Home Notizia Mondo Artrite reumatoide: una sessione di esercizio di 30 minuti può aiutare a...

Artrite reumatoide: una sessione di esercizio di 30 minuti può aiutare a ridurre…

0
20

Una ripresa aerea di una partita di tennis dall'alto con l'ombra del giocatore che si riflette sul campo
L’esercizio aerobico può avere effetti di abbassamento della pressione sanguigna per le persone con artrite reumatoide, suggerisce una nuova ricerca. 108194940
  • Secondo un nuovo studio, una sessione di 30 minuti di camminata moderata può abbassare la pressione sanguigna sistolica delle donne con artrite reumatoide.
  • Molte persone affette da artrite reumatoide soffrono anche di pressione alta, che può portare a problemi cardiovascolari.
  • Gli autori dello studio ritengono che l’effetto di queste sessioni di allenamento possa comportare un abbassamento permanente della pressione sanguigna sistolica.
  • Lo studio non ha osservato una riduzione simile della pressione arteriosa diastolica.

Secondo un nuovo studio dell’Università di San Paolo, in Brasile, trenta minuti di attività fisica moderata possono abbassare la pressione sanguigna sistolica nelle donne che soffrono di artrite reumatoide (AR) a riposo, sotto stress e in generale.

L’ipertensione è particolarmente a rischio per le persone affette da artrite reumatoide, il cui rischio di morte per malattie cardiovascolari è elevato 48% in più rispetto a quello della popolazione generale.

L’artrite reumatoide è una malattia infiammatoria autoimmune. Con l’artrite reumatoide, il sistema immunitario attacca erroneamente le cellule sane. Il risultato è un’infiammazione, insieme a un gonfiore doloroso, spesso multiplo sinoviale articolazioni contemporaneamente.

Più comunemente, l’artrite reumatoide colpisce le articolazioni delle ginocchia, delle mani e dei polsi. L’artrite reumatoide può danneggiare il tessuto di queste articolazioni, causando dolore prolungato o cronico, problemi di equilibrio e deformità. Può anche causare problemi agli occhi, al cuore e ai polmoni, così come ad altre parti del corpo.

La condizione è spesso accompagnata da ipertensione e malattie cardiovascolari.

La causa diretta dell’artrite reumatoide è attualmente sconosciuta, sebbene nota fattori di rischio includere:

  • età: l’artrite reumatoide è legata all’invecchiamento e colpisce più spesso le persone sulla sessantina.
  • fumatori, compresi i figli non fumatori di fumatori
  • non aver partorito: le donne che non hanno mai partorito corrono un rischio maggiore di artrite reumatoide.
  • sesso
  • obesità
  • genetica.

Lo studio è pubblicato nel Giornale dell’ipertensione umana.

Abbassare la pressione sanguigna con l’esercizio

Lo studio era un trial randomizzato e controllato crossover che ha osservato gli effetti di una singola sessione di esercizio aerobico sulla pressione sanguigna a riposo, sulla pressione sanguigna correlata allo stress e sulla pressione sanguigna di un’intera giornata in persone sia con artrite reumatoide che con pressione alta.

I partecipanti allo studio erano tutte donne poiché l’artrite reumatoide le colpisce due o tre volte più spesso rispetto agli uomini.

I 20 partecipanti allo studio hanno camminato a velocità moderata su un tapis roulant per 30 minuti o hanno svolto il ruolo di gruppo di controllo, riposandosi.

Prima e dopo la sessione di allenamento di ogni donna, i ricercatori hanno misurato la pressione sanguigna a riposo. Per osservare la pressione sanguigna in risposta allo stress, la pressione sanguigna è stata misurata anche in risposta al test Stroop-Color Word e al test Cold Pressor.

Lo Stroop-Color Word Test è una sfida cognitiva in cui agli individui vengono presentati i nomi dei colori stampati in altre tonalità. Viene chiesto loro di recitare il colore reale delle parole piuttosto che la parola che le sue lettere compongono.

Il Cold Pressor Test è un test di tolleranza al dolore in cui i soggetti mettono le mani in acqua fredda – 4° C – per produrre un dolore lieve o moderato per tutto il tempo in cui tengono la mano immersa.

Senza esercizio fisico, si prevede che la pressione arteriosa sistolica e diastolica di un individuo aumenti rispettivamente di 18 mmHG e 11 mmHG, in risposta al test del pressore freddo. Tuttavia, nei giorni in cui i partecipanti erano impegnati in attività fisica, la loro pressione arteriosa sistolica è effettivamente diminuita di 1 mmHG in risposta al test.

