Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Scrupolosità: quando le credenze religiose o morali diventano DOC

Scrupolosità: quando le credenze religiose o morali diventano DOC

0
164

Se sei ossessionato dalla tua etica, potrebbe non essere una cosa così buona dopo tutto.

Non sei solo tu

"Non è solo te" è una colonna scritta dalla giornalista di salute mentale Sian Ferguson, dedicata all'esplorazione dei sintomi meno noti e meno discussi della malattia mentale.

Che si tratti di sogni ad occhi aperti costanti, di una doccia ossessiva o di problemi di concentrazione, Sian conosce in prima persona il potere dell'udito: "Ehi, non sei solo tu". Mentre potresti avere familiarità con la tristezza o l'ansia che hai di fronte, c'è così tanto più per la salute mentale di così – quindi parliamone!

Se hai una domanda per Sian, contattaci via Twitter.

Quando il mio terapista ha suggerito per la prima volta di avere un disturbo ossessivo-compulsivo (DOC), ho sentito molte cose.

Per lo più, mi sono sentito sollevato.

Ma mi sentivo anche spaventato. Nella mia esperienza, il DOC è una delle malattie mentali più ampiamente fraintese: tutti pensano di sapere di cosa si tratta, ma in realtà poche persone lo fanno.

La maggior parte delle persone associa il disturbo ossessivo compulsivo a frequenti lavaggi delle mani e eccessivo ordine, ma non è quello che è.

Alcune persone con disturbo ossessivo compulsivo sono incredibilmente interessate all'igiene, ma molte persone non lo sono. Come molti altri, temevo che parlare del mio disturbo ossessivo compulsivo avrebbe avuto un licenziamento – ma non sei ossessivamente ordinato! – invece di capire, anche da persone le cui intenzioni erano buone.

Come suggerisce il nome, il DOC comporta ossessioni, che sono pensieri invadenti, indesiderati e persistenti. Implica anche compulsioni, che sono le pratiche mentali o fisiche utilizzate per ridurre l'angoscia attorno a quei pensieri.

La maggior parte di noi ha pensieri intrusivi e strani di volta in volta. Potremmo metterci al lavoro e pensare: "Ehi, e se avessi lasciato la stufa a gas accesa?" Il problema è quando diamo un significato gonfiato a questi pensieri.

Potremmo tornare al pensiero ancora e ancora: E se avessi lasciato la stufa a gas accesa? E se avessi lasciato la stufa a gas accesa? E se avessi lasciato la stufa a gas accesa?

I pensieri allora diventano molto angoscianti per noi, al punto che prendiamo certe compulsioni o cambiamo la nostra routine quotidiana per evitare quei pensieri.

Per qualcuno con disturbo ossessivo compulsivo, controllare la stufa a gas 10 volte ogni mattina potrebbe essere una coazione intesa a ridurre quei pensieri stressanti, mentre altri potrebbero avere una preghiera che si ripetono per far fronte all'ansia.

Al centro del disturbo ossessivo-compulsivo, tuttavia, c'è la paura o l'incertezza, quindi non si limita affatto ai germi o al rogo della casa.

Un modo in cui il DOC può prendere forma è la scrupolosità, spesso definita "DOC religiosa" o "DOC morale".

"La scrupolosità è un tema di disturbo ossessivo compulsivo in cui una persona si preoccupa eccessivamente della paura di fare qualcosa che va contro le loro credenze religiose o è immorale", afferma Stephanie Woodrow, un consulente specializzato nel trattamento del DOC.

Diciamo che sei seduto in chiesa e un pensiero blasfemo ti attraversa la mente. La maggior parte delle persone religiose si sentirà male, ma poi passerà da quel pensiero.

Le persone con scrupolosità, tuttavia, faranno fatica a lasciar andare quel pensiero.

Si sentiranno pieni di colpa perché il pensiero ha attraversato la loro mente e potrebbero preoccuparsi di offendere Dio. Trascorreranno ore cercando di "compensare" questo confessando, pregando e leggendo testi religiosi. Queste compulsioni o rituali mirano a ridurre il loro disagio.

