Tour Cape Reinga – Sandboarding nella Baia delle Isole della Nuova Zelanda

0
130

Sand Boarding è nella tua lista dei desideri? Dovrebbe essere.

Mentre visitavamo l'Isola del Nord della Nuova Zelanda, la Baia delle Isole, abbiamo preso il tour di un giorno da Road a Cape Reinga che includeva il sandboarding. Abbiamo iniziato al deposito degli autobus di Opia. Sii lì alle 6:50! Se sei super fortunato, otterrai la nostra guida Maori, Huey.

Abbiamo chiesto perché siamo quei turisti, da che parte aveva la vista migliore. Per questo viaggio, vuoi stare seduto a sinistra poiché inizieremo con la spiaggia dell'oceano e torneremo sulla strada. Fai il contrario se il tuo autista prende la strada standard al mattino.

Trascorrerai i prossimi 45 minuti a raccogliere altri turisti. Va bene dormirci sopra. Nessuno batterebbe nemmeno un occhio se prendi un cuscino, una coperta o un cuscino per il collo (come sugli aeroplani).

Foresta di Puketi

La prima tappa è stata la foresta di Puketi. Segui le passerelle circolari attorno agli enormi alberi di Kauri. Per ogni metro che sale, sono 300 anni di crescita. Se arrivi la sera, hai la possibilità di vedere bagliori luminosi fuori da una grotta. Huey dice che la migliore possibilità di vederli è nella prima sezione del lungomare.

È un ottimo posto per il tuo primo spuntino e drink (quindi prendine un sacco). Chiedi al conducente del bus di mostrarti dove si trova la porta USB sul bus se non l'hai ancora individuata. È una giornata molto lunga e non vuoi che il tuo telefono sia morto prima ancora di arrivare in spiaggia.

Di nuovo sull'autobus, abbiamo guidato un'altra ora per una fermata sulla spiaggia e una pausa merenda e bagno in un hotel Ramada. Pensa a $ 11 per un bagel con avocado quando stai pensando a cosa prendere dal tuo AirBnB o dall'hotel. I negozi di alimentari locali hanno diverse opzioni salutari. Camminare sulla spiaggia con un granola bar e una bottiglia d'acqua è abbastanza perfetto. Abbiamo individuato il primo arcobaleno del giorno, lontano dall'acqua, il Mar di Tasmania, su alberi i cui rami superiori formano la forma della croce.

90 Mile Beach

Di nuovo sull'autobus, Huey ha condiviso più storia con noi mentre saliva sulla spiaggia di 90 miglia. Indovina quanto dura? Dipende dalle maree, ma è lunga circa 64 miglia con la bassa marea. Abbiamo guidato un po 'e ci siamo fermati per una pausa. Siamo saliti a bordo ma non siamo andati lontano quando abbiamo visto un albatro enorme, ma apparentemente giovane.

sandboarding

sandboarding

Stavamo uscendo tardi dall'autobus per le dune di sabbia. Fatti un favore. Scopri come gestirai la videocamera prima di arrivare. Quando il conducente viene premuto per un po 'di tempo, potrebbe non essere così paziente.

È molto lontana dalle dune di sabbia. Simile a salire dieci rampe di scale, affondando nella sabbia. Quasi tutti hanno iniziato a passo svelto, scivolando un po ', ma facendo progressi. Nemmeno un terzo della salita, i polpacci iniziano a bruciare, inizi a calcolare la distanza verso l'alto rispetto alla distanza verso il basso. Stai trasportando una boogie board (la compagnia turistica li fornisce), che puoi usare come canna per aiutarti a mantenere l'equilibrio. La sabbia si allenta ed è più difficile prendere piede. Verso il 6esimo al 7 ° piano, la sabbia è così ripida che sembra di poter essere una palla di neve umana che cade all'indietro. A quel punto, sai che non c'è modo di andare se non su. Ci vorrebbe troppo tempo per scendere da lì. A quel punto qualcuno è già arrivato in cima e ha iniziato la discesa veloce verso il basso, quindi non puoi metterti sulla loro strada.

sandboarding

Huey era in cima, aiutando i pochi che salirono a sistemarsi. Devi posare la tavola del boogie e posare prima la testa, non i piedi, quindi riposizionarti per tornare più indietro sulla tavola. È importante trascinare i piedi nella sabbia per rallentarti, quindi sollevare i piedi per facilitare l'attraversamento del piccolo fiume alla base delle dune di sabbia. Altrimenti, ti bagni.

