Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Come viene utilizzata l’endoscopia per diagnosticare e trattare la GERD

Come viene utilizzata l’endoscopia per diagnosticare e trattare la GERD

0
10

La malattia da reflusso gastroesofageo, o GERD, è una condizione di salute cronica in cui si verificano episodi ricorrenti di reflusso acido. Secondo il National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases (NIDDK), è una condizione comune, che colpisce una stima 20 per cento di persone negli Stati Uniti.

Il sintomo principale di GERD è il bruciore di stomaco, una sensazione di bruciore dovuta all’acido dello stomaco che scorre nell’esofago. Un altro sintomo comune è il rigurgito, in cui il contenuto dello stomaco scorre nella gola o nella bocca.

Un’endoscopia del tratto gastrointestinale superiore (GI) è una procedura che utilizza un tubo sottile e flessibile con una telecamera per guardare all’interno del tratto gastrointestinale superiore. Può anche essere utilizzato per raccogliere biopsie ed eseguire procedure.

L’endoscopia del tratto gastrointestinale superiore può essere utilizzata nella diagnosi e, meno comunemente, nel trattamento della GERD. Di seguito, esamineremo questi usi, com’è la procedura di endoscopia e quali rischi sono associati ad essa.

Illustrazione di Sophia Smith

Endoscopia superiore nella diagnosi di GERD

L’esperienza di frequenti bruciori di stomaco o rigurgiti spesso indica GERD. Per questo motivo, un medico può sospettare di GERD dopo aver esaminato la tua storia medica e aver eseguito un esame fisico.

In questo caso, ti avvieranno con un inibitore della pompa protonica (PPI). I PPI trattano la GERD abbassando la produzione di acido gastrico. Una risposta al trattamento con PPI può confermare la diagnosi di GERD senza ulteriori test.

Tuttavia, se hai sintomi meno comuni o allarmanti, il medico potrebbe voler ordinare ulteriori test, come un’endoscopia gastrointestinale superiore, per vedere cosa li sta causando.

Un’endoscopia gastrointestinale superiore, chiamata anche esofagogastroduodenoscopia, consente al medico di esaminare il rivestimento del tratto gastrointestinale superiore. Ciò include l’esofago, lo stomaco e la parte superiore dell’intestino tenue (duodeno).

L’esecuzione di un’endoscopia consente al medico di vedere se i sintomi sono dovuti a GERD, alle sue complicazioni o a un’altra condizione di salute. Durante la procedura, possono anche raccogliere un campione di tessuto chiamato biopsia da analizzare.

Altri test che potrebbero essere utilizzati per diagnosticare GERD

Oltre a un’endoscopia gastrointestinale superiore, è possibile utilizzare anche altri test per diagnosticare la GERD o le sue complicanze. Questi includono:

  • Monitoraggio ambulatoriale del pH esofageo. Questo test utilizza un catetere o una piccola capsula inserita nell’esofago per tenere traccia dei cambiamenti del pH, che possono segnalare la presenza di acido nello stomaco. Queste informazioni possono indicare in che modo diversi fattori come la dieta e il sonno sono correlati ai sintomi.
  • Manometria esofagea. La manometria esofagea può aiutare a trovare problemi con l’esofago. Misura le contrazioni muscolari nell’esofago durante la deglutizione. Può anche valutare la funzione dello sfintere esofageo inferiore (LES).
  • Rondine di bario. Una rondine di bario aiuta a rilevare il restringimento dell’esofago o un’ernia iatale. Ingerirai una sostanza gessosa chiamata bario, che ricopre il tratto gastrointestinale superiore. Verrà quindi eseguita una serie di raggi X per osservare questi tessuti.

L’endoscopia è usata per trattare la GERD?

I medici in genere trattano la GERD usando una combinazione di farmaci e cambiamenti nello stile di vita. I farmaci includono PPI e bloccanti del recettore H2.

Tuttavia, ci sono alcune situazioni in cui il medico può raccomandare un intervento chirurgico, ad esempio quando:

  • I farmaci e i cambiamenti nello stile di vita non sono efficaci nel gestire i sintomi della GERD.
  • I farmaci per GERD causano effetti collaterali significativi.
  • Desideri interrompere l’uso di farmaci a lungo termine per il trattamento della GERD.

Gli interventi chirurgici più prontamente eseguiti per GERD sono la fundoplicatio e la chirurgia Linx.

