Home Notizia Mondo Come un’infezione da Candida potrebbe innescare meccanismi legati all’Alzheimer

Come un’infezione da Candida potrebbe innescare meccanismi legati all’Alzheimer

0
25

microscopio
Lo suggerisce uno studio condotto su topi e colture cellulari candida albicans possono infettare il cervello e innescare meccanismi simili all’Alzheimer. Credito immagine: Paul Campbell/Getty Images.
  • I ricercatori hanno scoperto come un fungo comune entra nel cervello e genera proteine ​​tossiche implicate nella malattia di Alzheimer.
  • Studiando modelli animali, il team ha scoperto che il fungo candida albicans utilizza gli enzimi per penetrare nel sangueN barriera e attivano le cellule cerebrali sia per eliminare l’infezione che per produrre peptidi beta-amiloide.
  • I risultati rivelano un potenziale nuovo meccanismo dietro lo sviluppo dell’Alzheimer, che potrebbe aprire nuove strade per nuove strategie di trattamento.

Gli scienziati del Baylor College of Medicine di Houston e le istituzioni che hanno collaborato hanno scoperto come candida albicans entra nel cervello e innesca due meccanismi distinti che ne promuovono l’eliminazione.

Precedenti ricerche hanno collegato i funghi a condizioni neurodegenerative croniche come il morbo di Alzheimer, ma la comprensione di come questi microbi comuni potrebbero contribuire allo sviluppo di tali condizioni è limitata.

In questo nuovo studio, pubblicato in Rapporti di cellai ricercatori hanno studiato la connessione tra C. albicans e la malattia di Alzheimer in modelli animali.

C. albicans è un lievito – un tipo di fungo unicellulare – e fa parte della microflora naturale, ovvero i microrganismi che popolano il corpo.

In quantità normali, C. albicans di solito non dà alcun problema. Tuttavia, possono verificarsi crescite eccessive che portano a infezioni.

Il fungo, che è stato rilevato nel cervello di individui con malattia di Alzheimer, può produrre proteine ​​amiloidi simili a quelle che si accumulano nel cervello delle persone con malattia di Alzheimer.

L’amiloide può essere generata da due fonti

“Volevamo sapere attraverso questo lavoro come il corpo combatte questo fungo molto importante, candida albicansche infetta tutte le persone, per quanto ne sappiamo”, ha affermato l’autore senior Dr. David B Corry.

“Lo abbiamo già dimostrato Candida entra nel cervello del topo dal sangue, quindi volevamo sapere come il cervello combatte il fungo”, ha spiegato il dottor Corry.

Il dottor Corry ha poi sottolineato i principali risultati di questa nuova ricerca Notizie mediche oggi.

Ci ha detto che, innanzitutto, C. albicans secerne enzimi che abbattono la barriera emato-encefalica, permettendo al fungo di entrare nel cervello.

Le microglia, le cellule del cervello che combattono le infezioni, rilevano C. albicans attraverso le interazioni tra candidalisina, a Candida proteina e CD11b, una proteina microgliale. Ciò innesca la microglia per eliminare il fungo.

Rilevano anche le microglia C. albicans attraverso un secondo percorso – Candidoa le proteinasi scindono la proteina precursore dell’amiloide sui neuroni in frammenti che segnalano attraverso il recettore toll-like 4 sulla microglia, attivando l’uccisione dei funghi.

È importante sottolineare che questi frammenti sono simili a quelli trovati nei pazienti affetti da Alzheimer, suggerendo ciò Candida le proteinasi possono contribuire al declino cognitivo nell’Alzheimer generando questi frammenti neurotossici.

Come Candida sfonda la barriera emato-encefalica

La dottoressa Heather Sandison, una naturopata specializzata nella cura della demenza, non coinvolta in questa ricerca, ha affermato che lo studio attuale “convalida ulteriormente ricerche precedenti che suggeriscono che la candidosi può essere correlata allo sviluppo del morbo di Alzheimer innescando la produzione di beta amiloide, che agisce come difesa contro la candida e altri microbi nel cervello”.

