Stati Uniti, la Corea del Nord parla "più importante di ogni altra cosa", dice la Corea del Sud

0
77

PECHINO – È "più importante di ogni altra cosa" mantenere lo slancio per i colloqui tra Stati Uniti e Corea del Nord, ha detto il presidente sudcoreano Moon Jae-in al presidente cinese Xi Jinping lunedì a Pechino.

La Corea del Nord ha fissato una scadenza di fine anno per gli Stati Uniti per cambiare quella che si dice sia una politica di ostilità in una situazione di stallo negli sforzi per fare progressi nel loro impegno di porre fine al programma nucleare del Nord e stabilire una pace duratura.

Il leader nordcoreano Kim Jong Un e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si sono incontrati tre volte da giugno 2018, ma non ci sono stati progressi sostanziali nel dialogo mentre il Nord ha richiesto che le schiaccianti sanzioni internazionali fossero revocate per prime.

Sabato, i media statali hanno affermato che gli Stati Uniti "pagheranno caro" per aver contestato il record sui diritti umani del Nord e che le "parole maligne" di Washington non farebbero altro che aggravare le tensioni nella penisola coreana.

La Cina è il più importante sostenitore diplomatico e partner commerciale della Corea del Nord e Moon ha preso il suo messaggio sul significato dei colloqui diretti a Xi.

"È più importante di qualsiasi altra cosa mantenere lo slancio per il dialogo tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti", ha dichiarato Moon, secondo la sua portavoce Ko Min-jung che era presente all'incontro nella Great Hall of the People di Pechino.

Ko ha citato Xi nel dire che molte persone sono preoccupate per la situazione di tensione nella penisola coreana.

"La Cina e la Corea del Sud dovrebbero raccogliere le forze per aiutare la Corea del Nord e gli Stati Uniti a sostenere lo slancio del dialogo", ha detto Xi dicendo.

In precedenza, l'ufficio di Moon lo aveva citato dicendo che la sospensione dei colloqui tra Stati Uniti e Corea del Nord e l'aumento delle tensioni non erano vantaggiose per la Corea del Sud, la Cina o la Corea del Nord.

NUOVO IMPETUS

Xi ha detto a Moon che la Cina sostiene gli sforzi della Corea del Sud per migliorare i legami con la Corea del Nord e iniettare nuovo slancio nella promozione di colloqui di pace, ha detto il ministero degli Esteri cinese.

La Cina e la Corea del Sud sostengono entrambe che la questione della penisola coreana venga risolta attraverso il dialogo e la consultazione e sono una "forza ferma per mantenere la stabilità e promuovere i colloqui", ha detto il ministero parafrasando Xi.

FOTO FOTO: Il presidente della Corea del Sud Moon Jae-in si rivolge alla 74a sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite presso la sede delle Nazioni Unite a New York City, New York, Stati Uniti, 24 settembre 2019. REUTERS / Lucas Jackson

Moon è in visita in Cina per un incontro trilaterale tra lui, il primo ministro giapponese Shinzo Abe e il premier cinese Li Keqiang nella città sud-occidentale di Chengdu.

Sebbene varie questioni economiche saranno anche all'ordine del giorno – così come le tensioni tra Seoul e Tokyo – la Corea del Nord sembra probabilmente dominare l'agenda.

L'inviato speciale degli Stati Uniti per la Corea del Nord Stephen Biegun ha incontrato due alti diplomatici cinesi durante la sua visita di due giorni a Pechino la scorsa settimana, a seguito di un incontro analogo in Corea del Sud e Giappone giorni prima, mentre i diplomatici tentano all'ultimo sangue di prevenire nuovi scontri.

Pechino, insieme alla Russia, ha proposto la scorsa settimana che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite revoca alcune sanzioni in quello che definisce un tentativo di rompere l'attuale situazione di stallo e cercare di ottenere sostegno.

Ma non è chiaro se Pechino possa convincere Seoul e Tokyo a rompere i ranghi di Washington, il che ha chiarito la sua opposizione e può porre il veto a qualsiasi risoluzione.

Sebbene la Corea del Sud consideri la Cina un elemento determinante per rilanciare i negoziati, ha finora eluso domande sul fatto che sostenga la nuova proposta di Pechino e Mosca.

Da parte sua, il Giappone è stato storicamente un convinto sostenitore delle sanzioni contro la Corea del Nord.

Il presidente cinese Xi Jinping parla dopo il suo arrivo all'aeroporto internazionale di Macao a Macao, in Cina, il 18 dicembre 2019, in vista del 20 ° anniversario del ritorno dell'ex colonia portoghese in Cina. REUTERS / Jason Lee

Il segretario capo del governo giapponese Naoki Okada, parlando ai giornalisti dopo che Abe aveva tenuto il suo incontro con Xi a Pechino, ha detto che Xi aveva chiesto al Giappone di sostenere la proposta congiunta cinese-russa.

Ma il Giappone considera "ancora premature" le attenuazioni delle sanzioni alla Corea del Nord, ha affermato Okada.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here