Una nuova tecnica chirurgica basata sull’endoscopia per GERD è chiamata fundoplicatio transorale senza incisione (TIF). Questa procedura prevede un’endoscopia. La Food and Drug Administration (FDA) ha approvato il TIF nel 2007 e nel 2016 erano state completate oltre 17.000 procedure.

L’obiettivo del TIF è di stringere il LES, che è la valvola muscolare che collega l’esofago e lo stomaco. In alcune persone con GERD, il LES è indebolito e potrebbe aprirsi quando non dovrebbe. Ciò consente all’acido dello stomaco di risalire nell’esofago.

In TIF, un dispositivo endoscopico chiamato EsophyX viene fatto passare attraverso la bocca e nello stomaco. Una volta in posizione, viene utilizzato per piegare la parte superiore dello stomaco contro la parte inferiore dell’esofago.

Secondo una recensione del 2016, il dispositivo inserisce quindi una serie di circa 20 chiusure in polipropilene, simili ai punti, per proteggere l’area. Il risultato è un LES più stretto.

UN Revisione 2021 ha incluso 8 studi e ha esaminato i risultati del TIF in un periodo medio di follow-up di circa 5 anni. Ha rilevato che:

  • La soddisfazione dichiarata era del 12,3% prima del TIF e del 70,6% dopo.
  • I tassi di utilizzo dei PPI sono diminuiti dopo il TIF, con il 53,8% delle persone che ne sono completamente esclusi e il 75,8% che li utilizza solo occasionalmente.
  • La maggior parte delle persone ha riportato una migliore qualità della vita e una riduzione dei sintomi di GERD durante il periodo di follow-up.

Preparazione per un’endoscopia superiore per diagnosticare GERD

Se il tuo medico ordina un’endoscopia gastrointestinale superiore per diagnosticare GERD, dovrai fare alcune cose per prepararti.

  • Discuti con il tuo medico. Assicurati di informare il tuo medico di eventuali farmaci, vitamine o integratori a base di erbe che stai assumendo e se hai allergie ai farmaci.
  • Regolare o interrompere i farmaci. Sebbene tu possa assumere la maggior parte dei farmaci come indicato prima della procedura, il medico potrebbe istruirti a modificare o interrompere temporaneamente alcuni farmaci, come ad esempio:

    • fluidificanti del sangue
    • farmaci per il diabete
    • aspirina
    • farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS)
  • Veloce. Per ottenere la migliore visione del tratto gastrointestinale superiore, il medico ti chiederà di non mangiare o bere nulla per 6-8 ore prima dell’endoscopia, secondo l’American College of Gastroenterology. Tuttavia, è generalmente consentito bere un piccolo sorso d’acqua per assumere farmaci.
  • Organizzati per un giro. I sedativi verranno utilizzati durante l’endoscopia, il che significa che non è sicuro per te guidare in seguito. Assicurati di chiedere aiuto per tornare a casa dopo la procedura.

Il medico ti darà istruzioni più specifiche su come prepararti per la procedura. Assicurati di seguirli attentamente. Se hai domande o dubbi, assicurati di sollevare anche loro.

Come funziona l’endoscopia per GERD?

Un’endoscopia gastrointestinale superiore è una procedura ambulatoriale, il che significa che puoi tornare a casa lo stesso giorno. Di solito viene eseguito in un ospedale o in un altro centro medico ambulatoriale.

Quando arrivi, ti verrà chiesto di metterti un camice da ospedale e di rimuovere eventuali gioielli. Un operatore sanitario controllerà i segni vitali come frequenza cardiaca, pressione sanguigna e ossigeno nel sangue e inserirà una linea endovenosa (IV) nel braccio o nella mano.

La stessa procedura di endoscopia del tratto gastrointestinale superiore è piuttosto rapida. Il NIDDK dice che spesso ci vuole tra 15 e 30 minuti. In genere comporta i seguenti passaggi:

  1. Il medico ti chiederà di sdraiarti su un fianco sul lettino degli esami.
  2. Per aiutarti a rilassarti, ti verrà somministrato un sedativo tramite la flebo. Potresti anche ricevere un farmaco paralizzante per la bocca o la gola e un paradenti per proteggere i denti e l’endoscopio.
  3. L’endoscopio verrà passato in bocca e attraverso il tratto gastrointestinale superiore, che include l’esofago, lo stomaco e il duodeno. Potresti sentire una certa pressione o disagio mentre ciò sta accadendo, ma non dovrebbe essere doloroso.
  4. Durante questo periodo, la telecamera sull’endoscopio fornirà video del rivestimento del tratto gastrointestinale superiore. L’endoscopio emetterà un po’ d’aria per ottenere una visione migliore.
  5. In qualsiasi momento della procedura, il medico può scegliere di eseguire una biopsia da esaminare successivamente in laboratorio.
  6. Al termine della procedura, il medico rimuoverà con cura l’endoscopio.

