Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Pronto soccorso per reazione allergica: cosa fare

Pronto soccorso per reazione allergica: cosa fare

0
4

Cos’è una reazione allergica?

Il tuo sistema immunitario crea anticorpi per combattere le sostanze estranee in modo da non ammalarti. A volte il tuo sistema identificherà una sostanza come dannosa, anche se non lo è. Quando ciò accade, si chiama reazione allergica.

Queste sostanze (allergeni) possono essere qualsiasi cosa, dal cibo e dai farmaci agli ambienti.

Quando il tuo corpo entra in contatto con questi allergeni, può causare sintomi lievi come irritazione della pelle, lacrimazione o starnuti. In alcune persone, le allergie possono portare ad anafilassi. L’anafilassi è una condizione pericolosa per la vita. Provoca shock, un improvviso calo della pressione sanguigna e difficoltà a respirare. Questo può portare a insufficienza respiratoria e arresto cardiaco.

Chiama immediatamente il 911 oi servizi di emergenza locali se tu o qualcuno che conosci soffre di anafilassi.

Quali sono i sintomi di una reazione allergica?

La reazione allergica del tuo corpo dipende da cosa sei allergico. Le parti del tuo corpo che reagiranno includono:

  • vie aeree
  • naso
  • pelle
  • bocca
  • apparato digerente

Sintomi comuni

Dai un’occhiata alla tabella sottostante per vedere quali sintomi si verificano comunemente per quale allergia:

Sintomo Allergia ambientale Allergia al cibo Allergia alle punture di insetti Allergia al farmaco
Starnuti X X
Naso che cola o chiuso X
Irritazione della pelle (prurito, arrossamento, desquamazione) X X X X
Orticaria X X X
Eruzione cutanea X X X
Problema respiratorio X
Nausea o vomito X
Diarrea X
Fiato corto o respiro sibilante X X X X
Occhi acquosi e iniettati di sangue X
Gonfiore intorno al viso o all’area di contatto X X
Impulso rapido X X
Vertigini X

Anafilassi o reazioni gravi

Le reazioni allergiche più gravi possono causare anafilassi. Questa reazione si verifica pochi minuti dopo l’esposizione e, se non trattata, può portare a perdita di conoscenza, distress respiratorio e arresto cardiaco.

I segni di anafilassi includono:

  • reazioni cutanee, come orticaria, prurito o pelle pallida
  • respiro sibilante o difficoltà a respirare
  • vertigini, vertigini o svenimenti

  • gonfiore del viso
  • nausea
  • polso debole e veloce

Chiedi aiuto di emergenza se tu o qualcuno che conosci soffre di anafilassi, anche se i sintomi iniziano a migliorare. A volte i sintomi possono ripresentarsi in una seconda fase.

Cosa fare quando qualcuno soffre di anafilassi

Se sei con qualcuno che soffre di anafilassi, dovresti:

  1. Chiama immediatamente il 911.
  2. Controlla se hanno un autoiniettore di epinefrina (adrenalina) (EpiPen) e aiutali, se necessario.
  3. Cerca di mantenere la persona calma.
  4. Aiuta la persona a sdraiarsi sulla schiena.
  5. Alza i piedi di circa 12 pollici e coprili con una coperta.
  6. Girali su un fianco se vomitano o sanguinano.
  7. Assicurati che i loro vestiti siano larghi in modo che possano respirare.

Prima la persona riceve l’adrenalina, meglio è.

Evita di somministrare farmaci per via orale, qualcosa da bere o di sollevare la testa, soprattutto se hanno difficoltà a respirare.

Il medico può prescrivere l’adrenalina di emergenza. L’autoiniettore viene fornito con una singola dose di farmaco da iniettare nella coscia. Dovrai insegnare alla tua famiglia e agli amici intimi come iniettare l’adrenalina in caso di emergenza.

RCP per anafilassi

Se la persona con cui stai non respira, non tossisce o non si muove, potresti dover eseguire la RCP. Questo può essere fatto anche senza un addestramento formale alla RCP. La RCP prevede l’esecuzione di pressioni al petto, circa 100 al minuto, fino all’arrivo dei soccorsi.

Se sei interessato a imparare la RCP, contatta l’American Heart Association, la Croce Rossa americana o un’organizzazione di pronto soccorso locale per la formazione.

Trattamenti per reazioni allergiche

Gli antistaminici e i decongestionanti da banco (OTC) possono alleviare i sintomi minori di una reazione allergica.

Gli antistaminici prevengono sintomi come l’orticaria bloccando i recettori dell’istamina in modo che il tuo corpo non reagisca agli allergeni. I decongestionanti aiutano a pulire il naso e sono particolarmente efficaci per le allergie stagionali. Ma non prenderli per più di tre giorni.

Questi farmaci sono disponibili in compresse, colliri e spray nasali. Molti farmaci da banco causano anche sonnolenza, quindi evita di prenderli prima di guidare o di svolgere lavori che richiedono molta concentrazione.

Gonfiore, arrossamento e prurito possono essere ridotti con ghiaccio e creme topiche che contengono corticosteroidi.

Fissa un appuntamento con il tuo medico se i farmaci da banco non funzionano. Chiama subito il tuo medico se hai una reazione allergica al farmaco.

Trattamenti per allergie alimentari

I migliori rimedi per le allergie alimentari di solito consistono nell’evitare cibi che innescano una reazione allergica. Se entri accidentalmente in contatto o mangi il cibo a cui sei allergico, i farmaci da banco possono mitigare la reazione.