Ciò significa che la religione è piena di ansia per loro, e faranno fatica a godere davvero dei servizi o delle pratiche religiose.

Le ossessioni (o pensieri persistenti e invadenti) quando si tratta di scrupolosità possono includere preoccuparsi di:

  • offendere Dio
  • commettere un peccato
  • pregare in modo errato
  • interpretare male gli insegnamenti religiosi
  • andare nel luogo di culto "sbagliato"
  • partecipare ad alcune pratiche religiose "in modo errato" (ad es. una persona cattolica potrebbe preoccuparsi di non incrociarsi correttamente, oppure una persona ebrea potrebbe preoccuparsi di non indossare Tefillin perfettamente al centro della fronte)

Le compulsioni (o rituali) potrebbero includere:

  • preghiera eccessiva
  • confessando spesso
  • cercando rassicurazione dai leader religiosi
  • evitando situazioni in cui potrebbero verificarsi atti immorali

Certo, molte persone religiose si preoccupano in parte di alcuni dei problemi di cui sopra. Ad esempio, se credi all'inferno, è probabile che tu sia preoccupato di andarci almeno una volta.

Quindi, ho chiesto a Woodrow, qual è la differenza tra preoccupazioni religiose non patologiche e reale DOC?

"La chiave è che le persone con (scrupolosità) non godono di alcun aspetto della loro fede / religione perché hanno sempre paura", spiega. "Se qualcuno è infastidito da qualcosa o è preoccupato di mettersi nei guai per aver evitato qualcosa, potrebbe non amare le proprie pratiche religiose, ma non ha il terrore di sbagliare"

La scrupolosità non si limita solo ai religiosi: puoi anche avere scrupolosità morale.

"Quando qualcuno ha scrupolosità morale, potrebbe essere preoccupato di non trattare le persone allo stesso modo, mentire o avere cattivi motivi per fare qualcosa", spiega Woodrow.

Alcuni sintomi di scrupolosità morale includono la preoccupazione di:

  • mentire, anche se involontariamente (che potrebbe includere la paura di mentire per omissione o accidentalmente fuorviante)
  • discriminando inconsciamente le persone
  • agire eticamente per interesse personale, anziché essere motivati ​​aiutando gli altri
  • se le scelte etiche che fai sono veramente migliori per il bene superiore
  • che tu sia veramente una persona "buona" o no

I rituali relativi alla scrupolosità morale potrebbero apparire come:

  • fare cose altruistiche per "dimostrare" a te stesso che sei una brava persona
  • sovra-condivisione o ripetizione delle informazioni in modo da non mentire accidentalmente alle persone
  • dibattendo etica per ore nella tua testa
  • rifiutando di prendere decisioni perché non riesci a capire la "migliore" decisione
  • cercando di fare cose "buone" per compensare le cose "cattive" che hai fatto

Se conosci Chidi da "The Good Place", capirai cosa intendo.

Chidi, un professore di etica, è ossessionato dal soppesare l'etica delle cose, al punto che fatica a funzionare bene, rovina i suoi rapporti con gli altri e ha frequenti mal di stomaco (un sintomo comune di ansia!).

Mentre sicuramente non riesco a diagnosticare un personaggio immaginario, Chidi è praticamente come può apparire un DOC morale.

Ovviamente, il problema con la cura della scrupolosità è che poche persone sanno effettivamente che esiste.

Essere preoccupati per questioni etiche o religiose non suona male a tutti. Questo, insieme al fatto che il DOC è spesso travisato e frainteso, significa che le persone non sanno sempre quali segnali cercare o dove rivolgersi per chiedere aiuto.

"Nella mia esperienza, ci vuole un po 'di tempo per rendersi conto che ciò che stanno vivendo è troppo e non necessario", ha detto a Healthline Michael Twohig, professore di psicologia alla Utah State University.

