Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Abbattere il complesso martire

Abbattere il complesso martire

0
25

Donna che parla con il terapista

Storicamente, un martire è qualcuno che sceglie di sacrificare la propria vita o di affrontare il dolore e la sofferenza invece di rinunciare a qualcosa che ritengono sacro. Mentre il termine è ancora usato in questo modo oggi, ha assunto un significato secondario che è un po 'meno drammatico.

Oggi il termine è talvolta usato per descrivere qualcuno che sembra soffrire sempre in un modo o nell'altro.

Potrebbero sempre avere una storia sul loro ultimo guaio o un sacrificio che hanno fatto per qualcun altro. Potrebbero persino esagerare le cose brutte che accadono per ottenere simpatia o far sentire in colpa gli altri.

Suona familiare? Forse stai pensando a un amico o un familiare – o persino a te stesso.

Continua a leggere per saperne di più su come riconoscere questa mentalità e gli strumenti per superarla.

È la stessa cosa della mentalità di una vittima?

Un complesso martire può sembrare molto simile alla mentalità di una vittima. Entrambi tendono ad essere più comuni nei sopravvissuti ad abusi o altri traumi, in particolare quelli che non hanno accesso a strumenti di coping adeguati.

Ma le due mentalità hanno alcune sottili distinzioni.

Una persona con una mentalità da vittima in genere si sente vittima personalmente di tutto ciò che va storto, anche quando il problema, il comportamento scortese o l'incidente non sono stati indirizzati a loro.

Potrebbero non mostrare molto interesse ad ascoltare possibili soluzioni. Invece, potrebbero dare l'impressione di voler semplicemente sguazzare nella miseria.

Un complesso martire va oltre questo. Le persone con un complesso martire non si sentono solo vittime. In genere sembrano fare di tutto per trovare situazioni che potrebbero causare angoscia o altre sofferenze.

Secondo Sharon Martin, LCSW, qualcuno con un complesso martire “sacrifica i propri bisogni e desideri per fare le cose per gli altri”. Aggiunge che “non aiutano con un cuore gioioso ma lo fanno per obbligo o colpa. ”

Continua spiegando che questo può generare rabbia, risentimento e un senso di impotenza. Nel corso del tempo, questi sentimenti possono far sentire una persona intrappolata, senza la possibilità di dire di no o fare cose per se stessa.

Che cosa sembra?

Qualcuno che sembra sempre soffrire – e sembra amarlo in quel modo – potrebbe avere un complesso martire, secondo Lynn Somerstein, PhD. Questo modello di sofferenza può provocare dolore e angoscia emotiva o fisica.

Ecco alcuni altri segni che tu o qualcun altro potresti avere un complesso martire.

Fai cose per le persone anche se non ti senti apprezzato

Volere aiutare le persone più vicine a te suggerisce di avere una natura gentile e compassionevole. Puoi fare queste cose solo per dare una mano, non perché vuoi che i tuoi cari riconoscano i tuoi sforzi o i sacrifici che hai fatto per il loro bene.

Ma quando dare una mano suggerisce un complesso martire?

Molte persone che sono infastidite da una mancanza di apprezzamento smetteranno semplicemente di dare una mano. Se hai tendenze martire, tuttavia, potresti continuare a offrire supporto mentre esprimi la tua amarezza lamentandoti, internamente o con gli altri, della mancanza di apprezzamento.

Cerchi spesso di fare troppo

Occasionalmente assumere qualche lavoro extra o prendere alcuni troppi impegni non significa che sei un martire. Ma considera se accetti regolarmente responsabilità che non sono necessariamente richieste da te.

Potresti pensare che nulla verrà fatto se non lo fai da solo e rifiuti qualsiasi offerta di aiuto. Anche quando ti senti infastidito dal lavoro aggiuntivo che stai svolgendo, continui ad aggiungere al tuo carico di lavoro quando richiesto. Puoi anche offrirti volontariamente a malincuore di fare di più.

