Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Chirurgia dell’anemia: cosa dovresti sapere

Chirurgia dell’anemia: cosa dovresti sapere

0
20

La perdita di sangue è una delle tante situazioni che possono causare anemia. L’intervento chirurgico comporta la perdita di sangue. Se soffri di anemia e ti sottoponi a un intervento chirurgico, potresti essere a rischio di gravi complicazioni.

L’anemia è una condizione in cui il corpo non produce abbastanza globuli rossi sani. Di conseguenza, l’emoglobina (la proteina del sangue ricco di ossigeno) non può spostarsi dai polmoni al resto del corpo. Se soffri di anemia, potresti sentirti stanco, debole o addirittura senza fiato.

L’anemia può contribuire a complicazioni chirurgiche come un rischio più elevato di infezione postoperatoria e la necessità di supporto respiratorio. Trattare l’anemia prima dell’intervento chirurgico può migliorare il risultato.

Ecco cosa devi sapere sull’anemia e sulla chirurgia, quali procedure possono trattare l’anemia e quali linee guida il medico può suggerire di seguire per evitare complicazioni.

Esiste un intervento chirurgico per l’anemia?

Esistono vari tipi di anemia, tra cui l’anemia da carenza di ferro, l’anemia da carenza di vitamina B12 e l’anemia emolitica. Ognuno ha la sua causa principale e il trattamento appropriato.

Non esiste un intervento chirurgico in grado di correggere l’anemia. Invece, i medici possono suggerire altri trattamenti e procedure mediche, tra cui:

  • integratori di ferro
  • trasfusioni di sangue
  • trapianto di cellule staminali
  • trapianto di midollo osseo

Perché l’anemia rappresenta un rischio per l’intervento chirurgico?

Avere anemia prima di un intervento chirurgico può preoccupare i medici perché l’intervento comporta la perdita di sangue. Ad esempio, un intervento chirurgico maggiore è definito come un intervento chirurgico durante il quale si prevede che una persona perda più di 500 millilitri di sangue.

La sola perdita di sangue è a comune causa dell’anemia. Quando il tuo corpo perde troppi globuli rossi, i livelli di emoglobina diminuiscono. Questa proteina ricca di ferro è responsabile del trasporto di ossigeno dai polmoni al resto del corpo.

Se soffri di anemia e perdi molto sangue, i livelli di emoglobina potrebbero scendere pericolosamente bassi. Ciò può portare a varie complicazioni e persino alla morte.

Che ne dici dell’anestesia se soffri di anemia?

Sottoporsi ad un intervento chirurgico quando si soffre di anemia comporta rischi legati anche all’anestesia. A seconda del tipo di anestesia che si riceve, l’anestesia può peggiorare l’anemia o impedire che non peggiori.

Ad esempio, l’anestesia neuroassiale può essere più protettiva per le persone anemiche rispetto all’anestesia generale. Alcune ricerche suggeriscono che l’anestesia neuroassiale può ridurre il sanguinamento fino al 30% abbassando la pressione sanguigna e il tono venoso (pressione nelle vene).

Cosa succede se sei anemico e ti sottoponi a un intervento chirurgico?

Più comune La causa dell’anemia prima dell’intervento chirurgico è la carenza di ferro.

Tuttavia, la perdita di sangue è un’altra comune causa dell’anemia. Sebbene alcune persone possano perdere sangue durante il ciclo mestruale o a causa di una condizione medica o di un infortunio, anche l’intervento chirurgico può causare un’eccessiva perdita di sangue. L’anemia prima dell’intervento chirurgico è anche più comune nelle persone anziane e in coloro che hanno condizioni di salute croniche.

Sottoporsi a un intervento chirurgico quando si soffre di anemia (per qualsiasi causa) comporta il rischio di gravi complicazioni, tra cui:

  • più a lungo degenze ospedaliere
  • maggiore necessità di trasfusioni di sangue

  • maggiore possibilità di complicazioni come danno renale acuto e ictus

  • aumento del rischio di infezioni

  • aumento del rischio di morte

Quale emoglobina è troppo bassa per un intervento chirurgico?

In precedenza i medici pensavano che una trasfusione di sangue durante un intervento chirurgico potesse aiutare a trattare i problemi legati all’anemia. Ma recenti ricerche hanno dimostrato che le trasfusioni di sangue durante un intervento chirurgico possono effettivamente presentare più problemi di quanti siano di aiuto.

Esperti ora raccomandano di controllare i livelli di emoglobina 6-8 settimane prima dell’intervento chirurgico. Il livello dovrebbe essere maggiore o uguale a 130 grammi per litro (g/L). sia uomini che donne. Se il tuo livello è inferiore a questo, il medico potrebbe suggerirti di posticipare l’intervento.

Il medico può anche raccomandare un trattamento per ridurre i livelli di emoglobina. Nella maggior parte dei casi, gli integratori di ferro per via orale (quelli assunti per via orale) possono aumentare i livelli di emoglobina e ferritina. Altri tipi di anemia possono essere trattati affrontando la carenza di vitamina B12, la carenza di folati, le condizioni renali e altre condizioni sottostanti che causano infiammazione e sanguinamento.

Una volta che i livelli di emoglobina sono pari o superiori a 130 g/l, il medico può riprogrammare l’intervento.

Linee guida per l’anemia postoperatoria

Anche il monitoraggio dei livelli di emoglobina dopo l’intervento chirurgico è importante per la guarigione. L’anemia postoperatoria è molto comune, ma diagnosticarla e trattarla non è necessariamente in prima linea nelle cure postoperatorie.

Potresti trarre beneficio dall’assunzione di integratori di ferro per via orale o dal ricevere un’infusione di ferro per via endovenosa (IV) dopo l’intervento chirurgico. Questi integratori possono risolvere la carenza di ferro che avevi prima dell’intervento chirurgico e qualsiasi altro problema che potrebbe essere derivato dalla perdita di sangue durante la procedura.

L’anemia postoperatoria può peggiorare durante la degenza ospedaliera a seguito di prelievi e analisi del sangue. In effetti, la ricerca suggerisce che la perdita di sangue durante il salasso durante il periodo di recupero è una delle ragioni principali per cui le persone sviluppano anemia dopo l’intervento chirurgico.

Una dieta inadeguata e le carenze nutrizionali sono altre cause comuni di anemia o peggioramento dell’anemia dopo l’intervento chirurgico.

Nel complesso, le linee guida postoperatorie potrebbero includere meno esami del sangue, assunzione di integratori di ferro su prescrizione e concentrazione su un’alimentazione sana per affrontare le carenze nutrizionali. Il medico può fornirti linee guida più specifiche che affrontano il tuo tipo di anemia e le condizioni sottostanti.

Gli esperti stimano che circa 40% delle persone che necessitano di un intervento chirurgico importante soffrono di anemia prima dell’intervento. Se hai domande sul tuo stato di anemia, assicurati di discutere le tue preoccupazioni con il tuo medico.

Qualcosa di semplice come assumere integratori di ferro può aiutare ad aumentare i livelli di ferro prima dell’intervento. In altri casi, potrebbe essere necessario adottare ulteriori misure prima e dopo l’intervento chirurgico per ridurre le possibilità di sviluppare complicazioni gravi.