Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Una lettera a me stesso prima del carcinoma mammario metastatico

Una lettera a me stesso prima del carcinoma mammario metastatico

0
79

Cara Sara,

La tua vita sta per capovolgere e capovolgere.

Combattere il carcinoma mammario metastatico allo stadio 4 nei tuoi 20 anni non è qualcosa che avresti mai visto arrivare. So che è terrificante e ingiusto e sembra che ti venga chiesto di spostare una montagna, ma non hai idea di quanto sei forte e resistente.

Supererai così tante paure e imparerai ad abbracciare l'incertezza del futuro. Il peso di questa esperienza ti spingerà in un diamante così forte che può resistere a quasi tutto. Per tutte le cose che il cancro ti toglierà, ti darà anche così tanto in cambio.

Il poeta Rumi lo disse meglio quando scrisse: "La ferita è il luogo in cui la luce entra in te". Imparerai a trovare quella luce.

All'inizio, ti sentirai affogare in appuntamenti, piani di trattamento, prescrizioni e date dell'intervento chirurgico. Sarà travolgente cogliere il percorso che ti viene proposto. Avrai così tante domande su come sarà il futuro.

Ma non è necessario che tu abbia capito tutto adesso. Devi solo farcela un giorno alla volta. Non preoccuparti di cosa accadrà tra un anno, un mese o anche una settimana. Concentrati su ciò che devi fare oggi.

Lentamente ma sicuramente, ce la farai dall'altra parte. Prendi le cose un giorno alla volta. È difficile immaginarlo ora, ma tanto amore e bellezza ti aspetteranno nei prossimi giorni.

Il rivestimento d'argento del cancro è che ti costringe a fare una pausa dalla tua vita normale e rendere l'auto-cura il tuo lavoro a tempo pieno – secondo ad essere un paziente, cioè. Questa volta è un regalo, quindi usalo con saggezza.

Trova cose che arricchiscono la tua mente, il tuo corpo e la tua anima. Prova consulenza, meditazione, yoga, tempo con amici e famiglia, agopuntura, terapia di massaggio, fisioterapia, Reiki, documentari, libri, podcast e molto altro ancora.

È facile essere spazzati via da tutto il "what ifs", ma preoccuparsi del futuro – e cercare su Google la tua diagnosi alle 2 del mattino – non ti servirà. Per quanto difficile, dovrai imparare a vivere nel momento presente il più possibile.

Non vuoi perdere il momento presente restando bloccato nel passato o preoccupandoti del futuro. Impara ad assaporare i bei momenti e ricorda che i momenti cattivi alla fine passeranno. Va bene avere dei giorni di riposo in cui tutto ciò che puoi fare è sdraiarti sul divano e guardare Netflix. Non essere troppo duro con te stesso.

Contatta, anche se può sembrare che nessuno al mondo capisca cosa stai attraversando. Prometto che non è vero. I gruppi di supporto di persona e online fanno la differenza, soprattutto nei primi tempi.

Non abbiate paura di mettervi fuori. Le persone che capiranno ciò che stai vivendo meglio sono quelle che stanno vivendo alcune delle tue stesse esperienze. Gli "amici del cancro" che incontri in diversi gruppi di supporto alla fine diventeranno amici regolari.

La vulnerabilità è la nostra più grande forza. Quando ti senti pronto, condividi la tua storia. Così tante fantastiche connessioni verranno dal blog e dalla condivisione del tuo viaggio sui social media.

Troverai migliaia di donne come te che sanno com'è essere nei tuoi panni. Condivideranno le loro conoscenze e i loro suggerimenti e ti incoraggeranno attraverso tutti gli alti e bassi del cancro. Non sottovalutare mai il potere di una comunità online.

Infine, non perdere mai la speranza. So che non ti fidi del tuo corpo in questo momento e ti senti come se sentissi solo cattive notizie dopo cattive notizie. Ma è così importante credere nella capacità del tuo corpo di guarire.

Leggi libri che parlano di casi di speranza di persone sopravvissute a diagnosi terminali e statistiche battute. Raccomando "Anticancer: A New Way of Life" di David Servan-Schreiber, MD, PhD, "Remissione radicale: sopravvivere al cancro contro ogni previsione" di Kelly A. Turner, PhD e "Morire per essere me: il mio viaggio dal cancro" , to Near Death, to True Healing ”di Anita Moorjani.

Devi fidarti e credere che vivrai una vita lunga e piena come molti altri sopravvissuti prima di te. Concediti il ​​beneficio del dubbio e combatti questa cosa con tutto ciò che hai. Lo devi a te stesso.

Sebbene questa vita non sia sempre facile, è bella ed è tua. Vivilo al massimo.

Amore,

Sarah


Sarah Blackmore è patologa del linguaggio e blogger che attualmente vive a Vancouver, nella Columbia Britannica. Le è stato diagnosticato un carcinoma mammario oligometastatico in stadio 4 a luglio 2018 e non ha prove di malattia da gennaio 2019. Segui la sua storia sul suo blog e Instagram per saperne di più su cosa vuol dire vivere con il carcinoma mammario metastatico nei tuoi 20 anni.