Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Self-Advocacy 101: Come sfruttare al meglio l'appuntamento di un medico (frustrante) breve

Self-Advocacy 101: Come sfruttare al meglio l'appuntamento di un medico (frustrante) breve

0
57

"Ok fantastico! Ci vediamo tra 6 mesi! ”Dice il dottore, scivolando fuori dalla stanza dell'esame. La porta si chiude con un clic. Sono seduto nel mio abito di carta, da solo, rendendomi conto di non aver mai nemmeno posto metà delle mie domande e non ho idea se dovrei fare altri test.

Ops.

Se ci sei stato, sai che gli appuntamenti medici di 15-30 minuti di oggi non possono competere con le condizioni complesse con cui molti di noi vivono.

Camminiamo spesso nella stanza dell'esame con le migliori intenzioni di esporre i nostri sintomi in dettaglio e chiedere tutto ciò che dobbiamo chiedere. Ma di fronte a un autorevole professionista che sta chiaramente cercando di uscire da lì al più presto, è facile abbattere e ripristinare la passività: "Oh, no, è tutto ciò di cui avevo bisogno, grazie mille! Arrivederci alla prossima!"

I medici non si rendono sempre conto di come il loro comportamento affrettato influenzi il livello di comfort dei loro pazienti, per non parlare dei loro esiti medici. Anche quando lo ottengono, le restrizioni e i requisiti che le compagnie assicurative e le organizzazioni di assistenza gestita pongono ai medici spesso li lasciano impotenti per darci più tempo da affrontare con loro.

Imparare a trarre il massimo profitto da brevi appuntamenti è una delle più importanti abilità di auto-difesa medica che tu abbia mai imparato – anche se fa davvero schifo è quella che dobbiamo usare.

Ecco alcuni modi per iniziare.

Prima dell'appuntamento

Prepara le note

Se vedi spesso medici (#CancerSurvivorProblems), è una buona idea creare uno spazio designato per le note mediche, che si tratti di un quaderno o di una cartella nell'app Note.

Prima di ogni appuntamento, prepara un ordine del giorno come se stessi andando a un incontro di lavoro importante (che, siamo reali, in un certo senso lo sei).

Alcuni punti chiave da trattare:

  • sintomi o effetti collaterali di cui ti stai occupando
  • come questi problemi influenzano il tuo funzionamento quotidiano, come la tua capacità di prenderti cura di te, lavorare, occuparti degli altri se necessario e goderti la vita (è importante anche se – soprattutto se – hai una malattia cronica!)
  • quello che hai già provato a far fronte a questi problemi
  • precedenti cure mediche che hai avuto
  • cosa ti piacerebbe realizzare in questo appuntamento

Quest'ultimo è particolarmente importante pensare in anticipo, perché non è sempre chiaro ai medici ciò che speriamo, e non è sempre chiaro per noi che non è chiaro per loro.

Stai cercando un cambio di terapia? Strategie (compresi, ma non limitati a, farmaci) per far fronte ai sintomi? Una diagnosi? Includere questo nei tuoi appunti può aiutarti a rimanere in pista durante l'appuntamento.

Domande di brainstorming

Oltre a prendere appunti su ciò di cui vuoi parlare, è utile passare un po 'di tempo a pensare a quali domande potresti voler porre al tuo medico.

Un modo per massimizzare un breve appuntamento è fare un ulteriore passo avanti: prevedere cosa potresti chiedere in base a ciò che ti dice il medico.

Ecco alcuni suggerimenti per iniziare:

Se il medico suggerisce un farmaco:

  • Come dovrei aspettarmi di sentire il farmaco?
  • Quali sono i potenziali effetti collaterali?
  • Quanto tempo ci vuole per iniziare a lavorare?
  • Cosa devo fare se l'assicurazione non la copre?
  • Cosa devo fare se non riesco a tollerare gli effetti collaterali?
  • Devo pianificare un appuntamento di follow-up precedente se non funziona?

Se il medico suggerisce ulteriori test:

  • Cosa possono mostrare i test? Cosa non possono mostrare?
  • Quando saranno disponibili i risultati?
  • Cosa farai se i test non mostrano nulla?
  • Come assicurerai che l'assicurazione copra i test?

Se il medico fa riferimento a un altro fornitore:

  • Devo chiamarli o mi chiameranno? Quando dovrei aspettarmi di ricevere loro notizie e cosa devo fare se non lo faccio?
  • Chi dovrei vedere se questo provider non funziona?
  • Cosa fa questo tipo di dottore?

Se il medico fa una diagnosi:

  • Come posso saperne di più su questa diagnosi?
  • Quali altre diagnosi hai escluso e come le hai escluse?
  • Questo è progressivo? Qual è la mia prospettiva?
  • Quanto sei sicuro di questa diagnosi? C'è qualcos'altro che potrebbe essere?

Se il tuo dottore dice che tutto sembra a posto, o non sanno cosa c'è che non va:

  • Chi altro dovrei vedere?
  • Come gestisco questi sintomi?
  • Cosa farai per aiutarmi?