Una cosa che nessun altro ti dirà … tutti perdono la loro tavola ad un certo punto durante la diapositiva. Tutto quello che puoi fare è afferrarlo e resistere ancora più forte. È allettante chiudere gli occhi. È spaventoso lanciarsi a faccia in giù su una duna di sabbia, molto più difficile dello snowboard quando si ha un senso di sicurezza (forse falso). Indossare sicuramente occhiali da sole. Hai bisogno di protezione per i tuoi occhi. Il super ben preparato porterà occhiali da nuoto.

Ho fatto un lavoro troppo bello rallentandomi proprio in riva al mare. Mi sono bagnata super.


Mia figlia l'ha catturato dalla macchina fotografica e stavamo solo discutendo di come ci si sentiva andare giù per la duna di sabbia. Si stava togliendo gli orecchini e la collana, quando Huey non vide nessun altro in fila in cima, saltò sulla sua tavola, navigò lungo la duna di sabbia e quasi si fermò davanti a noi. Proprio come sciare. Gli altri applaudirono. Ha preso la mia tavola per sciacquare e le ha chiesto perché non fosse salita. Prese una tavola da sabbia per lei e disse: "Seguimi". Un vecchio riluttante signore asiatico li seguì. Il sandboarding parte 2 stava per iniziare.

Come puoi vedere nel video allegato, mia figlia ha fatto un bel giro, puoi quasi vedere quando perde la tavola e la prende di nuovo. Ha avuto un grande sollevamento attraverso l'acqua e ha fatto un arresto molto drammatico del collasso. Il signore più anziano andò dopo, poi Huey ancora una volta – tutti gli altri avevano i loro telefoni cellulari con fotocamera pronti in quel momento.

Tieni presente che le lesioni più probabili che si verificano durante l'imbarco sulla sabbia includono sabbia negli occhi, bruciature da vento o sabbia, graffi o abrasioni su braccia o gambe, vesciche sulle mani e muscoli tirati, comprese le costole separate.

Per ridurre al minimo la sabbia nell'allenatore, Huey ha spazzolato il gradino dopo ogni persona. Spero che la tua guida sia così premurosa.

Cape Reinga

Cape Reinga

Le conversazioni mormorate continuarono fino alla nostra prossima fermata, bagni (senza lavandini, ma gel anti-batterico fornito) e sentieri nel punto più settentrionale della Nuova Zelanda aperti al pubblico, Cape Reinga.

Se c'è un evento locale, probabilmente si svolgerà in quel parcheggio. Ai nostri giorni, gli agricoltori erano lì a raccogliere fondi per l'assistenza ospedaliera.

Faro di Cape Reinga

Prendi l'acqua e indossa la crema solare. È un sito sacro, quindi non è permesso mangiare. Sia i sentieri superiori che quelli inferiori conducono al grazioso piccolo faro con viste mozzafiato dove il Mare di Tasman incontra l'Oceano Pacifico. Lo spettacolare turbinio di correnti simboleggia la partenza degli spiriti del defunto Maori mentre saltano da un albero nodoso di pohutukawa che si ritiene abbia 800 anni. Huey racconta la storia Maori di Maori che ritorna attraverso questo percorso verso la loro patria ancestrale di "Hawaiki".

Cape Reinga Point

Folle di persone ti tengono in movimento e impediscono la vista libera o le fotografie del faro. Tornando sulla strada più divertente, avrai fiato e sete prima di raggiungere la vetta.

Ci sono molti posti dove fermarsi per le foto sul sentiero lastricato, sul sentiero roccioso e sul lato. Attenzione al limite, però. Come le Cliffs of Moher, è molto più in basso.

Fai un gioco. Salendo il sentiero, ascolta gli accenti. Scopri quante lingue e accenti puoi identificare. Se diventi davvero bravo, sarai in grado di dire da dove provengono le persone di lingua spagnola. Un sacco di tedesco e cinese.

Affacciati sul mare ai Tre Re, chiamati Maanawatawhi dai Maori. Queste 13 isole disabitate sono in cima a Cape Reinga. Abel Tasman ha raggiunto questo punto il 6esimo di gennaio, festa dell'Epifania, il 12esimo giorno di Natale, quando i tre re hanno donato i loro doni al bambino Gesù. Quindi, queste tre "isole" o affioramenti rocciosi sono ora soprannominati "I tre re". Le immersioni subacquee sono popolari qui con molte specie vegetali e animali che non si trovano da nessun'altra parte, forse la loro versione più piccola delle Isole Galapagos.

pesce e patatine

Viaggio di ritorno

Troppo presto, è ora di tornare sull'autobus. Preordini il tuo pranzo. Le opzioni includono fish and chips o falafel con hamburger e verdure vegani. Il suggerimento di un uomo, "non hai bisogno di mangiare patate e verdure in vacanza". Le porzioni sono abbastanza grandi da condividerle, quindi, se ordini uno di ciascuno, nessuno dei due sentirà che ti stai perdendo.

