Candidato appoggiato da Hezbollah di nome Lebanon PM, promette di formare rapidamente il governo

0
74

BEIRUT – Giovedì il nuovo primo ministro libanese ha detto che giovedì formerà rapidamente un governo per estrarre il paese dalla crisi economica dopo essere stato designato con il sostegno di Hezbollah sostenuto dall'Iran e dei suoi alleati.

Hassan Diab, un noto accademico ed ex ministro dell'istruzione che è emerso durante la notte come candidato, ha detto che avrebbe affrontato le lamentele dei manifestanti che hanno manifestato per due mesi e hanno messo in atto con urgenza un piano di riforma.

La designazione ha posto le basi per un gabinetto che esclude gli alleati degli Stati Uniti e dei paesi arabi del Golfo sunnita mentre sottolineava l'influenza degli amici dell'Iran in Libano. La mossa complicherebbe gli sforzi per garantire l'aiuto finanziario occidentale, affermano gli analisti.

Il Libano, di fronte alla sua peggiore crisi economica dalla guerra civile del 1975-90, ha cercato un nuovo governo da quando il primo ministro Saad al-Hariri si è dimesso il 29 ottobre, provocato dalle proteste contro l'élite al potere.

Gli sforzi per raggiungere un accordo su un nuovo premier sono stati ostacolati da divisioni che riflettono le tensioni tra Hariri, che è allineato con gli stati occidentali e del Golfo Arabo, e Hezbollah musulmano sciita. Washington considera Hezbollah pesantemente armato come un gruppo terroristico e gli ha imposto delle sanzioni.

"Lavorerò sodo per formare un governo il più presto possibile", ha detto Diab in un discorso. "Tutti i nostri sforzi devono concentrarsi sull'arresto del collasso e sul ripristino della fiducia".

Ha detto che la crisi ha richiesto a tutte le parti di stare insieme e che la priorità nel governo sarebbe per gli specialisti.

Diab ha anche cercato di rassicurare i manifestanti arrabbiati con un'élite che accusano di guidare il Libano verso la crisi, dicendo: "Ho sentito le tue voci, che esprimono dolore e rabbia di vecchia data per lo stato che abbiamo raggiunto".

CRISI

Il presidente Michel Aoun, un alleato di Hezbollah, che ha anche partecipato a disordini politici con Hariri, giovedì ha consultato i deputati sulla designazione del nuovo premier, che sotto il sistema politico settario del paese deve essere un musulmano sunnita.

Hassan Diab, appena nominato primo ministro del Libano, cammina nel palazzo presidenziale di Baabda, in Libano, il 19 dicembre 2019. REUTERS / Mohamed Azakir

Aoun, un cristiano maronita, è tenuto a designare il candidato con il massimo sostegno.

La mossa per nominare Diab ha segnalato una decisione di Hezbollah e dei suoi alleati di abbandonare gli sforzi per creare un consenso con Hariri e scegliere un candidato di loro scelta.

Ma non fu immediatamente chiaro quanto rapidamente sarebbe stato formato un governo. Per ora, Hariri, il principale politico sunnita del Libano, rimarrà come primo ministro custode.

La crisi del Libano è cresciuta, con le banche che hanno imposto severi controlli sui capitali, la sterlina che è crollata di un terzo del suo tasso ufficiale e le aziende che hanno perso lavoro e ridotto gli stipendi.

Fitch la scorsa settimana ha tagliato il rating del Libano per la terza volta in un anno, avvertendo che ora si aspettava che il paese si ristrutturasse o morisse sul suo debito.

Jason Tuvey, economista senior dei mercati emergenti di Capital Economics, ha dichiarato: “Un governo con un primo ministro appoggiato da Hezbollah avrebbe anche meno probabilità di ottenere supporto dai paesi del Golfo … e potrebbe anche ridurre potenzialmente le possibilità che il Libano ottenga sostegno da l'FMI se gli Stati Uniti sollevano preoccupazioni. "

Un anziano banchiere ha espresso preoccupazione per il fatto che Hezbollah sia troppo preoccupato per la sua lotta con gli Stati Uniti e ha affermato che la "vera battaglia" era contro il "crollo della liquidità".

I membri del parlamento con il Future Movement di Hariri hanno detto ad Aoun che non avrebbe preso parte al prossimo governo, ha detto una fonte vicina ad Hariri.

Hariri sembrava essere stato nominato primo ministro, ma mercoledì ha ritirato la sua candidatura.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here