Durante l'appuntamento

Dai la priorità alle tue preoccupazioni

Se hai diversi problemi medici da affrontare nel tuo appuntamento, preparati a non avere il tempo di parlarne tutti. Potrebbe essere utile stabilire le priorità.

Scegli un problema che è più fastidioso o preoccupante o che influisce maggiormente sulla tua vita.

Chiediti: "Se potessi scegliere uno dei miei problemi per scomparire magicamente, che farebbe la differenza più grande?" Questo è il tuo problema prioritario. Quindi scegline un altro a cui vorresti arrivare se il tempo lo consente e (se necessario) un terzo se le cose vanno molto rapidamente.

All'inizio del tuo appuntamento, sii chiaro con il tuo medico: “Ho tre problemi da discutere oggi se abbiamo tempo. La più importante è X, seguita da Y e quindi da Z. "Ciò consente al medico di strutturare l'appuntamento in modo che sia il più utile possibile.

Se non riesci a raggiungere tutto nel tempo assegnato, termina l'appuntamento ricordando al tuo medico gli altri problemi che hai menzionato e chiedendo un piano per risolverli, sia pianificando un appuntamento di follow-up o vedendo un infermiera o qualche altro fornitore nella clinica.

Fornisci documentazione per il tuo grafico

Sebbene spenderai parte del tuo appuntamento per discutere dei tuoi sintomi o della tua storia medica, non è sempre necessario coprire tutto immediatamente, specialmente se stai affrontando un problema complesso e cronico.

Se il tuo medico non ha già accesso elettronico alle tue precedenti cartelle cliniche, porta delle copie cartacee all'appuntamento e chiedi di farle scansionare nella tua cartella.

Può anche essere estremamente utile scrivere le tue note sui sintomi, i cambiamenti nello stile di vita che hai provato e altre informazioni importanti e inserirle anche nel tuo grafico.

Anche se il tuo medico potrebbe non avere il tempo di leggere tutto, potrebbe – e anche i suoi infermieri e assistenti lo sono ancora di più. La maggior parte di noi sa leggere molto più velocemente di quanto chiunque possa parlare o ascoltare.

Quando hai sintomi e storie complessi ma non molto tempo, fornire materiale scritto può aiutarti a recuperare un breve appuntamento.

Dopo l'appuntamento

Pianifica la tua prossima visita

A meno che il tuo problema non sia stato risolto in questo appuntamento o non sei sicuro del tuo programma, è sempre una buona idea programmare la tua prossima visita mentre sei ancora nell'ambulatorio.

Se non sai quando dovrebbe essere la tua prossima visita, chiedi semplicemente alla persona alla reception. Nella mia esperienza, i medici di solito lo menzionano alla fine dell'appuntamento, ma a volte dimenticano.

Poiché i programmi dei medici possono riempire così rapidamente, è meglio non aspettare che arrivi qualcosa per fissare un appuntamento.

Se stai cercando una diagnosi o gestisci una condizione cronica, pianificare regolarmente gli appuntamenti significa che non devi aspettare a lungo per discutere di un trattamento inefficace o del peggioramento dei sintomi.

Segui il team medico per telefono o online

A volte non devi nemmeno aspettare il tuo prossimo appuntamento per discutere di un problema. Se succede qualcosa, o se ti rendi conto che non hai avuto abbastanza tempo nell'appuntamento per menzionare qualcosa di importante, è sempre OK chiamare l'ufficio del medico e parlare con un'infermiera o chiedere al tuo medico di chiamarti.

Oggi la maggior parte dei sistemi medici utilizza anche cartelle cliniche elettroniche come MyChart, che consente di inviare messaggi sicuri ai propri fornitori di servizi medici.

Anche se potrebbero non essere in grado di affrontare problemi seri o nuovi, è un ottimo modo per porre domande che non hai avuto durante l'appuntamento o per ottenere aiuto con problemi di routine.

Gli appuntamenti medici super brevi sono una sfida per le persone che vivono con gravi problemi di salute

E davvero, è una sfida per chiunque chi vuole stare attento alla propria salute e ottenere risposta a tutte le sue domande.

Prepararsi bene, usare il tempo in modo efficiente e dare seguito a quando è necessario può aiutarti a far contare davvero quei 15-30 minuti.

Dal momento che gli appuntamenti brevi sembrano essere qui per rimanere – almeno per ora – il modo migliore per prendersi cura di noi stessi è quello di diventare flessibili su come utilizziamo quel tempo prezioso.


Miri Mogilevsky è una scrittrice, insegnante e terapista praticante a Columbus, nell'Ohio. Hanno conseguito una laurea in psicologia presso la Northwestern University e un master in assistenza sociale presso la Columbia University. A loro è stato diagnosticato un tumore al seno allo stadio 2a nell'ottobre 2017 e hanno completato il trattamento nella primavera del 2018. Miri possiede circa 25 diverse parrucche dai loro giorni di chemio e si diverte a distribuirle strategicamente. Oltre al cancro, scrivono anche di salute mentale, identità strana, sesso e consenso più sicuri e giardinaggio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here