Sopravvissuto al miracolo in missione per aiutare a colmare le lacune nel sistema di allarme tsunami

0
76

BANDA ACEH, Indonesia – Arif Munandar era stato dichiarato morto prima di svegliarsi in una sacca per il corpo quattro giorni dopo che un'ondata mostruosa spazzò il suo villaggio nella provincia indonesiana di Aceh, 15 anni fa.

Quando un terremoto di magnitudo 9,1 ha aperto una faglia sotto l'Oceano Indiano, ha provocato uno tsunami alto fino a 17,4 metri (57 piedi), uccidendo più di 230.000 persone in Indonesia, Sri Lanka, India, Tailandia e altri nove paesi.

La provincia di Aceh ha sopportato il peso del disastro. Un totale di 128.858 persone sono state uccise lì, secondo le statistiche compilate dal governo e dalle agenzie di aiuto. Altri 37.087 sono ancora elencati come mancanti.

Munandar, che trascorse sei anni vivendo in un campo di soccorso prima di poter completare la ricostruzione della sua vecchia casa con l'aiuto del governo, perse 24 membri della famiglia, tra cui sua moglie e tre figli. Da allora si è risposato e ha due figli.

Ora, il 49enne lavora come tecnico di comunicazione radio presso l'agenzia di mitigazione dei disastri di Aceh e ritiene che la sua missione personale sia quella di mantenere ben mantenuto il sistema di allarme tsunami del suo villaggio.

"Dobbiamo fornire informazioni alla comunità al fine di ridurre al minimo il numero di vittime quando si verifica nuovamente un tale disastro", ha affermato Munandar, sottolineando la necessità di anticipare il peggio.

Più di 400 milioni di dollari sono stati spesi in 28 paesi per il sistema di allarme rapido, comprendente 101 misuratori del livello del mare, 148 sismometri e nove boe.

"La regione dell'Oceano Indiano è molto più sicura contro la minaccia dello tsunami di quanto non fosse nel 2004", ha affermato Srinivasa Tummala, capo del Sistema di allarme e mitigazione dello tsunami nell'Oceano Indiano istituito nel 2013.

Tuttavia, la mancanza di sufficienti boe di tsunami, altre apparecchiature di rilevamento e condivisione dei dati in tempo reale, nonché la difficoltà di mantenere il sistema di rilevamento dello tsunami, continuano a rappresentare i maggiori ostacoli.

Minacce come gli tsunami gemelli innescati da frane sottomarine lo scorso anno in Indonesia nella provincia di Palu e Banten, che hanno colpito la costa in un arco di tempo più breve, continuano a sfidare il sistema di allarme rapido, ha aggiunto Tummala.

Gli esperti stanno esplorando nuove tecnologie come le app mobili e una rete GNSS (Global Navigation Satellite System) per migliorare la preparazione.

L'attenzione del sistema di mitigazione degli avvisi di tsunami è ora sulla prontezza della comunità, ha affermato Tummala, incluso lo svolgimento di esercitazioni regolari.

Nel villaggio costiero Ban Nam Khem, nel sud della Thailandia, che ha perso più della metà della sua popolazione nello tsunami del 2004, l'inno nazionale viene suonato settimanalmente sulla torre di avvertimento dello tsunami come una forma di test per un incubo che sperano non si ripeterà mai.

"La torre non dovrebbe essere utilizzata solo per avvertimenti su uno tsunami", ha detto il leader della comunità del villaggio Prayoon Chonkraichak.

"Dovrebbe essere utilizzato per più scopi in modo che valga il budget e, cosa più importante, in modo che le persone della comunità possano avere più fiducia in esso."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here