Falafel

Huey ci ha tenuti svegli e ridendo con più Maori e la vita nelle storie della Nuova Zelanda. Ha anche sottolineato che "frutta" che era verde allora, ma diventerà gialla / arancione / rossa quando è maturo per essere tagliato. Taglia la parte superiore, la stringi e usi l'olio per lucidare i mobili. Non ho ancora capito come si qualifichi come "frutto" poiché non è commestibile.

Ricorda, le stagioni nell'emisfero meridionale sono opposte alle nostre. Siamo andati alla fine dell'inverno, all'inizio della primavera (febbraio / marzo) che è la loro fine dell'estate, all'inizio dell'autunno. Avevamo chiesto delle tradizioni natalizie. Non hanno il Ringraziamento lì, ovviamente, ma i tacchini possono ancora essere trovati attraverso gli agricoltori locali. Molti espatriati ci dicono che non sono ancora abituati al Natale in piena estate.

Hub Cafe

The Hub Café

Il pranzo era al "The Hub Café". Se non sei in testa alla fila, prenditi il ​​tuo tempo e prendi un gelato Hokey Pokey. Quelli che sanno, di solito perché qualcun altro ti ha preceduto in Nuova Zelanda, sono entusiasti di questo gelato alla vaniglia con favi. Non sorprenderti quando ascolti le persone, in particolare gli inglesi, divertirti a chiamarlo "Hanky ​​Panky". Condividi il fish and chips o il falafel e l'insalata. Non è eccezionale, ma è abbondante e una buona pausa durante la giornata. I gabbiani apprezzano gli avanzi, anche se ovviamente non possiamo mai consigliare di nutrire la fauna selvatica. Bus il tuo tavolo. I port-a-vasino non hanno lavandino ma forniscono il gel antibatterico. Se hai la pelle sensibile, vorrai sicuramente viaggiare con le tue salviette detergenti.

Aspettati che la pioggia accada ad un certo punto della giornata. Di solito non hai bisogno di un ombrello ma hai una giacca o un poncho antipioggia per mantenere i tuoi vestiti asciutti e il vento al largo.

Hub Cafe

In direzione sud, di solito c'è una fermata in un negozio Kauri Unearthed. Sebbene sia fondamentalmente una fermata dello shopping sovvenzionata, hanno un albero fresco e scavato nel mezzo del negozio in cui hanno costruito passi. La "Capanna sull'albero" contiene arte e ti porta alla galleria d'arte di secondo livello. Fotografie di cose come un pezzo di latta di un artista di Sydney, "Split Infinitive", e le foto di tutto il movimento dell'isola di Sunday, così chiamato dagli inglesi tre anni dopo che i francesi lo chiamarono Raoul Island come l'uomo che lo vide.

Haruru Falls

Haruru Falls

Huey lasciò la gente in ordine inverso anche prima della nostra ultima fermata, Haruru Falls. Ti avventuri in un parcheggio di un motel e ottieni una splendida vista dalla parte anteriore che non sperimenterai anche quando ti trovi proprio sopra di esso. Non ti preoccupare, girerà il bus in modo che entrambi i lati del bus abbiano una possibilità. Prenditi il ​​tempo per uscire e scattare foto. È un buon modo finale per allungare le gambe. Si tratta di circa cinque minuti a piedi dal parcheggio. Non provare l'oscillazione della fune non lontano dal percorso. La cascata attraversa il fiume Waitangi e si estende per circa 15 metri mentre solo circa un terzo è alto.

C'è una passeggiata lungo l'estuario di Waitangi che dura un paio d'ore e ti porta ai motivi del Trattato di Waitangi. Passi i Trattati ogni volta che vai in città. Puoi trascorrere fino a dieci minuti alle cascate o fare un bel pranzo al sacco. C'è spazio per entrambi.

Tour di Cape Reinga | 90 miglia di spiaggia | Baia delle Isole | # Nuova Zelanda # cose da fare in #itinerary #tour # bay-of-islands #tour # Cape-Reinga #sandboarding #spiaggia #travel #trip #vacationTour di Cape Reinga | 90 miglia di spiaggia | Baia delle Isole | # Nuova Zelanda # cose da fare in #itinerary #tour # bay-of-islands #tour # Cape-Reinga #sandboarding #spiaggia #travel #trip #vacation