"È comune per loro pensare che questo sia parte dell'essere fedeli", afferma. “Qualcuno dall'esterno di solito interviene e dice che è troppo. Può essere molto utile se quella persona ha fiducia o un leader religioso. "

Fortunatamente, con il giusto supporto, la scrupolosità può essere trattata.

Spesso, il DOC è trattato con terapia cognitivo comportamentale (CBT), in particolare prevenzione dell'esposizione e della risposta (ERP).

ERP comporta spesso di affrontare i tuoi pensieri ossessivi senza impegnarsi in comportamenti o rituali compulsivi. Quindi, se credi che Dio ti odierà se non preghi ogni notte, potresti saltare intenzionalmente una notte di preghiere e gestire i tuoi sentimenti attorno ad essa.

Un'altra forma di terapia per il DOC è la terapia di accettazione e impegno (ACT), una forma di CBT che comporta tecniche di accettazione e consapevolezza.

Twohig, che ha una vasta esperienza in ACT per il trattamento del disturbo ossessivo compulsivo, ha recentemente lavorato uno studio ciò ha dimostrato che l'ACT è efficace quanto la CBT tradizionale per il trattamento del DOC.

Un altro ostacolo per le persone con disturbo ossessivo compulsivo è che spesso temono che il trattamento per la scrupolosità le allontani dalla loro fede, secondo Twohig. Qualcuno potrebbe temere che il loro terapeuta li scoraggi dal pregare, andare alle riunioni religiose o credere in Dio.

Ma non è così.

Il trattamento ha lo scopo di concentrarsi sul trattamento del disturbo di disturbo ossessivo compulsivo – non si tratta di provare a cambiare la tua fede o le tue convinzioni.

Puoi mantenere la tua religione o le tue convinzioni mentre tratti il ​​disturbo ossessivo compulsivo.

In effetti, il trattamento potrebbe aiutarti a goderti di più la tua religione. "Gli studi hanno dimostrato che dopo aver completato il trattamento, le persone con scrupolosità religiosa godono effettivamente della loro fede più che prima del trattamento", afferma Woodrow.

Twohig è d'accordo. Ha lavorato a Studio 2013 che guardava alle credenze religiose delle persone trattate per scrupolosità. Dopo il trattamento, hanno scoperto che la scrupolosità è diminuita, ma non la religiosità – in altre parole, sono stati in grado di mantenere la loro fede.

"Di solito dico che il nostro obiettivo come terapisti è aiutare il cliente a fare ciò che è più importante per loro", afferma Twohig. "Se la religione è importante per loro, vogliamo aiutare il cliente a renderla più significativa".

Il tuo piano di trattamento potrebbe comportare il parlare con i leader religiosi, che possono aiutarti a stabilire una relazione più sana con la tua fede.

"Ci sono alcuni membri del clero che sono anche terapisti del disturbo ossessivo compulsivo e si sono spesso presentati in bilico tra fare ciò che" dovrebbero "fare a causa della religione rispetto a ciò che il DOC afferma che una persona dovrebbe fare", afferma Woodrow. "Sono tutti d'accordo sul fatto che nessun leader religioso consideri mai i rituali (scrupolosità) buoni o utili".

La grande notizia è che è possibile il trattamento per qualsiasi forma di disturbo ossessivo compulsivo. Le cattive notizie? È difficile trattare qualcosa se non riconosciamo che esiste.

I sintomi della malattia mentale possono manifestarsi in così tanti modi inaspettati e sorprendenti, tanto che possiamo provare molta angoscia prima di collegarlo alla nostra salute mentale.

Questo è uno dei tanti motivi per cui dovremmo continuare a parlare di salute mentale, sintomi e terapia, anche e soprattutto se le nostre lotte interferiscono con la nostra capacità di perseguire ciò che è più importante per noi.

Sian Ferguson è uno scrittore e giornalista freelance di Grahamstown, in Sudafrica. La sua scrittura copre questioni relative alla giustizia sociale e alla salute. Puoi contattarla cinguettio.