Dopo un’endoscopia

Al termine dell’endoscopia, verrai portato in una sala di risveglio dove verrai monitorato circa 1 o 2 ore quando gli effetti del sedativo svaniscono. Potrai quindi tornare a casa.

Quando lasci la struttura medica, riceverai istruzioni su come prenderti cura di te stesso a casa. Assicurati di seguire attentamente queste istruzioni e di porre domande se le hai.

Il farmaco paralizzante utilizzato durante l’endoscopia inibisce il riflesso del vomito. Per ridurre il rischio di soffocamento, ti verrà chiesto di non mangiare o bere nulla fino a quando questo farmaco non svanisce e puoi deglutire di nuovo come al solito.

Avere gonfiore o crampi per un breve periodo è tipico. Ciò è dovuto all’aria che viene soffiata attraverso l’endoscopio durante la procedura. Potresti anche avere mal di gola a causa dell’endoscopio, ma in genere dura solo un paio di giorni.

Quando i risultati della tua endoscopia saranno pronti, il tuo medico vorrà esaminarli con te. I risultati potrebbero essere disponibili lo stesso giorno della procedura. In caso contrario, il medico ti contatterà in un secondo momento per discuterne.

Quando è raccomandata l’endoscopia per GERD?

Non tutti con GERD avranno bisogno di un’endoscopia. Come accennato in precedenza, se sintomi comuni come bruciore di stomaco e rigurgito rispondono al trattamento con IPP, questo è spesso sufficiente per diagnosticare la GERD.

Tuttavia, il medico può ordinare un’endoscopia del tratto gastrointestinale superiore come parte del processo diagnostico se si verificano sintomi non tipici della GERD o preoccupanti.

Alcuni esempi di tali sintomi includono cose come:

  • deglutizione che è dolorosa o difficile
  • perdita di peso involontaria
  • segni di anemia, come affaticamento, vertigini o mancanza di respiro
  • raucedine
  • tosse persistente
  • dolore al petto
  • vomito o feci contenenti sangue

Potenziali rischi di un’endoscopia

I rischi correlati a un’endoscopia del tratto gastrointestinale superiore sono rari e si verificano meno del 2 per cento delle persone. I potenziali rischi includono:

  • una reazione al sedativo, che può causare sintomi come difficoltà respiratorie, rallentamento della frequenza cardiaca (bradicardia) e bassa pressione sanguigna (ipotensione)
  • sanguinamento da un sito di biopsia
  • infezione
  • una lacrima (perforazione) nel rivestimento del tratto gastrointestinale superiore

I rischi in genere si verificano entro le prime 24 ore dopo la procedura. Ricevi immediatamente assistenza medica se sviluppi sintomi come:

  • un mal di gola che non va via o peggiora
  • difficoltà a deglutire
  • problemi di respirazione
  • dolore al petto
  • peggioramento del dolore all’addome
  • vomito, soprattutto se contiene sangue

  • sangue nelle feci
  • febbre, con o senza brividi

Porta via

L’endoscopia del tratto gastrointestinale superiore può aiutare il medico a diagnosticare la GERD. Sebbene non sia richiesto in tutti i casi, potrebbe essere necessario se si hanno sintomi atipici o allarmanti come difficoltà a deglutire o dolore al petto.

L’endoscopia, ad esempio attraverso la procedura TIF, può essere utilizzata anche per il trattamento della GERD. Tuttavia, questo è ancora raro. In genere, la chirurgia è consigliata solo quando altri trattamenti non sono stati efficaci o non possono essere utilizzati.

Un’endoscopia gastrointestinale superiore è una procedura ambulatoriale con pochissimi rischi. Per assicurarti che la tua procedura si svolga senza intoppi, assicurati di seguire attentamente tutte le istruzioni di preparazione e post-terapia del tuo medico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here