Bulli Bai: le donne musulmane dell’India di nuovo elencate sull’app per “asta”

0
96

L’app, ora rimossa, mostrava più di 100 donne “in vendita come domestiche”, con le vittime che affermavano di avere poche speranze di azione da parte della polizia.

Una foto del giornalista Quratulain Rehbar del Kashmir amministrato dall’India è apparsa sull’app “Bulli Bai” [Courtesy of Quratulain Rehbar]

Nuova Delhi, India – Il 1° gennaio, Quratulain Rehbar, una giornalista del Kashmir amministrato dall’India, si è svegliata e si è vista elencata per un'”asta online”. La sua fotografia è stata acquistata senza il suo permesso e caricata su un’app per la “vendita”.

Non era sola.

Le fotografie di oltre 100 donne musulmane, tra cui l’attrice di spicco Shabana Azami, moglie di un giudice in carica dell’Alta Corte di Delhi, numerosi giornalisti, attivisti e politici sono state visualizzate sull’app all’asta come “Bulli Bai” del giorno.

Persino Fatima Nafees, madre di 65 anni dello studente scomparso Najeeb Ahmed, e il premio Nobel pakistano Malala Yousafzai non sono stati risparmiati dagli autori dell’app.

Dopo “Sulli Deals” dello scorso luglio, in cui sono state messe “in vendita” quasi 80 donne musulmane, “Bulli Bai” è stato il secondo tentativo del genere in meno di un anno.

“Sia ‘Bulli’ che ‘Sulli’ sono parole dispregiative usate per le donne musulmane nello slang locale. Tuttavia, questa volta la lingua punjabi è stata utilizzata nell’interfaccia “Bulli Bai” insieme all’inglese”, ha detto ad Al Jazeera il giornalista Mohammad Zubair, che lavora per il sito web di verifica dei fatti AltNews.

Rehbar, che in precedenza aveva riferito dell’asta “Sulli Deals” nel luglio dello scorso anno, ha detto ad Al Jazeera di essere rimasta scioccata nel vedere la sua fotografia sull’app.

“Quando ho visto la mia fotografia, la mia gola si è fatta pesante, avevo la pelle d’oca sulle braccia ed ero insensibile. È stato scioccante e umiliante”, ha detto.

Sebbene non ci fosse una vera vendita coinvolta, l’applicazione online – creata sul sito di sviluppo software aperto di proprietà di Microsoft GitHub – era, secondo Rehbar, intesa “per degradare e umiliare le donne musulmane vocali”.

L’app è stata rimossa sabato e le vittime hanno affermato che l’interfaccia dell’estensione GitHub su “Bulli Bai” era sorprendentemente simile a quella utilizzata da “Sulli Deals”.

Sabato sera, dozzine di altre donne musulmane hanno iniziato a postare il loro shock e la loro indignazione sui social media dopo aver visto le loro fotografie e i dettagli sull’app.

Tra loro c’era Ismat Ara, giornalista della capitale, New Delhi.

Ara ha presentato una denuncia sabato alla polizia di Delhi contro “persone sconosciute” per aver molestato e insultato le donne musulmane sui social media “usando immagini falsificate in un contesto inaccettabile e osceno”.

Sulla base della sua denuncia, domenica è stato registrato un First Information Report (FIR) dalla Delhi Cyber ​​Police, che invoca varie sezioni del codice penale indiano che riguardano la promozione dell’inimicizia per motivi religiosi, la minaccia all’integrazione nazionale e le molestie sessuali delle donne.

A seguito di un’altra denuncia di Sidrah, la cui foto è apparsa anche sull’app, è stato registrato anche un caso di polizia nella capitale finanziaria indiana Mumbai contro vari handle di Twitter e gli sviluppatori dell’app “Bulli Bai”.

Tuttavia, Ara ha detto di non essere fiduciosa riguardo alle indagini della polizia, i suoi timori derivano dal fatto che l’indagine in “Sulli Deals” non ha visto arresti effettuati nemmeno dopo sei mesi.

Anche Fatima Zohra Khan, un avvocato con sede a Mumbai il cui nome figura sia negli accordi di “Sulli” che di “Bulli Bai”, aveva presentato una denuncia alla polizia di Mumbai l’anno scorso.

“Non abbiamo ricevuto risposta da Twitter, GitHub e Go-Daddy (società di web hosting) nonostante la stessa polizia di Mumbai abbia chiesto loro di rivelare i dati. Questi siti web si rifiutano di condividere informazioni a meno che non venga prodotto un mandato del tribunale”, ha detto ad Al Jazeera.

I funzionari di polizia di Nuova Delhi e Mumbai non hanno risposto alle domande di Al Jazeera sull’ultima “asta”.

“È triste vedere come questi trafficanti di odio siano autorizzati a prendere di mira le donne musulmane senza alcuna paura. Non è la prima volta che si svolge un’asta del genere”, ha affermato Ara.

“Le donne che sono state prese di mira sono donne vocali che sollevano questioni sui musulmani sui social media. È una chiara cospirazione chiudere queste donne musulmane perché sfidiamo online la destra indù contro i loro crimini d’odio”, ha aggiunto.

Durante il festival musulmano di Eid al-Fitr lo scorso anno, un canale YouTube chiamato “Liberal Doge”, ha condiviso immagini di donne pakistane in un video a sfondo sessuale, intitolato “Eid Special”. È stato rimosso dalla società dopo l’indignazione.

Settimane dopo l’incidente, le donne musulmane sono state “messe all’asta” su Twitter sotto i “Sulli Deals”.

Diversi parlamentari indiani hanno sollevato la questione con il governo, tra cui Priyanka Chaturvedi, con sede nello stato occidentale del Maharashtra, sede di Mumbai.

Dopo il suo tweet che chiedeva al ministro dell’informatica indiano di intraprendere “un’azione severa” contro “il misoginio e il targeting comunitario delle donne”, il ministro ha affermato che GitHub ha bloccato l’utente responsabile dell’hosting del sito e che “le autorità di polizia stanno coordinando ulteriori azioni”.

“Le denunce della polizia sono state registrate durante il periodo degli ‘affari Sulli’. Tuttavia, non è stata intrapresa alcuna azione. Questo è il motivo per cui queste persone si sentono incoraggiate”, ha detto Chaturvedi ad Al Jazeera.

Rehbar ha affermato che è “particolarmente allarmante” per le donne musulmane che “lottano il patriarcato e le restrizioni” da un lato e “affrontano tali molestie” dall’altro.

“Spesso alle donne viene chiesto di rimuovere le proprie foto dai social media e di nascondersi. Dopo tali tentativi di molestare le donne musulmane, sarà difficile per molte donne prendere posizione”.

Rana Ayyub, editorialista con sede a Mumbai del Washington Post, ha detto che le persone di Al Jazeera stanno “accettando molestie mirate alle donne senza essere identificate dalla legge”.

“’Bulli Bai’ porta i crimini d’odio in India a un altro livello pericoloso in cui le donne musulmane vengono virtualmente violate e rese un libero per tutti per una folla bigotta”, ha detto.

“Queste aste di donne delle comunità minoritarie mostrano il degrado morale dell’India e dei suoi valori costituzionali”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here