Le persone con cui trascorri del tempo ti fanno sentire male con te stesso

Hai un amico (o due) che non ti senti bene nel vedere? Forse vogliono sempre che tu faccia le cose per loro, che facciano commenti sgarbati o addirittura ti critichino.

Anche quando le relazioni tossiche ti drenano, non è sempre facile interromperle, specialmente quando l'altra persona è un membro della famiglia o un amico intimo. Ma pensa a come rispondi alla tossicità.

Una risposta utile potrebbe comportare la definizione di confini e la creazione di una certa distanza tra te e l'altra persona.

Ma se continui a passare regolarmente del tempo con loro, solo per ritrovarti a pensare o parlare molto di quanto ti fanno sentire miserabili, potresti avere alcune tendenze martire.

Ti senti costantemente insoddisfatto del tuo lavoro o delle tue relazioni

I lavori non soddisfacenti non sono rari. Inoltre, non è insolito finire in una relazione che sembra non avere futuro o che non è all'altezza di ciò che hai immaginato. Ma puoi generalmente prendere provvedimenti per affrontare entrambe le situazioni con un po 'di tempo e fatica.

Se hai tendenze martire, potresti notare questo modello di insoddisfazione in diverse aree della tua vita. Potresti incolpare gli altri per il posto in cui sei finito, o credere di meritare qualcosa di meglio a causa dei sacrifici che hai fatto lungo la strada.

Pensare che gli altri non riconoscano o apprezzino il tuo sacrificio può anche contribuire alla rabbia e al risentimento.

Hai un modello di prendersi cura degli altri nelle relazioni

Guardare indietro alle relazioni passate potrebbe aiutarti a riconoscere le tendenze martire.

"Alcune caratteristiche relazionali potrebbero indicare questo problema", afferma Patrick Cheatham, PsyD. “Alcune relazioni sono strutturalmente disuguali, come i genitori che si prendono cura dei bambini. Oppure potrebbero avere periodi di sbilenco, come quando si prende cura di un partner gravemente malato. "

Se noti una tendenza all'auto-sacrificio attraverso molteplici relazioni nella tua vita, potrebbe indicare elementi di un complesso martire.

Domande da porsi

Quando guardi le tue relazioni, Cheatham suggerisce di chiederti:

  • Descriveresti le tue relazioni in qualche modo ineguali? Forse hai la sensazione che tutto ciò che fai è prendersi cura dei partner che fanno poco per soddisfare le tue esigenze.
  • Senti una costante mancanza di spazio per discutere dei tuoi bisogni e desideri?
  • Credi che non soddisfare le esigenze del tuo partner metterebbe a rischio la tua relazione?

Pensa anche al lato emotivo delle cose. Ti senti supportato, sicuro e amato, anche durante i periodi di disuguaglianza? O ti senti amaro, pieno di risentimento o deluso dai partner?

Forse vuoi anche che si sentano in colpa per non averti più supportato.

Ti senti come se niente di ciò che facessi fosse giusto

Qualcuno con tendenze martire potrebbe "voler sempre aiutare, non riuscire mai e sentirsi punito di conseguenza", dice Somerstein.

In altre parole, sembra che qualunque cosa tu faccia, le persone fraintendono i tuoi tentativi di aiuto o i tuoi sforzi. Forse sembrano addirittura irritati invece di essere grati a te.

Questo potrebbe davvero frustrarti. Dopo tutto, hai fatto del tuo meglio, quindi il minimo che potevano fare è mostrare gratitudine. Come risultato del tuo fastidio, potresti avere il bisogno di farli sentire in colpa per non apprezzare il tuo duro lavoro.

Perché è dannoso?

Le tendenze dei martiri potrebbero non sembrare un grosso problema, ma possono influenzare le relazioni, il benessere e la crescita personale.

