri nutrizionali, possono causare ansia persistente.

Una volta che il medico ha stabilito che non esiste una causa sottostante, utilizzerà i criteri diagnostici del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Quinta edizione (DSM-5) per diagnosticare una fobia.

In base ai criteri del DSM-5, potresti avere una fobia specifica come l'autonofobia se:

  • provi una paura persistente, eccessiva o irragionevole di figure simili all'uomo
  • l'esposizione a figure simili all'uomo porta a sintomi di ansia immediati o attacchi di panico
  • la tua paura è sproporzionata rispetto alla minaccia che queste figure simili all'uomo rappresentano per te
  • eviti attivamente qualsiasi situazione in cui dovrai vedere o stare attorno a figure simili a quelle umane; o se ti trovi in ​​una situazione in cui sei esposto a loro, provi un'intensa ansia
  • la tua qualità della vita e il funzionamento quotidiano sono gravemente influenzati da questa paura
  • hai avuto questa paura per almeno 6 mesi ed è costante
  • non ci sono altri disturbi mentali sottostanti che causano principalmente questa paura

Esiste un trattamento per l'automatofofia?

Se viene diagnosticata una fobia, è possibile iniziare immediatamente il trattamento. Il trattamento per l'automatofofia può comportare sia la terapia cognitivo comportamentale (CBT) che la terapia dell'esposizione, un sottoinsieme della CBT. In alcuni casi, possono essere necessari farmaci.

Terapia comportamentale cognitiva

La CBT è una forma popolare di psicoterapia che ti insegna come sfidare i tuoi schemi di pensiero negativi in ​​modo da poter cambiare i tuoi schemi di comportamento.

È stato usato per trattare con successo condizioni come depressione, ansia, disturbi alimentari, disturbo ossessivo-compulsivo, bipolare e altro ancora.

Ricerca ha dimostrato che la CBT può alterare con successo i circuiti cerebrali correlati a queste condizioni, rendendola un'opzione terapeutica efficace per l'ansia e le fobie gravi.

Per le persone con sintomi di ansia causati dall'automonofobia, la CBT può essere un'efficace prima linea di trattamento.

Terapia dell'esposizione

La terapia dell'esposizione è un sottoinsieme di CBT che si concentra sull'esposizione alla paura o su una forma della cosa o situazione temuta in un ambiente sicuro. Questa esposizione sicura è progettata per ridurre l'evitamento e altri comportamenti fobici legati all'ansia.

Per le persone con automonofobia, questa terapia può aiutare notevolmente a migliorare la qualità della vita, specialmente se la persona ha evitato attività a causa della sua paura.

L'esposizione frequente e sicura può anche aiutare a ridurre la risposta immediata alla paura e i sintomi di ansia che si verificano quando una persona è esposta a figure simili all'uomo.

Terapie sperimentali

La terapia della realtà virtuale è un approccio più recente alla terapia della fobia che prevede l'immersione in una realtà virtuale per consentire a qualcuno di interagire o essere esposto alla propria paura.

Per le persone con automonofobia, questa esposizione può comportare l'immersione in un mondo virtuale che contiene figure simili all'uomo. Come la terapia dell'esposizione, ricerca ha dimostrato che può essere un approccio efficace per il trattamento della fobia se associato ad altre opzioni di psicoterapia.

farmaci

Quando la CBT e la terapia dell'esposizione non sono sufficienti, i farmaci possono anche essere usati come parte del trattamento.

Mentre gli antidepressivi possono essere usati per trattare i sintomi dell'automonofobia a lungo termine, le benzodiazepine possono essere usate per i sintomi a breve termine.

Tuttavia, un professionista della salute mentale non può prescrivere farmaci come benzodiazepine a causa dell'aumentato rischio di dipendenza.

aiuto per ansia e fobie

Se stai cercando opzioni di trattamento per l'autonofobia, ci sono risorse che possono aiutarti. Il sito web del Dipartimento di salute e servizi umani ha uno strumento che può aiutarti a individuare le opzioni di trattamento vicino a te.

Inoltre, di seguito è riportato un elenco di organizzazioni specializzate nel trattamento della salute mentale. È possibile visitare i siti Web elencati per ulteriori informazioni sulle opzioni di trattamento nella propria zona:

  • Linea di vita nazionale per la prevenzione del suicidio. Questa è una linea di assistenza gratuita 24 ore su 24, 7 giorni su 7, disponibile per le persone in crisi che potrebbero prendere in considerazione la possibilità di togliersi la vita.

  • Alleanza nazionale sulla malattia mentale (NAMI). Questa è una risorsa che ha sia una linea di crisi del telefono che una linea di crisi del testo per chiunque abbia bisogno di assistenza immediata.

  • National Institute of Mental Health (NIH). Questa è una risorsa che può aiutarti a trovare sia opzioni di aiuto a lungo termine che assistenza immediata.

La linea di fondo

L'automatonofobia è una paura eccessiva e persistente di figure simili all'uomo. La paura di queste figure può svilupparsi da un'esperienza personale traumatica o a causa di una varietà di fattori genetici o ambientali.

Il tuo professionista della salute mentale utilizzerà i criteri DSM-5 per diagnosticare questa fobia in modo da poter iniziare il trattamento. Le opzioni terapeutiche comprendono la terapia cognitivo comportamentale, la terapia dell'esposizione e, in alcuni casi, i farmaci.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here