Turchia, Russia parlano della Siria mentre migliaia fuggono dai bombardamenti

0
52

ANKARA / BEIRUT – Lunedì una delegazione turca era in Russia per colloqui sulla Siria, a seguito di notizie secondo cui gli attacchi sostenuti dalla Russia avrebbero costretto decine di migliaia di siriani in più a fuggire verso la Turchia.

FOTO FOTO: il presidente turco Recep Tayyip Erdogan parte dopo il Global Refugee Forum presso le Nazioni Unite a Ginevra, Svizzera, 17 dicembre 2019, REUTERS / Denis Balibouse

La Turchia ospita già circa 3,7 milioni di siriani, la più grande popolazione di rifugiati al mondo. Il presidente Tayyip Erdogan ha dichiarato domenica di non poter gestire un nuovo afflusso e ha sollecitato la Russia a fermare gli scioperi nella provincia nord-occidentale di Idlib in Siria.

La Fondazione umanitaria di soccorso (IHH), con sede in Turchia, ha dichiarato che lunedì 120.000 siriani stanno fuggendo verso il confine turco – un valore superiore alle stime di Erdogan di 80.000.

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha promesso di riconquistare la regione di Idlib, l'ultima area significativa della Siria ancora sotto il controllo dei ribelli dopo 8-1 / 2 anni di guerra civile.

La Russia e l'Iran hanno sostenuto le forze di Assad durante il conflitto siriano, mentre la Turchia ha appoggiato i ribelli siriani che combattono Assad.

Getti dell'esercito russo e siriano hanno preso di mira convogli civili che cercavano di fuggire dalla città di Maarat al-Numan Idlib, lasciando centinaia di famiglie ancora intrappolate lì, hanno detto attivisti e gruppi di aiuto.

"È una situazione tragica per i civili che rimangono in città dal momento che i jet russi stanno colpendo qualsiasi convoglio che lascia la città, mentre coloro che sono stati in grado di raggiungere aree più vicine al confine non hanno un posto dove rifugiarsi", ha detto Mohamad Rasheed, un attivista nella zona .

LIBIA ANCHE IN FUOCO

L'esercito siriano ha detto lunedì di aver combattuto feroci battaglie nel sud-est di Idlib e di aver sequestrato diversi villaggi dopo aver ucciso un gran numero di ciò che chiamava terroristi.

"La gente giace a terra dormendo all'aperto senza coperte e sotto la pioggia e il freddo", ha detto Feras Saad, che è fuggito dalla città con la sua famiglia e ha trovato rifugio nel villaggio di confine di Harabosh.

Mosca e Damasco negano entrambe le accuse di bombardamento indiscriminato di aree civili e affermano che stanno combattendo i militanti islamisti ispirati ad al Qaeda.

Una fonte diplomatica turca ha affermato che la delegazione in Russia discuterà anche del potenziale dispiegamento di truppe turche e del supporto militare in Libia, dopo che Ankara e Tripoli hanno firmato un accordo di cooperazione militare il mese scorso.

La Russia ha affermato di essere preoccupata per tale dispiegamento.

Erdogan ha detto domenica che la Turchia potrebbe aumentare il sostegno militare al governo di accordo nazionale (GNA) di Fayez al-Serraj, che ha combattuto un'offensiva delle forze della Libia orientale guidate da Khalifa Haftar.

Russia, Egitto e Emirati Arabi Uniti hanno appoggiato le forze di Haftar.

Più tardi lunedì, il ministero degli Esteri turco ha dichiarato che il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu ha telefonato con il suo omologo russo Sergei Lavrov per discutere degli sviluppi in Siria e Libia. Non ha fornito ulteriori dettagli.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here