Relazioni tese

Vivere con un complesso martire può rendere difficile per te parlare da solo.

Secondo Martin, le persone con tendenze martire hanno spesso difficoltà a comunicare in modo chiaro o diretto, portando a problemi di relazione.

Invece di parlare apertamente delle tue necessità, potresti usare l'aggressività passiva o avere esplosioni di rabbia quando continui a ingoiare il tuo risentimento.

Se pensi di aver fatto molti sacrifici per un partner o un'altra persona cara, potresti sentirti arrabbiato o insoddisfatto se non mostrano gratitudine o offrono il loro sostegno in cambio.

Bruciato

"I martiri lottano per dare la priorità ai loro bisogni", afferma Martin. "Non praticano la cura di sé, quindi possono finire esausti, fisicamente malati, depressi, ansiosi, risentiti e insoddisfatti".

Se spesso rinunci al tuo tempo per aiutare gli altri, fai più di quello che devi al lavoro o a casa o non soddisfi le tue esigenze in generale, probabilmente ti sentirai svuotato e sopraffatto abbastanza rapidamente.

Anche il tuo stato emotivo può contribuire al burnout. Sentirsi arrabbiati e insoddisfatti per la maggior parte del tempo può stressarti e sfinirti. Potrebbe anche impedirti di accettare aiuto.

I partner, gli amici e la famiglia di solito possono offrire compassione, aiutare con le sfide o persino dare suggerimenti e consigli. Ma se ti senti frustrato e pieno di risentimento per quelli a cui sei più vicino, hai meno probabilità di accettare il loro aiuto.

Inoltre, se continui a rifiutare il loro supporto, potrebbero eventualmente smettere di offrire.

Mancanza di cambiamento positivo

Un atteggiamento generale di insoddisfazione spesso accompagna un complesso martire.

Ad esempio, potresti sentirti intrappolato o bloccato nel tuo lavoro, relazione o vita domestica. Alcuni di questi potrebbero cambiare con il passare degli anni, ma in qualche modo finisci ancora e ancora in situazioni frustranti o ingrate.

Sei infelice, ma invece di prendere misure per creare cambiamenti per te stesso, potresti lamentarti, pentirti della situazione o incolpare altre persone o eventi. Una volta usciti da una situazione insoddisfacente, potresti ritrovarti in una nuova in poco tempo.

In questo modo, le tendenze martire possono impedirti di raggiungere il successo o raggiungere obiettivi personali.

È possibile superarlo?

Un complesso martire può influire notevolmente sulla qualità della tua vita, ma ci sono modi per superarla.

Lavora sulla comunicazione

Se hai tendenze martire, ci sono buone probabilità che ti sembri difficile esprimere le tue emozioni e i tuoi bisogni. Lo sviluppo di capacità comunicative più forti può aiutarti a migliorare.

Imparare modi di comunicazione più produttivi può aiutarti:

  • evitare comportamenti passivi-aggressivi
  • esprimere emozioni, specialmente quelle di frustrazione e risentimento
  • evitare che si accumulino sentimenti negativi

Suggerimento professionale

La prossima volta che ti senti inascoltato o frainteso, prova ad esprimerti usando una dichiarazione "io" per affermarti senza rendere difensiva l'altra persona.

Supponi di avere un amico che ti invita a cena, ma fanno sempre affidamento su di te per trovare una ricetta e fare tutto lo shopping.

Invece di dire "Mi fai fare tutto il duro lavoro, quindi non è divertente per me", potresti dire "Sento che finisco sempre per fare il duro lavoro, e non penso che sia giusto."

Imposta i confini

Aiutare amici e familiari potrebbe essere importante per te. Ma se hai raggiunto il limite (o hai già assunto più di quello che puoi facilmente gestire), è OK dire di no. Davvero, lo è.

Bruciarti non aiuterà il tuo già pesante carico di lavoro, e potrebbe aumentare i sentimenti di risentimento in seguito. Prova invece un gentile rifiuto.