“Questo documento descrive il meccanismo attraverso il quale Candida degrada direttamente la barriera emato-encefalica che ha lo scopo di proteggere il cervello da infezioni come la candida”, ha aggiunto. “Ulteriori test contenuti in questo articolo mostrano anche che quando la barriera emato-encefalica è compromessa per altri motivi, Candida ha maggiori probabilità di entrare nel cervello”.

Il dottor James Giordano, professore nei dipartimenti di neurologia e biochimica del Georgetown University Medical Center di Washington, anch’egli non coinvolto in questa ricerca, ha commentato che “questo studio, utilizzando un modello murino, accoppiato ad esperimenti in vitro, mostra che il fungo C. albicans accede dal flusso sanguigno al cervello [presumably] producendo peptidi che compromettono l’integrità della barriera ematoencefalica”.

“Inoltre, questo studio lo ha dimostrato C. albicans produce altri peptidi che possono attivare le vie dell’amiloide coinvolte in condizioni neuroinfiammatorie e neurodegenerative, tra cui l’Alzheimer e altre forme di demenza”, ha spiegato il dottor Giordano.

Potenziali implicazioni per lo sviluppo di nuove strategie di trattamento

Il dottor Corry ha sottolineato che “i nostri risultati suggeriscono, ma non lo fanno [yet] dimostrare che le infezioni correlate a candida albicans può essere dannoso per la salute del cervello”.

“A causa del collegamento con il morbo di Alzheimer, come suggerito dai frammenti creati dal fungo e dalle ulteriori prove presentate da altri gruppi che suggeriscono che C. albicans è infatti presente nel cervello dei malati di Alzheimer, i nostri risultati forniscono ulteriori prove di collegamento C. albicans al morbo di Alzheimer”.

– Dottor David B. Corry

“Il nostro lavoro ha sottolineato il modo in cui il cervello si libera di se stesso Candidama suggeriscono modi specifici per migliorare questi percorsi per contrastare più efficacemente il fungo”, ha spiegato ulteriormente.

Il dottor Sandison ha inoltre osservato che “questo è un modello murino e, sebbene la ricerca sui modelli murini non sempre si traduca in modelli umani, questa ricerca offre un promemoria per evitare la candidosi in generale”.

“Strategie per evitare Candida la crescita include una dieta a basso contenuto di zuccheri, evita l’uso eccessivo di antibiotici o farmaci immunosoppressori come gli steroidi, usa probiotici o cibi fermentati dopo un ciclo di antibiotici, considera di aumentare il consumo di cibi ed erbe con proprietà antifungine naturali come olio di cocco, aglio e origano, ” ha sottolineato il dottor Sandison.

Sebbene diversi studi abbiano dimostrato collegamenti tra i microbi e il morbo di Alzheimer, ci sono molti fattori di rischio modificabili associati all’Alzheimer, ha spiegato il dottor Sandison.

Questi includono la privazione del sonno, il diabete di tipo 2, l’ipertensione, lo stile di vita sedentario, l’eccesso di peso, la perdita dell’udito e l’isolamento sociale.

“Raccomando ai miei pazienti di concentrarsi sui fattori di rischio modificabili che possono controllare per ridurre il più possibile il rischio di demenza man mano che invecchiano”, ci ha detto.

Il dottor Giordano ha concluso che “questa ricerca chiarisce ulteriormente i meccanismi attraverso i quali le microglia – cellule immunologiche del cervello – avviano e sostengono risposte per sopprimere gli effetti patologici del fungo C. albicans.”

“Questi risultati, sebbene dimostrati in un modello murino, potrebbero essere importanti per far avanzare la ricerca umana che potrebbe portare a migliori terapie contro le infezioni fungine cerebrali, che possono verificarsi in pazienti ospedalizzati immunocompromessi e/o malati cronici”.

– Dott. Giacomo Giordano