Home Notizia Mondo Come si confrontano i vaccini mirati con Omicron rispetto a quelli originali?

Come si confrontano i vaccini mirati con Omicron rispetto a quelli originali?

0
44

C’è bisogno di vaccini COVID-19 che siano aggiornati per adattarsi in modo specifico alle varianti emergenti di SARS-CoV-2, o i vaccini originali possono resistere alla prova di un virus in continua mutazione? Abbiamo esaminato i dati esistenti e abbiamo parlato con tre esperti per cercare di rispondere a questa domanda.

Dovremmo avere vaccini COVID-19 specifici per la variante? Credito immagine: A. Martin UW Photography/Getty Images.

Il 15 marzo 2022, Pfizer e BioNTech hanno annunciato di aver presentato una domanda alla Food and Drug Administration (FDA), evidenziando la necessità di una quarta dose del suo vaccino mRNA COVID-19 negli adulti di età superiore ai 65 anni.

L’annuncio arriva pochi mesi dopo che una terza dose di richiamo è stata prescritta a tutti gli adulti per proteggere dalla variante Omicron, che è stata trovata per eludere l’immunità da precedenti infezioni e vaccinazioni.

Mentre i risultati delle prove condotte da Pfizer e BioNTech e pubblicati in Scienza e un documento di prestampa, ha recentemente dimostrato che tre dosi hanno fornito una certa protezione contro Omicron, ora ci sono preoccupazioni l’immunità potrebbe diminuire. Questo è il motivo per cui gli sviluppatori stanno cercando una licenza per una quarta dose.

I vaccini mRNA esistenti prodotti da Pfizer-BioNTech e Moderna sono stati progettati per indurre il corpo a creare anticorpi che si legherebbero alla proteina spike SARS-CoV-2 per impedirgli di entrare nelle cellule e replicarsi. Le mutazioni nella regione di legame della proteina spike in Omicron hanno reso gli anticorpi prodotti da questi vaccini e dalle infezioni precedenti meno efficaci contro la variante, che ora è dominante in tutto il mondo.

Il fallimento dei vaccini esistenti per la protezione contro l’Omicron ha portato alcuni team a tentare di sviluppare vaccini mirati specificamente a questa variante. Finora i test sono solo sugli animali e la maggior parte degli studi non è stata ancora sottoposta a revisione paritaria. Nel gennaio 2022, Pfizer ha annunciato che stava avviando una sperimentazione che coinvolgeva 1.420 partecipanti per valutare l’effetto di un vaccino mirato all’Omicron insieme ai vaccini esistenti dell’azienda.

Risultati misti

Uno dei primi studi a pubblicare i risultati in un preprint è stato condotto da un team di Taipei, Taiwan. Ha delineato come i ricercatori hanno sviluppato vaccini mRNA specifici per la variante progettati per colpire i domini di legame del recettore per Omicron e Delta. Il team ha scoperto che il loro vaccino specifico per Omicron da solo ha indotto l’immunità contro Omicron nei topi ma non è riuscito a proteggere contro altre varianti, a differenza dei vaccini progettati per proteggere contro Omicron e Delta.

Un ulteriore studio pubblicato come preprint nel febbraio 2022 da ricercatori negli Stati Uniti ha sottolineato che i booster specifici di Omicron non erano più efficaci nell’aumentare i livelli di anticorpi nei macachi rispetto ai vaccini Modern mRNA COVID-19 esistenti.

Allo stesso modo, i topi potenziati con vaccini specifici per Omicron hanno mostrato poche differenze nei livelli di anticorpi rispetto ai topi potenziati con il vaccino mRNA di Moderna esistente. Questo è stato secondo un altro studio preliminare pubblicato pochi giorni dopo dai ricercatori della Washington University School of Medicine e Moderna.