Puoi ammorbidirlo con una spiegazione, a seconda del tuo rapporto con la persona che chiede. Ricorda solo che non c'è nulla di sbagliato nel prenderti cura dei tuoi bisogni prima.

"È importante iniziare a dire di no a cose che interferiscono con le tue esigenze personali o che non si allineano con i tuoi valori o obiettivi", afferma Martin.

Trova il tempo per prendertene cura

La cura di sé può comportare:

  • scelte pratiche di salute, come dormire a sufficienza, mangiare pasti nutrienti e prendersi cura dei problemi di salute fisica
  • trovare il tempo per divertirsi e rilassarsi
  • prestando attenzione al tuo benessere emotivo e affrontando le sfide che si presentano

Parla con un terapista

Lavorare attraverso le tendenze martire da soli può essere difficile. Il supporto professionale può avere molti benefici, specialmente se vuoi saperne di più sulle cause sottostanti che contribuiscono a schemi di comportamento sacrificale.

Cheatham spiega che in terapia puoi:

  • esplora il tuo sistema di relazioni
  • accrescere la consapevolezza attorno a schemi che coinvolgono il sacrificio di sé
  • evidenziare e contestare qualsiasi ipotesi sul tuo valore e sul significato della relazione
  • provare diversi modi di relazionarsi con gli altri

Qualche consiglio per affrontarlo in qualcun altro?

Se conosci qualcuno che tende ad agire come un martire, probabilmente ti senti almeno un po 'frustrato dal suo comportamento. Forse hai provato a offrire consigli, ma resistono ai tuoi sforzi per aiutarti. Potrebbe sembrare che vogliono davvero lamentarsi.

Questi suggerimenti non cambieranno necessariamente l'altra persona, ma possono aiutarti a sviluppare una prospettiva verso di loro che non ti procuri tanta frustrazione.

Considera il loro background

Può aiutare a tenere presente che molti fattori complessi possono giocare in questa mentalità.

Mentre una persona può imparare ad affrontare i comportamenti che spesso si verificano a seguito di tendenze martirizzanti, spesso non hanno molto controllo su come queste tendenze si sono sviluppate in primo luogo.

In alcuni casi, i fattori culturali potrebbero contribuire alle tendenze dei martiri. In altri, le dinamiche familiari o le esperienze dell'infanzia potrebbero svolgere un ruolo.

Abbi compassione

Potrebbe non essere necessario comprendere le ragioni alla base del loro comportamento per essere lì per una persona cara. Spesso è sufficiente offrire semplicemente compassione e supporto.

"Sii sempre gentile", incoraggia Somerstein.

Imposta i confini

Detto questo, la compassione non deve comportare passare un sacco di tempo con la persona.

Se passare del tempo con qualcuno ti prosciuga, limitare il tempo che passi insieme potrebbe essere una scelta salutare. Impostare un qualche tipo di confine può anche aiutarti a offrire più gentilezza e compassione quando lo fai fare condividere lo spazio con quella persona.

La linea di fondo

Una vita di lunga durata può mettere a dura prova te, i tuoi rapporti e la tua salute. Anche se non capisci appieno le radici delle tue tendenze martire, puoi comunque prendere provvedimenti per cambiare questa mentalità e impedirgli di avere un impatto negativo sulla tua vita.

Se hai difficoltà a sapere da dove iniziare da solo, prendi in considerazione di parlare con un professionista della salute mentale addestrato che può aiutarti a esplorare questi schemi più in profondità.


Crystal Raypole ha precedentemente lavorato come scrittore ed editore per GoodTherapy. I suoi campi di interesse comprendono lingue e letteratura asiatiche, traduzione giapponese, cucina, scienze naturali, positività sessuale e salute mentale. In particolare, si è impegnata ad aiutare a ridurre lo stigma nei problemi di salute mentale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here