Twitter sospende gli account collegati al caso di spionaggio saudita

0
86

SAN FRANCISCO – Settimane dopo che le autorità statunitensi hanno intentato un caso di spionaggio contro tre cittadini sauditi per aver scoperto i dati personali dei dissidenti su Twitter, la società ha sospeso decine di migliaia di account che sembrano essere collegati alla società di un sospetto.

FOTO FILE – Il logo Twitter viene visualizzato su uno schermo sul pavimento della Borsa di New York (NYSE) a New York City, Stati Uniti, 28 settembre 2016. REUTERS / Brendan McDermid / File Photo

Twitter ha annunciato la sospensione degli account venerdì, dicendo solo che erano collegati "a un'importante operazione di informazione sostenuta dallo stato" originaria dell'Arabia Saudita.

Ha nominato come fonte dell'attività una società di social media marketing con sede a Riyad chiamata Smaat, che ha legami con diverse figure saudite di alto profilo e punti vendita.

Smaat è gestito da Ahmed Aljbreen, secondo il suo account LinkedIn e altri profili di social media. La denuncia dell'FBI, annunciata a novembre, afferma che un uomo noto anche con quel nome controlla una società di social media saudita che lavora per la famiglia reale.

Twitter e il Dipartimento di Giustizia hanno rifiutato di dire se i due si riferissero alla stessa persona, anche se una fonte federale che ha familiarità con la questione ha affermato che le forze dell'ordine statunitensi ritengono che sia così.

Aljbreen, che è anche noto come Ahmed Almutairi, non è stato raggiunto per un commento.

Il caso di spionaggio ha puntato un dito insolitamente pubblico sull'Arabia Saudita, un fedele alleato degli Stati Uniti, e ha gettato una luce scomoda sulle pratiche che Twitter utilizza per proteggere i dati personali dei suoi utenti.

Aljbreen è accusato di agire come intermediario per i funzionari sauditi e due ex dipendenti di Twitter che hanno usato le loro posizioni per accedere a indirizzi e-mail, numeri di telefono e indirizzi di protocollo Internet di critici governativi.

Twitter ha appreso dell'accesso non autorizzato alla fine del 2015, secondo la denuncia degli Stati Uniti. Un portavoce di Twitter ha rifiutato di commentare venerdì sul perché la società non ha rimosso l'operazione di informazione di Smaat in precedenza.

Venerdì, nel suo post sul blog, Twitter ha dichiarato di aver rimosso circa 5.929 account che hanno preso di mira discussioni sull'Arabia Saudita e hanno cercato di far avanzare gli interessi geopolitici del regno, affermando di aver violato le sue "politiche di manipolazione della piattaforma".

Tali account rappresentavano "la parte principale di una rete più ampia di oltre 88.000 account", che Twitter ha affermato che "amplificava i messaggi favorevoli alle autorità saudite" attraverso "simpatia, retweet e risposta aggressivi".

Twitter ha sospeso definitivamente tutti gli account e divulgato i dati sul set principale, nonché un campione rappresentativo della rete più ampia.

I rappresentanti del governo dell'Arabia Saudita non hanno risposto a una richiesta di commento venerdì.

Twitter ha dichiarato che la sua indagine ha rintracciato l'attività falsa a Smaat, che ha gestito una serie di account per "individui di alto profilo" senza nome e dipartimenti governativi.

Il sito web di Smaat, che non è più online ma è visibile tramite Internet Archive, mostrava ai clienti la Future Investment Initiative, una conferenza annuale organizzata dal fondo sovrano del regno per promuovere l'obiettivo del principe ereditario Mohammed bin Salman di attrarre investimenti stranieri.

Secondo il sito web, Smaat ha eseguito i lavori per il Summit di Riyadh, una serie di eventi organizzati durante la visita del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump in Arabia Saudita nel 2017.

Il sito web ha anche elencato come "progetti Smaat" due resoconti di notizie in lingua araba popolari tra i giovani sauditi: HashKSA e SaudiNews50, che rimangono attivi su Twitter e hanno milioni di follower. Gli account twittano entrambi i contenuti a supporto delle politiche saudite.

Nessuno dei due punti vendita ha risposto a una richiesta di commento.

Alla fine del 2018, il sito Web di Smaat era ospitato sullo stesso server di SaudiNews50.co e un sito web chiamato Vision2030.com, che è il nome del piano di riforme economiche del principe ereditario. Il server ha ospitato pochi altri siti Web, che è spesso un indicatore di proprietà comune.

Twitter ha dichiarato a settembre di aver sospeso l'account dell'ex consigliere della corte reale saudita Saud al-Qahtani e altri legati all '"apparato mediatico gestito dallo stato" dell'Arabia Saudita, così come i conti negli Emirati Arabi Uniti e in Egitto che amplificano allo stesso modo i messaggi pro-sauditi .

Qahtani, uno stretto confidente del principe ereditario Mohammed bin Salman, gestiva il centro media della corte reale e un "esercito elettronico" incaricato di proteggere l'immagine del regno e attaccare i suoi nemici percepiti online.

Le ultime sospensioni seguono le indagini del team di integrità del sito di Twitter. Mentre la maggior parte dei contenuti coinvolti era in arabo, alcuni "relativi ad eventi rilevanti per il pubblico occidentale", tra cui sanzioni contro l'Iran e apparizioni di funzionari del governo saudita nei media occidentali, Twitter ha detto nel suo post sul blog.