“Seria preoccupazione” poiché il Sudafrica rileva una nuova variante del coronavirus

0
12

Il ministro della Sanità sudafricano Joe Phaahla afferma che la variante è alla base di un aumento “esponenziale” delle infezioni da COVID.

Il pannello della verità in Gambia sollecita procedimenti giudiziari per i crimini dell’era Jammeh [File: Sumaya Hisham/Reuters]

Scienziati sudafricani hanno espresso preoccupazione per una nuova variante di COVID-19 che è stata rilevata in piccoli numeri e stanno lavorando per comprenderne le potenziali implicazioni.

La variante – chiamata B.1.1.529 – ha una “costellazione molto insolita” di mutazioni, che sono preoccupanti perché potrebbero aiutarla a eludere la risposta immunitaria del corpo e renderla più trasmissibile, hanno detto gli scienziati giovedì.

L’Istituto nazionale per le malattie trasmissibili (NICD) ha affermato che 22 casi positivi della nuova variante sono stati registrati nel paese a seguito del sequenziamento genomico.

“Purtroppo abbiamo rilevato una nuova variante che è motivo di preoccupazione in Sudafrica”, ha detto in una conferenza stampa Tulio de Oliveira, del Network for Genomic Surveillance in South Africa.

La variante “ha un numero molto alto di mutazioni”, ha detto. “Sfortunatamente sta causando una ripresa dei contagi”, ha aggiunto.

È stato rilevato anche in Botswana e Hong Kong tra i viaggiatori provenienti dal Sudafrica, ha affermato.

Il ministro della Sanità Joe Phaahla ha affermato che la variante era di “seria preoccupazione” e dietro un aumento “esponenziale” dei casi segnalati, rendendola “una grave minaccia”.

Le infezioni giornaliere sono balzate a più di 1.200 mercoledì, da circa 100 all’inizio di questo mese.

Prima del rilevamento della nuova variante, le autorità avevano previsto una quarta ondata che avrebbe colpito il Sudafrica a partire dalla metà di dicembre, sostenuta dai viaggi in vista delle festività natalizie.

Il NICD ha detto in una dichiarazione giovedì che i casi rilevati e la percentuale di test positivi stavano “aumentando rapidamente” in tre delle province del paese, tra cui Gauteng, che include Johannesburg e Pretoria, la capitale.

Un focolaio a grappolo, concentrato in un istituto di istruzione superiore a Pretoria, è stato recentemente identificato, ha affermato il NICD.

“Sebbene i dati siano limitati, i nostri esperti stanno facendo gli straordinari con tutti i sistemi di sorveglianza consolidati per comprendere la nuova variante e quali potrebbero essere le potenziali implicazioni”, ha affermato.

Dall’inizio della pandemia, il Sudafrica ha registrato circa 2,95 milioni di casi di COVID-19, di cui 89.657 fatali.

Altre mutazioni

La nuova variante ha una “costellazione” di nuove mutazioni, che era una “preoccupazione per l’evasione immunitaria prevista e la trasmissibilità”, ha detto de Oliveira.

Sono state trovate più di 30 mutazioni nella proteina spike che influenza la trasmissibilità, ha aggiunto. “Possiamo vedere che la variante si sta potenzialmente diffondendo molto velocemente. Ci aspettiamo di iniziare a vedere pressioni nel sistema sanitario nei prossimi giorni e settimane”.

Il ricercatore Richard Lessells ha affermato che i prossimi giorni e settimane saranno fondamentali per determinare la gravità della variante.

“Ciò che ci preoccupa (è) che questa variante potrebbe non solo avere una maggiore trasmissibilità, quindi diffondersi in modo più efficiente, ma potrebbe anche essere in grado di aggirare parti del sistema immunitario e la protezione che abbiamo nel nostro sistema immunitario”, ha disse.

Finora la variante si è vista diffondersi soprattutto tra i giovani.

La professoressa Helen Rees, dell’African Regional Immunization Technical Advisory Group dell’OMS, ha esortato le persone a non farsi prendere dal panico.

“[Currently] stiamo cercando di identificare quanto sia ampiamente diffuso. Ci sarà molto lavoro su: è più trasmissibile? È associato a una maggiore gravità della malattia? Rende i vaccini meno efficaci?” Rees ha detto ad Al Jazeera.

“Nel frattempo, la nostra grande richiesta al mondo, in termini di vaccinazione della regione africana, è di portare i vaccini nella regione perché, come sappiamo, le varianti non rimangono in un paese”, ha aggiunto.

Restrizioni di viaggio

Giovedì, la Gran Bretagna ha annunciato che sospenderà temporaneamente tutti i voli da Sud Africa, Namibia, Lesotho, Eswatini, Zimbabwe e Botswana dalle 12:00 GMT di venerdì come precauzione a causa delle preoccupazioni sulla nuova variante.

“La prima indicazione che abbiamo di questa variante è che potrebbe essere più trasmissibile della variante Delta e i vaccini che abbiamo attualmente potrebbero essere meno efficaci contro di essa”, ha affermato il segretario alla salute del Regno Unito Sajid Javid.

Javid ha affermato che la nuova variante non è stata trovata finora in Gran Bretagna, ma che gli scienziati britannici erano “profondamente preoccupati”.

“Chiederemo a chiunque arrivi da quei paesi dalle 4:00 di domenica di mettere in quarantena negli hotel”, ha aggiunto Javid. “Se qualcuno arriva prima di allora dovrebbe autoisolarsi a casa e fare un test PCR il secondo e l’ottavo giorno.

“E se qualcuno è arrivato da uno di questi paesi negli ultimi 10 giorni, gli chiederemmo di fare i test PCR”.

Israele ha anche imposto un divieto di viaggio per quei sei paesi, così come per il Mozambico, aggiungendoli alla sua lista di viaggi “rossi” o a più alto rischio dopo l’annuncio della nuova variante.

La mossa significa che agli israeliani è vietato viaggiare nelle nazioni dell’Africa meridionale, mentre i cittadini di quei paesi non sarebbero ammessi in Israele.

Gli israeliani che tornano a casa da quei paesi dovranno trascorrere dai 7 ai 14 giorni in un hotel di quarantena dopo l’arrivo, ha affermato il governo.

Venerdì, l’Australia ha dichiarato che stava indagando sul ceppo e che potrebbe chiudere i suoi confini a quei paesi a seconda dei consigli dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

“Come siamo sempre stati, siamo flessibili. E se il consiglio medico è che dobbiamo cambiarlo, non esiteremo”, ha detto il ministro della Sanità Greg Hunt ai giornalisti a Sydney. “Questo è ciò che abbiamo fatto come Paese, sia che abbia chiuso i confini, sia che abbia garantito la quarantena”.

Il gruppo di lavoro tecnico dell’OMS si riunirà venerdì per valutare la nuova variante e potrebbe decidere se assegnarle o meno un nome in codice dall’alfabeto greco.

Il ministro della Sanità Phaahla ha affermato che è troppo presto per dire se il governo sudafricano avrebbe imposto restrizioni più severe in risposta alla variante.

Il Sudafrica è stato il primo paese a rilevare la variante Beta l’anno scorso.

La beta è una delle sole quattro classificate “preoccupanti” dall’OMS perché ci sono prove che è più contagiosa e che i vaccini funzionano meno bene contro di essa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here