Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Qual è il legame tra la malattia di Crohn e l’ansia?

Qual è il legame tra la malattia di Crohn e l’ansia?

0
23

L’ansia può essere più comune nelle persone con malattia di Crohn, ma strategie come la terapia della parola e le tecniche di gestione dello stress possono aiutare.

Le persone con la malattia di Crohn spesso sperimentano in media tassi più elevati di ansia e depressione rispetto alle persone senza malattia di Crohn o un altro tipo di malattia infiammatoria intestinale (IBD).

I ricercatori non sanno esattamente perché esiste questa associazione, ma sembra che vada in entrambe le direzioni. Se convivi con le malattie infiammatorie intestinali, hai un rischio maggiore di ansia o depressione. E alcune prove mostrano che il rischio di IBD è maggiore in coloro che soffrono di ansia o depressione.

Esistono prove emergenti che la terapia della parola, che è un trattamento standard per l’ansia con o senza la malattia di Crohn, può anche aiutare con l’ansia correlata alle IBD. Tecniche di auto-aiuto come la riduzione dello stress possono anche aiutare nella gestione dell’ansia.

In che modo l’ansia è correlata alla malattia di Crohn?

Molte persone che vivono con la malattia di Crohn sperimentano anche ansia o depressione.

Una revisione degli studi del 2023 ha rilevato un’associazione bidirezionale tra queste condizioni di salute mentale e la malattia infiammatoria intestinale (IBD), che include il morbo di Crohn e la colite ulcerosa.

Nella revisione, le persone con IBD avevano un aumento del rischio di ansia del 48% e un aumento del rischio di depressione del 55%. Le persone con depressione avevano un rischio due volte maggiore di sviluppare IBD.

Un’altra revisione degli studi del 2023 ha rilevato che fino al 65% delle donne con IBD soffriva anche di ansia o depressione.

Lo stress associato alla convivenza con una condizione cronica come il morbo di Crohn può causare ansia per una serie di motivi. Le persone possono sentirsi particolarmente ansiose:

  • quando viene loro diagnosticato per la prima volta il morbo di Crohn
  • durante una riacutizzazione, quando i sintomi peggiorano
  • se hanno bisogno di un intervento chirurgico
  • se stanno riscontrando effetti collaterali del loro trattamento
  • se il trattamento attuale smette di funzionare

L’ansia può essere associata alle riacutizzazioni della malattia di Crohn, al ricovero in ospedale e all’intensificazione del trattamento.

L’ansia è un fattore di rischio della malattia di Crohn?

Lo stress e l’ansia possono grilletto I sintomi di Crohn in alcune persone, ma non causano l’insorgenza della malattia.

Sebbene l’ansia non sia un fattore di rischio per il morbo di Crohn, permane incertezza sull’esatta relazione tra IBD e condizioni di salute mentale.

Ricercatori ipotizzare che la comunicazione bidirezionale nell’asse intestino-cervello può aiutare a spiegare questa associazione. IL asse intestino-cervello è una rete di comunicazione in cui il cervello influenza le attività dell’intestino mentre l’intestino influisce sull’umore e sulla salute mentale.

Inoltre, i ricercatori suggerire la compromissione della qualità della vita, il ridotto funzionamento sociale e i sintomi di lunga durata delle IBD possono contribuire allo sviluppo di condizioni di salute mentale.

Sintomi di ansia e morbo di Crohn

Ansia e morbo di Crohn sono diagnosi distinte.

Secondo l’American Psychiatric Association, l’ansia è una normale risposta allo stress e può essere utile in determinate situazioni. Ma la paura o l’ansia eccessiva che interferiscono con la vita quotidiana possono essere un segno di un disturbo d’ansia. Quasi il 30% degli adulti soffre di disturbi d’ansia ad un certo punto della vita.

Secondo il Istituti nazionali di sanità (NIH)i segni del disturbo d’ansia generalizzato includono:

  • sentirsi nervosi, nervosi o irrequieti
  • stancarsi facilmente
  • irritabilità
  • difficoltà di concentrazione
  • mal di testa, mal di stomaco o dolori muscolari
  • preoccupazione incontrollata
  • problemi di sonno

Quando i ricercatori misurano l’ansia nelle persone con IBD, non sempre utilizzano gli stessi criteri dei professionisti della salute mentale che diagnosticano i disturbi d’ansia.