Il professor Michael Diamond, professore nei dipartimenti di medicina, microbiologia molecolare, patologia e immunologia presso la Washington University School of Medicine di St, Louis, MO, e autore principale dell’articolo, ha detto Notizie mediche oggi in una e-mail che, “[t]Il problema principale è che Omicron è aumentato e ha iniziato a contrarsi così velocemente che potrebbe non essere pratico di per sé per potenziare Omicron.

Tuttavia, ha ritenuto che questa ricerca fosse importante, in quanto ha aiutato i ricercatori a capire cosa era necessario fare per accelerare lo sviluppo del vaccino in futuro.

Come dovrebbero essere pianificati i vaccini COVID-19?

Un altro studio preliminare pubblicato a febbraio ha segnalato un altro problema con lo sviluppo di nuovi vaccini dopo 2 anni dall’inizio di una pandemia. Questa ricerca ha esaminato l’effetto dei vaccini mirati a Omicron su criceti e topi. Sebbene i vaccini mirati a Omicron fornissero una migliore protezione contro la variante Omicron rispetto ai vaccini più vecchi, i topi che erano stati precedentemente vaccinati non hanno aumentato la loro produzione di anticorpi dopo la vaccinazione con i vaccini mirati a Omicron.

La questione dell'”imprinting immunitario” non è stata una sorpresa, ha affermato il Prof. Danny Altmann, che faceva parte di un team che ha pubblicato un articolo sulla rivista Scienza esaminando il ruolo della vaccinazione e dell’infezione sull’immunità contro diversi ceppi.

Disse MNT in un’intervista: “Due anni fa, avevi il pianeta Terra, dove nessuno aveva alcuna precedente esperienza immunitaria di SARS-CoV-2, ed eravamo tutti un foglio bianco. E tu o l’hai ottenuto [the infection] e sono diventato immune in questo modo. Oppure hai fatto i tuoi primi vaccini e sei diventato immune in quel modo.

“E ora, se pensi al pianeta Terra, abbiamo tutti repertori immunitari ed esperienze immunitarie terribilmente diverse, perché, sai, non ci sono due persone che vedi alla fermata dell’autobus sono uguali, perché hanno avuto, sai , 0, 1, 2, 3 o 4 dosi di vaccini diversi sovrapposti a niente o che avevano […] Variante Alpha, o variante Alpha più variante Delta, o variante Alpha più Omicron. E tutte queste cose spingono e tirano il tuo repertorio immunitario, i tuoi anticorpi e le cose in direzioni diverse, e ti fanno rispondere in modo diverso al prossimo vaccino che arriverà”.

– Prof. Danny Altmann

Ha suggerito che, piuttosto che vaccini specifici per varianti, dovremmo invece considerare il lavoro svolto dagli scienziati per sviluppare vaccini mRNA che ci inducano a creare anticorpi contro parti della proteina spike che non tendono a mutare. Non erano informazioni che avevamo a nostra disposizione quando i primi vaccini mRNA sono stati sviluppati all’inizio del 2020, ha spiegato.

Uno degli autori del preprint paper, Dr. Heinz Feldmanha detto il capo del laboratorio di virologia del National Institutes of Allergy and Infectious Diseases MNT in un’e-mail: “Sebbene abbiamo dimostrato che potremmo adattare rapidamente la nostra piattaforma di vaccini per prendere di mira Omicron e testarlo su modelli animali, prima che un tale vaccino possa essere utilizzato nell’uomo devono ancora essere soddisfatti requisiti di produzione e regolamentazione significativi”.

“Investire in piattaforme di vaccini rapidi preparerà meglio la risposta della salute pubblica per future varianti di preoccupazione. Questi studi ci danno anche una prova del concetto per l’utilizzo di questi vaccini per rispondere rapidamente agli eventi causati da altri agenti patogeni emergenti o riemergenti”, ha aggiunto.

Per gli aggiornamenti in tempo reale sugli ultimi sviluppi relativi al COVID-19, fare clic qui.