Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Quanto tempo ci vuole per guarire un intestino che perde?

Quanto tempo ci vuole per guarire un intestino che perde?

0
190

L'intestino che perde, noto anche come aumento della permeabilità intestinale, non è una diagnosi medica riconosciuta. Per questo motivo, ci sono dati clinici limitati sulla condizione, incluso il tempo necessario per riprendersi da essa. Ma si possono fare stime dalla ricerca che ha esplorato condizioni simili.

Ad esempio, a Studio del 2005 dell'Università di Manitoba ha studiato le persone con malattia celiaca, che è spesso associata a permeabilità intestinale. Sebbene i ricercatori abbiano concluso che sono necessarie ulteriori ricerche, lo studio ha indicato che la permeabilità intestinale era normale per l'87 percento dei partecipanti dopo un anno a dieta priva di glutine.

Continua a leggere per saperne di più sull'intestino che perde, inclusi sintomi, cause, consigli sulla dieta e suggerimenti per la prevenzione.

L'intestino che perde è reale?

Il tuo intestino, noto anche come il tratto gastrointestinale, include oltre 4.000 piedi quadrati di rivestimento epiteliale intestinale che controlla ciò che entra nel flusso sanguigno.

Se malsano, questo rivestimento può essere “permeabile” con buchi o crepe che consentono a batteri, tossine, antigeni e cibo parzialmente digerito di penetrare nei tessuti sottostanti.

Ciò può scatenare infiammazione e alterazioni della flora intestinale (batteri normali), che potrebbero causare problemi al tratto digestivo e non solo.

Sebbene l'intestino permeabile non sia riconosciuto dai professionisti medici tradizionali come una condizione, è generalmente riconosciuto come un sintomo.

Secondo a Studio 2014, i fautori della sindrome di permeabilità intestinale sostengono che può causare molti problemi di salute, tra cui:

  • allergie
  • Sindrome dell'affaticamento cronico
  • depressione
  • fibromialgia
  • disturbi della pelle

Sebbene non sia generalmente accettato come causa dalla comunità medica nel suo insieme, il danno al rivestimento epiteliale intestinale è stato associato alle seguenti condizioni:

  • celiachia
  • HIV
  • malattia infiammatoria intestinale (IBD)
  • sindrome dell'intestino irritabile (IBS)
  • colite ulcerosa
  • Morbo di Crohn
  • sclerosi multipla
  • artrite reumatoide
  • diabete di tipo 1

Quali sono i sintomi?

I sintomi dell'intestino che perde possono variare a seconda della causa sottostante. Per esempio:

  • La celiachia può causare dolore addominale, diarrea o costipazione, affaticamento, nausea e vomito, gonfiore e gas e perdita di peso.
  • L'IBD può causare dolore addominale, grave diarrea, perdita di peso, affaticamento, febbre e feci sanguinolente.
  • L'IBS può causare dolore addominale, gonfiore, crampi, costipazione o diarrea, muco nelle feci e eccesso di gas.

Come curare l'intestino che perde

non sono trattamenti approvati dalla FDA attualmente disponibile specificamente per intestino che perde. Le raccomandazioni terapeutiche che probabilmente riceverai dal tuo medico si concentreranno sulla condizione di base che hanno diagnosticato, che potrebbe includere l'intestino che perde come sintomo. Per esempio:

  • Se ti è stato diagnosticatola celiachia, seguendo una dieta priva di glutine, può aiutare a guarire l'intestino.
  • Se ti è stato diagnosticato l'IBD, i farmaci antinfiammatori, i soppressori del sistema immunitario, gli antibiotici, gli antidolorifici e gli integratori come ferro, calcio e vitamina D possono aiutare a recuperare il rivestimento intestinale.
  • Se ti è stato diagnosticato IBS, farmaci anticolinergici, antidepressivi triciclici, SSRI, antidepressivi, antibiotici, antidolorifici o farmaci specifici per IBS (alosetron, lubiprostone, linaclotide) possono aiutarti a ridurre i sintomi.