Ad esempio, un ricercatore potrebbe utilizzare il file Scala dell’ansia e della depressione ospedaliera (HADS) per valutare i sintomi di problemi di salute mentale nelle persone con IBD. Pertanto, qualcuno che presenta sintomi di ansia su questa scala potrebbe non soddisfare la diagnosi di disturbo d’ansia.

La malattia di Crohn è una condizione cronica che causa infiammazione nel tratto digestivo. Ciò può portare a sintomi come:

  • diarrea
  • crampi addominali
  • perdita di peso
  • anemia
  • fatica
  • dolore o arrossamento degli occhi
  • febbre
  • dolori articolari
  • nausea
  • perdita di appetito
  • cambiamenti della pelle

Fattori di rischio di ansia e malattia di Crohn

Tra le persone che vivono con IBD, alcune sembrano essere a maggior rischio di sviluppare ansia o depressione. UN Studio del 2021 hanno scoperto che le persone che avevano una maggiore attività della malattia o che avevano subito un intervento chirurgico per il morbo di Crohn avevano maggiori probabilità di soffrire di ansia o depressione.

Uno studio del 2018 ha rilevato che i fattori predittivi di ansia e depressione nelle persone con IBD includevano:

  • storia della chirurgia
  • essere femmina
  • fumare
  • manifestazioni extra-intestinali di IBD

Le manifestazioni extra-intestinali della malattia di Crohn possono includere:

  • infiammazione degli occhi
  • artrite
  • ulcere della bocca
  • protuberanze rosse sulla pelle

Sia l’ansia che il morbo di Crohn hanno fattori di rischio individuali, ma questi possono evolversi man mano che la ricerca continua per ciascuna condizione. Avere un fattore di rischio non significa che qualcuno svilupperà la condizione e talvolta le persone soffrono di ansia o di Crohn senza fattori di rischio noti.

Fattori di rischio generali per i disturbi d’ansia includere:

  • storia familiare di ansia o altre condizioni di salute mentale
  • sentimenti di angoscia, nervosismo o timidezza durante l’infanzia
  • esposizione ad eventi di vita stressanti

Fattori di rischio complessivi per la malattia di Crohn includere:

  • storia familiare di malattia di Crohn
  • fumare
  • uso di farmaci antinfiammatori come l’aspirina o l’ibuprofene
  • uso di antibiotici o pillole anticoncezionali
  • dieta ricca di grassi

Trattamento per l’ansia correlata al morbo di Crohn

Se avverti sintomi di ansia o depressione, parla con un professionista della salute mentale. Possono aiutare a diagnosticare queste condizioni e collaborare con te per sviluppare un piano di trattamento.

Una revisione pubblicata nel 2021 ha trovato prove a breve termine che la terapia della parola individuale e di gruppo, chiamata anche terapia cognitivo comportamentale (CBT), può aiutare le persone con IBD che soffrono anche di ansia o depressione. La revisione ha rilevato che sono necessari studi a lungo termine.

UN Revisione della letteratura 2022 hanno scoperto che c’erano prove limitate che le terapie comportamentali e i farmaci antidepressivi possono aiutare ad alleviare i sintomi dell’IBD e a trattare la depressione o l’ansia.

L’ansia, con o senza IBD, viene generalmente trattata con CBT, farmaci e tecniche di autogestione. La CBT aiuta le persone ad apprendere nuovi modi di pensare e reagire per gestire l’ansia. I farmaci per l’ansia includono farmaci anti-ansia a breve termine, beta-bloccanti per controllare i sintomi fisici e antidepressivi.

Le opzioni di autogestione includono tecniche di gestione dello stress, meditazione e gruppi di supporto con altri che soffrono di ansia.

Le persone con malattie infiammatorie intestinali (IBD), come il morbo di Crohn, hanno maggiori probabilità di soffrire di ansia e depressione. L’associazione sembra andare in entrambe le direzioni, poiché le persone con depressione hanno maggiori probabilità di sviluppare IBD.

I ricercatori non sanno ancora perché esiste questa associazione. Alcune teorie sostengono che l’asse intestino-cervello fa sì che l’intestino influenzi l’umore e la salute mentale e che il cervello influisca sull’intestino. Altri suggeriscono che una minore qualità della vita e un ridotto funzionamento sociale a lungo termine con le IBD possono portare ad ansia o depressione.

L’ansia con o senza la malattia di Crohn viene gestita con la terapia cognitivo comportamentale (CBT), farmaci e tecniche di autogestione come la meditazione e la riduzione dello stress.