Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Quali sono le cause prurito nella malattia del fegato e come trattarlo

Quali sono le cause prurito nella malattia del fegato e come trattarlo

0
132

Se acquisti qualcosa tramite un link in questa pagina, potremmo guadagnare una piccola commissione. Come funziona

Il prurito (prurito) è un sintomo della malattia epatica cronica, sebbene non tutte le persone con malattia epatica lo sviluppino.

Potresti avere un prurito localizzato, ad esempio sulla parte inferiore del braccio, o potrebbe essere un prurito completo. Ad ogni modo, può portare a un desiderio distratto, spesso travolgente, di graffiare.

Un po 'di prurito di tanto in tanto non è motivo di preoccupazione. Ma il prurito continuo può interferire con il sonno e portare a una miriade di altri problemi. Quando ciò accade, diventa una grave preoccupazione per la salute.

In questo articolo, esploreremo le cause del prurito nelle malattie del fegato, perché dovresti consultare il medico e come trovare sollievo.

Cause di prurito nelle malattie del fegato

Il prurito è raro nelle malattie del fegato correlate all'alcol e nelle malattie del fegato grasso non alcoliche. È più comunemente associato a:

  • cirrosi biliare primaria (PBC)
  • colangite sclerosante primitiva (CPS)
  • colestasi intraepatica della gravidanza

Sono stati condotti alcuni studi sperimentali e clinici, ma gli scienziati devono ancora identificare una singola sostanza responsabile del prurito nelle malattie del fegato. È possibile che sia causato da una combinazione di fattori.

Ecco alcune delle possibilità che i ricercatori stanno esaminando:

  • Sali biliari. Se hai una malattia al fegato, potresti avere livelli più alti di sale biliare che si accumula sotto la pelle, il che può causare prurito. Non tutti con alti livelli di sali biliari avvertono prurito e alcune persone avvertono prurito nonostante un normale livello di sale biliare.
  • Istamina. Alcune persone con prurito hanno aumentato i livelli di istamina. Tuttavia, gli antistaminici di solito non sono efficaci nel trattarlo.
  • serotonina. La serotonina può alterare la percezione del prurito. Questo potrebbe essere il motivo per cui gli inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI) possono aiutare a gestire il prurito in alcune persone.
  • Ormoni sessuali femminili. Il prurito a volte peggiora durante la gravidanza o se si è sottoposti a terapia ormonale sostitutiva.
  • Fosfatasi alcalina sierica (ALP). Le persone con prurito correlato a patologie epatiche possono presentare una ALP elevata.
  • Acido lisofosfatidico (LPA) e autotaxina (un enzima che forma LPA). LPA influenza molte funzioni cellulari. Le persone con prurito e malattie del fegato possono avere livelli più alti di LPA.

Come trattare il prurito associato alla malattia del fegato

Il prurito causato da una malattia del fegato probabilmente non migliorerà da solo, ma può essere curato.

Poiché le cause non sono state del tutto comprese, è difficile dire quale trattamento potrebbe funzionare per te. Potrebbe essere necessaria una combinazione di terapie con una certa quantità di tentativi ed errori.

Evitare di graffiare

È importante evitare di graffiare quel prurito perché può peggiorare le cose. Tieni le unghie corte in modo che se graffi, hai meno probabilità di rompere la pelle e aprire la porta all'infezione.

Se ti trovi a graffiare troppo, cerca di evitare la tentazione mantenendo la pelle coperta. Se tendi a graffiare molto durante la notte, indossa i guanti per andare a letto.

Ecco alcune altre cose che puoi fare per prevenire l'irritazione della pelle e alleviare il prurito:

  • Utilizzare acqua calda o fredda anziché acqua calda per docce e bagni.
  • Cerca di non passare troppo tempo in ambienti caldi o al sole.
  • Scegli saponi delicati che non contengono fragranze aggiunte.
  • Usa una crema idratante delicata e senza profumo per combattere la secchezza.
  • Applica un panno freddo e umido sulla zona pruriginosa fino a quando il bisogno di graffiare si attenua.
  • Evita sostanze o materiali che irritano la pelle.
  • Indossare i guanti quando si utilizzano prodotti aggressivi.
  • Indossare indumenti ampi e traspiranti.
  • Utilizzare un umidificatore durante i mesi invernali asciutti.

Acquista un umidificatore online.

Applica gli argomenti anti-prurito

Se hai un lieve prurito localizzato, puoi provare una crema acquosa con mentolo all'1%. Altri topici da banco (OTC), come corticosteroidi e inibitori della calcineurina, possono anche migliorare il prurito.

Segui le indicazioni dell'etichetta e assicurati di informare il medico che le stai utilizzando.

Trova creme corticosteroidi online.