Ci sono diete che possono aiutare a trattare l'intestino che perde?

Il medico può raccomandare di adattare la dieta per rimuovere cibi infiammatori che potrebbero avere un impatto sulla flora intestinale, come ad esempio:

  • alimenti trasformati
  • cibi ricchi di grassi
  • cibi ricchi di zuccheri
  • alimenti che possono scatenare allergie o sensibilità, come glutine o latticini
  • alcool

Possono anche raccomandare una dieta a basso contenuto di FODMAP. Questa dieta è spesso raccomandata nelle persone con IBS, ma può aiutare ad alleviare alcuni dei sintomi dell'intestino che perde.

Potresti anche provare ad aggiungere alimenti che contengono probiotici e prebiotici. Probiotici e prebiotici possono aiutare a promuovere batteri sani nell'intestino. Alcuni esempi includono:

  • kefir
  • kimchi
  • banane
  • frutti di bosco
  • yogurt probiotico

Suggerimenti per la prevenzione

Adottare misure di auto-cura che promuovono la salute dell'apparato digerente può essere il modo migliore per proteggersi dall'intestino che perde.

  • Aumenta l'assunzione di cibi ricchi di fibre. La fibra solubile presente in verdure, legumi e frutta supporta i batteri benefici dell'intestino, secondo a Studio 2016.
  • Riduci l'assunzione di carboidrati raffinati. Troppo zucchero può influire negativamente sulla funzione di barriera intestinale, secondo a Studio 2014.
  • Riduci l'utilizzo dei FANS. I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come aspirina, ibuprofene e naprossene, possono aumentare la permeabilità intestinale, secondo un Studio del 2009.
  • Prendi integratori probiotici. I batteri benefici dei probiotici sono considerati utili per molte condizioni gastrointestinali, come l'IBS, secondo a Studio del 2009.
  • Riduci i livelli di stress. I batteri intestinali possono essere danneggiati dallo stress cronico, secondo a Studio 2017.
  • Ridurre l'assunzione di alcol. L'eccessiva indulgenza in alcol può aumentare la permeabilità intestinale, secondo a Studio 2014.
  • Smettere di fumare. Il fumo di tabacco può aumentare l'infiammazione del tratto digestivo ed è un fattore di rischio per una serie di condizioni intestinali, secondo a Studio 2013.

Quando cercare aiuto

Consultare un medico se:

  • Il tuo dolore addominale ti sta causando preoccupazione.
  • Il tuo dolore addominale dura per più di qualche giorno.
  • Si verificano bruciore di stomaco persistente o bruciore di stomaco che diventa sempre più grave.
  • Provi dolore quando passi le feci.
  • Il tuo disagio interferisce con le tue attività quotidiane.

Consultare un medico di emergenza se si verificano:

  • dolore intenso
  • grave tenerezza addominale quando viene toccato
  • febbre
  • feci sanguinolente
  • gonfiore addominale
  • nausea e vomito persistenti

prospettiva

L'intestino che perde – noto anche come aumento della permeabilità intestinale – è generalmente riconosciuto come un sintomo, non una condizione, dalla medicina tradizionale. La maggior parte degli studi clinici si è concentrata sulla correlazione anziché su causa ed effetto, il che rende difficile determinare la quantità di tempo necessaria per guarire l'intestino che perde.

Il tempo di guarigione si baserà sulle condizioni sottostanti, come IBS o IBD, e il tempo impiegato da te e dal tuo medico per controllare quella condizione.

Molto probabilmente una parte del trattamento includerà cambiamenti nello stile di vita, che sono anche suggeriti per ridurre il rischio di perdita di intestino. Questo può includere:

  • mangiare una dieta sana
  • prendendo i probiotici
  • limitazione di alcol e FANS
  • ridurre lo stress
  • Smettere di fumare

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here