Dopo l’esercizio, ogni individuo è stato dotato di un misuratore di pressione sanguigna ambulatoriale per misurare l’ipertensione nelle 24 ore successive.

Il gruppo di esercizi ha mostrato una pressione sanguigna sistolica a riposo abbassata di una media di 5 mHG e una pressione sanguigna sotto stress di 7 mmHG. La pressione arteriosa sistolica nelle 24 ore è stata ridotta di 5 mmHG.

Si tratta di una diminuzione significativa della pressione sanguigna poiché si riducono di 5 mmHg la pressione sanguigna sistolica sono stati collegati alla riduzione clinica del rischio di morte per ictus (-14%), malattia coronarica (-9%) e per tutte le cause (-7%) per le persone con ipertensione.

I ricercatori non hanno osservato alcun effetto sulla pressione diastolica derivante dall’esercizio.

La pressione sanguigna sistolica riflette la pressione nelle arterie mentre il cuore batte. La pressione diastolica è la pressione nelle arterie mentre il cuore è a riposo. Quando si esegue un test della pressione sanguigna, di solito viene visualizzato come un numero sopra l’altro: la pressione sistolica è quella in alto.

Come l’esercizio fisico aiuta ad abbassare la pressione sanguigna

Il ricercatore senior dello studio, il dottor Tiago Peçanha, ha spiegato che “l’esercizio aerobico riduce la pressione sanguigna sistolica promuovendo il rilassamento dei vasi sanguigni. Chiamiamo questa “vasodilatazione”.

Significativamente, ha aggiunto, “questo può accadere dopo una singola sessione di esercizio aerobico e prolungarsi per diverse ore dopo la fine dell’esercizio”, ha affermato il dottor Peçanha.

“Chiamiamo questa ipotensione post-esercizio e questo fenomeno può portare benefici alle persone con pressione alta”, ha detto.

Il dottor Peçanha ha suggerito che ogni volta che una persona fa esercizio fisico, i miglioramenti temporanei della pressione sanguigna possono diventare più permanenti e più evidenti.

“È come gli effetti di un farmaco che può migliorare i sintomi a breve termine, ma che porterà risultati ancora migliori nel tempo con un uso regolare”, ha affermato il dottor Peçanha.

La dottoressa Jayne Morgan, cardiologa non coinvolta nello studio, è d’accordo, affermando: “Piccole diminuzioni della pressione sanguigna in risposta all’esercizio acuto possono accumularsi nel tempo se eseguite ripetutamente e fornire una diminuzione o un decadimento più sostenuto dell’ipertensione. E questo è indipendente dalla popolazione RA”.

Considerando i risultati variabili di altri studi, il Dott. Peçanha ha proposto che 30 minuti possano essere il tempo di esercizio ottimale per questo scopo.

Come sono collegate l’artrite reumatoide e l’ipertensione

Si ritiene che l’elevata concomitanza di artrite reumatoide e ipertensione, ha affermato il dottor Morgan, “sia dovuta ai farmaci utilizzati per trattare l’artrite reumatoide”. [RA] processo patologico, come i FANS e gli steroidi.

Ha aggiunto che i pazienti con artrite reumatoide tendono ad avere meno elasticità nei vasi sanguigni, il che può anche causare un aumento della pressione sanguigna, nonché un’infiammazione generalizzata, inclusa la vasculite e l’infiammazione dei vasi sanguigni.

“Inoltre”, ha detto il dottor Morgan, “quelli che soffrono di dolore articolare cronico, sia esso causato dall’artrite reumatoide o da qualche altro fattore, possono spesso avere la pressione alta a causa della combinazione di dolore e infiammazione, che può, a sua volta, aumentare livelli di cortisolo in risposta allo stress”.

L’esercizio fisico ha lo stesso effetto sugli uomini con artrite reumatoide?

Alla domanda se gli stessi risultati sarebbero stati osservati nei partecipanti maschi allo studio, il dottor Peçanha ha detto: “non sappiamo davvero se ciò accadrebbe anche negli uomini con artrite reumatoide. Partiamo dal presupposto che gli effetti dell’esercizio fisico siano simili tra donne e uomini, ma non è sempre così”.

Ha osservato che mentre le donne soffrono di artrite reumatoide molto più spesso degli uomini, “ci sono dati che dimostrano che, sebbene gli uomini siano meno colpiti dall’artrite reumatoide, il rischio di futuri eventi cardiovascolari è maggiore negli uomini rispetto alle donne con artrite reumatoide”.

Pertanto”, ha affermato, “è necessario studiare interventi che possano apportare benefici agli uomini affetti da artrite reumatoide e l’esercizio fisico potrebbe essere un approccio molto efficace”.