Sistani iracheno afferma che le elezioni anticipate sono solo una via d'uscita dalla crisi

0
66

I manifestanti iracheni portano la bandiera irachena durante le proteste antigovernative in corso a Najaf, in Iraq, il 20 dicembre 2019. REUTERS / Alaa al-Marjani

BAGHDAD – Il grande religioso sciita iracheno, il Grand Ayatollah Ali al-Sistani, ha dichiarato venerdì che le elezioni anticipate sono l'unica via di uscita dagli attuali disordini che attanagliano il paese e che presto dovrebbe essere formato un nuovo governo.

Più di 450 persone, per lo più manifestanti disarmati ma anche alcuni membri delle forze di sicurezza, sono state uccise da quando un'ondata di disordini popolari è iniziata il 1 ottobre. I manifestanti, molti dei quali giovani, chiedono una revisione di un sistema politico che vedono come profondamente corrotto e mantenendo la maggior parte degli iracheni in povertà.

"La via più rapida e pacifica per uscire dalla crisi attuale, evitando l'ignoto o il caos o il conflitto civile, è di tornare al popolo organizzando elezioni anticipate dopo aver legiferato su una legge elettorale equa", ha detto Sistani.

Mercoledì il Parlamento non ha approvato una nuova legge elettorale, una richiesta chiave dei manifestanti, che renderebbe le elezioni più giuste dopo che i voti degli ultimi anni sono stati rovinati da accuse di frode.

"Speriamo che la formazione di un nuovo governo non sia ritardata a lungo", ha detto Sistani in un discorso letto da un rappresentante in un sermone del venerdì nella città santa sciita di Kerbala.

La situazione di stallo in parlamento ha anche impedito la selezione di un primo ministro ad interim, facendo sì che i legislatori manchino il termine costituzionale per nominare un sostituto del primo ministro Adel Abdul Mahdi, che si è dimesso il mese scorso ma è rimasto in carica come custode.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here