Cinque condanne a morte in Arabia Saudita, tre in carcere per l'omicidio di Khashoggi

0
67

RIYADH – L'Arabia Saudita lunedì ha condannato a morte cinque persone e altre tre in prigione per l'omicidio del giornalista saudita Jamal Khashoggi l'anno scorso e ha dichiarato che l'uccisione non è stata premeditata, un verdetto criticato da un investigatore delle Nazioni Unite come una "beffa" della giustizia.

Il tribunale ha respinto le accuse contro le restanti tre delle 11 persone che erano state sotto processo, ritenendole non colpevoli, ha dichiarato il vice procuratore e portavoce sauditi Shalaan al-Shalaan. Nessuno dei nomi degli imputati è stato immediatamente rilasciato.

"L'indagine ha dimostrato che l'omicidio non è stato premeditato … La decisione è stata presa al momento", ha detto Shalaan, una posizione in contraddizione con i risultati di un'indagine condotta dalle Nazioni Unite.

Khashoggi era residente negli Stati Uniti e critico del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, il sovrano di fatto del regno. È stato visto per l'ultima volta al consolato saudita a Istanbul il 2 ottobre 2018, dove era andato a ottenere documenti per il suo imminente matrimonio. Secondo quanto riferito, il suo corpo è stato smembrato e rimosso dall'edificio, e i suoi resti non sono stati trovati.

Undici sospetti sauditi sono stati processati per la sua morte in procedimenti segreti nella capitale Riyadh.

L'omicidio di Khashoggi ha causato un tumulto globale, offuscando l'immagine del principe ereditario. La CIA e alcuni governi occidentali hanno affermato di ritenere che il Principe Mohammed, noto anche come MbS, abbia ordinato l'uccisione.

Funzionari sauditi affermano che non ha avuto alcun ruolo, anche se a settembre il principe Mohammed ha indicato per la prima volta una certa responsabilità personale per l'omicidio, affermando che "è accaduto sotto la mia sorveglianza".

Agnes Callamard, la relatrice speciale delle Nazioni Unite per una sintesi extragiudiziale o esecuzioni arbitrarie, lunedì ha pronunciato il verdetto del processo come una "beffa" della giustizia.

“I sicari sono colpevoli, condannati a morte. Le menti non solo camminano libere, ma a malapena sono state toccate dalle indagini e dal processo ", ha detto su Twitter.

L'indagine condotta dalle Nazioni Unite a febbraio ha riferito che le prove indicavano "un'uccisione brutale e premeditata, pianificata e perpetrata" da funzionari sauditi.

DUE FIGURE SENIOR LIBERATE DOPO LA SONDA

Lo scorso novembre il procuratore saudita ha affermato che Saud al-Qahtani, un ex consigliere reale saudita di alto profilo, aveva discusso delle attività di Khashoggi prima di entrare nel consolato saudita con la squadra che ha continuato a ucciderlo.

Il procuratore aveva affermato che Qahtani aveva agito in coordinamento con il vice capo dell'intelligence Ahmed al-Asiri, che secondo lui aveva ordinato al rimpatrio di Khashoggi dalla Turchia e che il principale negoziatore in loco aveva deciso di ucciderlo.

Entrambi gli uomini furono allontanati dalle loro posizioni ma mentre Asiri fu processato, Qahtani non lo fu.

Lunedì Shalaan ha dichiarato che Asiri è stato processato e rilasciato a causa di prove insufficienti, e Qahtani è stato indagato ma non è stato accusato ed è stato rilasciato.

Shalaan ha anche detto che il console generale saudita in Turchia a quel tempo, Mohammed al-Otaibi, era stato liberato dopo che testimoni turchi avevano dichiarato che Otaibi era stato con loro il giorno del crimine. Due settimane fa, gli Stati Uniti hanno vietato a Otaibi di entrare nel paese.

FOTO FILE: il dissidente saudita Jamal Khashoggi parla a un evento ospitato da Middle East Monitor a Londra, Gran Bretagna, 29 settembre 2018. Foto scattata il 29 settembre 2018. Middle East Monitor / Handout via REUTERS

Fonti che hanno familiarità con la questione hanno dichiarato a Reuters l'anno scorso che Maher Mutreb, il principale negoziatore, e Salah al-Tubaigy, un esperto forense specializzato in autopsie, erano anche sotto processo per l'omicidio e potrebbero essere condannati a pena di morte.

Lunedì Shalaan ha detto che quando la squadra saudita che è entrata nel consolato ha visto che non sarebbe stato possibile trasferire Khashoggi in un posto sicuro per continuare i negoziati, hanno deciso di ucciderlo.

"È stato concordato, in consultazione tra il capo della squadra negoziale e i colpevoli, di uccidere Jamal Khashoggi all'interno del consolato", ha detto Shalaan in risposta alle domande dei giornalisti.

31 PERSONE RICERCATE

La Turchia ha dichiarato lunedì che l'esito del processo è lungi dall'essere al servizio della giustizia e ha ribadito la sua richiesta di una migliore cooperazione giudiziaria saudita.

"Il fatto che questioni importanti come la posizione del corpo del defunto Khashoggi, l'identificazione degli istigatori e, se ce ne sono, i cooperatori locali, sono ancora nell'oscurità è una lacuna fondamentale per la giustizia e la responsabilità", Il portavoce del ministero degli Esteri Hami Aksoy ha dichiarato.

Callamard, il relatore delle Nazioni Unite, ha criticato il processo per essere stato tenuto a porte chiuse, affermando che le condizioni del diritto internazionale per farlo non erano state soddisfatte.

Il gruppo per i diritti umani Amnesty International ha anche criticato il processo chiuso, marchiando il verdetto come un “bianco”.

"Il verdetto non affronta il coinvolgimento delle autorità saudite in questo crimine devastante o chiarisce la posizione dei resti di Jamal Khashoggi", ha detto Amnesty in una nota.

Nell'inchiesta per omicidio, 21 persone sono state arrestate e 10 hanno chiesto di essere interrogate senza arresto, secondo Shalaan.

Il tribunale penale di Riyadh ha pronunciato la pena di morte su cinque imputati "per aver commesso e partecipato direttamente all'omicidio della vittima". Ai tre condannati a una pena detentiva sono state assegnate varie condanne per un totale di 24 anni "per il loro ruolo nel nascondere questo crimine e violare la legge".

Shalaan ha aggiunto che le indagini hanno dimostrato che non vi era alcuna "inimicizia" tra i condannati e Khashoggi.

I verdetti possono ancora essere impugnati.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here