Prendi i farmaci per via orale

Il medico può consigliare trattamenti orali, come:

  • colestiramina (Prevalite). Questo farmaco orale aiuta a rimuovere i sali biliari dalla circolazione.
  • Rifampicina (Rifadin). Questo farmaco inibisce gli acidi biliari. Assunto quotidianamente, richiede un monitoraggio regolare a causa del potenziale per gravi effetti collaterali come epatite o insufficienza renale.
  • Naltrexone (Vivitrol). Assunto quotidianamente, questo farmaco blocca gli effetti degli oppioidi. Richiede un monitoraggio regolare.
  • sertralina (Zoloft). Anche questo SSRI viene assunto quotidianamente. Di solito è prescritto come antidepressivo. Altri antidepressivi, come la fluoxetina (Prozac), possono anche essere usati per trattare il prurito cronico.

Prova gli antistaminici (per dormire)

Gli antistaminici non lo sono stato mostrato per essere efficace nel trattamento del prurito causato da malattie del fegato, sebbene possano aiutarti ad addormentarti nonostante il prurito.

Prendi in considerazione la terapia della luce

Un'altra opzione è la terapia della luce, nota anche come fototerapia. Questo trattamento espone la pelle a specifici tipi di luce per favorire la guarigione. Possono essere necessarie diverse sessioni per iniziare a lavorare.

Discutere di un trapianto di fegato con il proprio medico

Quando il trattamento non funziona e la qualità della vita è gravemente compromessa, il medico potrebbe voler discutere la possibilità di un trapianto di fegato. Questa potrebbe essere un'opzione anche se il tuo fegato funziona ancora.

Il prurito indica qualcosa sulla progressione della malattia epatica o sulla prognosi?

L'insufficienza epatica è talvolta accompagnata da prurito. Ma puoi sviluppare problemi di prurito all'inizio, prima ancora di sapere di avere una malattia al fegato.

In effetti, la prurite può svilupparsi in qualsiasi momento della malattia del fegato. Questo sintomo da solo non dice nulla sulla gravità della malattia epatica, sulla progressione o sulla prognosi.

Ciò non significa che non sia un problema serio. Quando il prurito persiste, può contribuire a:

  • insonnia
  • fatica
  • ansia
  • depressione
  • qualità della vita compromessa

Sintomi di prurito con malattia epatica

Il prurito associato alla malattia del fegato tende a peggiorare a tarda sera e durante la notte. Alcune persone possono prudere in una zona, come un arto, la pianta dei piedi o il palmo delle mani, mentre altri avvertono un prurito totale.

Il prurito associato a malattie del fegato non comporta generalmente eruzioni cutanee o lesioni cutanee. Tuttavia, è possibile sviluppare irritazione, arrossamento e infezione visibili a causa di graffi eccessivi.

Il problema può essere aggravato da:

  • esposizione al calore
  • stress
  • mestruazione
  • gravidanza
  • terapia ormonale sostitutiva

Quali altre cose potrebbero causare prurito alla pelle?

Poiché ci sono così tante cose che causano prurito alla pelle, è possibile che il prurito non sia correlato alla malattia del fegato.

Un caso grave di pelle secca (xerosi cutanea) può certamente causare fastidiosi pruriti. Il prurito senza eruzione cutanea può anche essere un effetto collaterale di alcuni farmaci, tra cui oppioidi, statine e farmaci per la pressione sanguigna.

Condizioni della pelle come l'eczema e la psoriasi causano prurito accompagnato da pelle infiammata, rossa o squamosa.

Il prurito cutaneo può essere dovuto a una reazione allergica a cose come:

  • Edera velenosa
  • cosmetici
  • saponi
  • prodotti per la pulizia della casa
  • sostanze chimiche
  • tessuti come lana o mohair

Oltre al prurito, è probabile che una reazione allergica comporti arrossamenti, eruzioni cutanee o orticaria.

Altre malattie e disturbi che possono causare prurito alla pelle includono:

  • ansia
  • depressione
  • diabete
  • anemia da carenza di ferro
  • insufficienza renale
  • leucemia
  • linfoma
  • mieloma multiplo
  • sclerosi multipla (SM)
  • disturbo ossessivo-compulsivo (DOC)
  • nervo pizzicato
  • fuoco di Sant'Antonio (herpes zoster)

  • problemi alla tiroide

Il prurito è anche associato a:

  • infezione della pelle batterica, virale, fungina o parassitaria
  • punture di insetti o punture
  • gravidanza

Non è sempre possibile determinare la causa del prurito.

Quando vedere un dottore

Se hai una malattia al fegato, consulta il tuo medico ogni volta che hai sintomi nuovi o in peggioramento. Ciò include il prurito.

Anche se può non significare nulla per quanto riguarda la progressione della malattia o la prognosi, non lo saprai per certo senza un esame approfondito.

È particolarmente importante informare il medico se hai problemi a dormire e se il prurito influisce sulla qualità della tua vita.

L'asporto

Il prurito associato a malattie del fegato può essere dovuto a una varietà di fattori. Il forte prurito può portare a una serie di altri problemi, quindi è importante consultare il medico per la diagnosi e il trattamento.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here