Tuttavia, questi farmaci aiutano solo ad alleviare l’orticaria o il prurito. Il cromolyn orale può aiutare gli altri sintomi. È disponibile solo su prescrizione medica, quindi parla con il tuo medico.

Puoi anche trattare le allergie alimentari gravi con l’adrenalina.

Trattamenti per allergie alle piante o ai morsi

Piante velenose

Secondo il Children’s Hospital di Philadelphia, circa 7 persone su 10 hanno una reazione allergica quando toccano edera velenosa, quercia velenosa e sommacco velenoso. Le sostanze appiccicose di queste piante, chiamate anche urushiol, si legano alla pelle al contatto.

I sintomi vanno da lieve arrossamento e prurito a gravi vesciche e gonfiore. Le eruzioni cutanee compaiono ovunque da tre ore a pochi giorni dopo il contatto e durano da una a tre settimane.

Se esposto a piante velenose, procedi come segue:

  1. Evita di toccare altre aree del corpo, soprattutto il viso.
  2. Pulisci l’area con acqua e sapone per almeno 10 minuti.
  3. Fai un bagno fresco.
  4. Applicare la calamina o un’altra lozione antipruriginosa tre o quattro volte al giorno per alleviare il prurito.
  5. Lenire le zone infiammate con prodotti a base di farina d’avena o crema di idrocortisone all’1%.
  6. Lavare tutti gli indumenti e le scarpe in acqua calda.

Tutti questi passaggi si concentrano sulla rimozione dell’urushiolo dalla pelle. Gravi reazioni nei bambini possono richiedere la visita di un medico per prescrivere steroidi orali o creme più forti per alleviare i sintomi.

Rivolgiti al medico se hai la febbre alta e:

  • il graffio peggiora
  • l’eruzione cutanea si diffonde ad aree sensibili, come gli occhi o la bocca
  • l’eruzione cutanea non migliora
  • l’eruzione cutanea è tenera o presenta pus e croste gialle

Nonostante alcune affermazioni, non ci sono prove scientifiche a sostegno del fatto che graffiare una ferita aperta porti al veleno nel sangue. L’olio avanzato (urushiol) tocca solo l’area circostante. Evitare di spargere l’olio immediatamente lavando la zona interessata con acqua e sapone.

Insetti pungenti

La maggior parte delle persone avrà una reazione a una puntura d’insetto, ma la reazione più grave è allergica. Circa 2 milioni di persone negli Stati Uniti sono allergiche alle punture di insetti, stima la Cleveland Clinic.

Le punture di insetti più comuni provengono da:

  • api
  • vespe
  • giacche gialle
  • calabroni
  • Formiche rosse

Tratta le allergie agli insetti con questi metodi di primo soccorso:

  1. Rimuovi il pungiglione con un oggetto a righello, come una carta di credito, usando un movimento a pennello. Evita di tirare o schiacciare il pungiglione. Questo potrebbe rilasciare più veleno nel tuo corpo.
  2. Lavare l’area con acqua e sapone. Applicare un antisettico dopo il lavaggio.
  3. Applica una crema all’idrocortisone o una lozione alla calamina. Copri l’area con una benda.
  4. Se c’è gonfiore, applica un impacco freddo sull’area.
  5. Prendi un antistaminico per ridurre il prurito, il gonfiore e l’orticaria.
  6. Prendi l’aspirina per alleviare il dolore.

Le donne incinte non dovrebbero assumere farmaci da banco senza ottenere l’ok dal proprio medico.

I bambini non dovrebbero prendere l’aspirina. Ciò è dovuto al rischio di una condizione rara, ma fatale, chiamata sindrome di Reye.

Punture di medusa

Se una medusa ti punge, lava la zona con acqua di mare o aceto per 30 minuti. Questo neutralizzerà la tossina della medusa. Applicare qualcosa di freddo sulla zona interessata per lenire la pelle e ridurre il dolore. Usa una crema all’idrocortisone e un antistaminico per ridurre il gonfiore.

La Croce Rossa britannica consiglia che urinare su una puntura di medusa non aiuta. In effetti, potrebbe effettivamente aumentare il dolore.

Trattamento per allergie ai farmaci

Nella maggior parte dei casi di allergia ai farmaci, il medico dovrebbe essere in grado di prescrivere un farmaco alternativo. Possono essere necessari antistaminici, corticosteroidi o adrenalina per reazioni più gravi.

In caso contrario, il medico può raccomandare una procedura di desensibilizzazione. Ciò significa prendere piccole dosi del farmaco fino a quando il tuo corpo non è in grado di gestire il dosaggio.

Come prevenire le reazioni allergiche

Dopo aver avuto una reazione allergica, è importante identificare la fonte per evitare contatti futuri. Per allergie specifiche agli ingredienti, controllare gli ingredienti del prodotto prima dell’acquisto. Applicare una lozione prima di fare escursioni o in campeggio può aiutare a prevenire la diffusione o l’assorbimento dell’edera velenosa nella pelle.

Più controllo mantieni sul contatto con gli allergeni, meno è probabile che tu abbia una reazione allergica. Assicurati che i tuoi colleghi e amici conoscano le tue allergie e dove tieni il tuo autoiniettore di epinefrina. Insegnare ai tuoi amici come trattare una reazione allergica può aiutare a salvare una vita.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here