Primarie del New Hampshire: un “circo” silenzioso con Biden assente dal ballottaggio

0
29

Una lotta per lo status di primarie nella nazione ha lasciato una spaccatura tra i funzionari democratici statali e nazionali.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden esce da Marine One mentre torna alla Casa Bianca a Washington
Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden non parteciperà al ballottaggio nel New Hampshire il 23 gennaio in mezzo a una disputa sul programma delle primarie del Partito Democratico [Elizabeth Frantz/Reuters]

“Non succederà mai.”

È così che il governatore del New Hampshire Chris Sununu ha risposto all’inizio dello scorso anno alla prospettiva che il Comitato Nazionale Democratico (DNC) privasse il suo stato delle prime primarie presidenziali della nazione.

Per più di 100 anni, il New Hampshire ha organizzato le prime primarie negli Stati Uniti, dando agli elettori statali una forte voce nel processo attraverso il quale i candidati alla fine ricevono la nomina del loro partito.

È stato un tale motivo di orgoglio che lo Stato ha addirittura sancito nelle sue leggi il suo primo status di primario.

Ma il Partito Democratico, su sollecitazione del presidente Joe Biden, è stato sotto pressione per riorganizzare il calendario delle primarie e promuovere stati che riflettano meglio la demografia statunitense.

Così, nel febbraio 2023, il DNC ha retrocesso il New Hampshire rurale, in gran parte bianco, al secondo posto nel suo calendario delle primarie, dietro alla Carolina del Sud, nonostante le obiezioni dello stato.

Ora, con l’inizio della stagione delle primarie il 23 gennaio, le primarie democratiche nel New Hampshire sono destinate a essere una resa dei conti – tra funzionari statali e del partito nazionale tanto quanto tra i candidati stessi.

Lo Stato si è rifiutato di cedere il suo primo posto nelle primarie e, in risposta, il DNC ha privato le primarie dei suoi delegati, rendendole puramente simboliche. Anche Biden, che probabilmente dovrà affrontare una corsa per la rielezione nel 2024, non apparirà nel ballottaggio del New Hampshire.

Ma perché è importante partire per primi? E con le primarie di quest’anno ampiamente previste per confermare Biden come candidato democratico, il trambusto nel New Hampshire avrà qualche effetto?

‘Punto d’orgoglio’

Liz Tentarelli, presidente della League of Women Voters New Hampshire, un gruppo apartitico, paragona le primarie statali a quando “il circo arriva in città”.

I media nazionali arrivano in massa e i candidati attraversano lo stato, un’area di poco più di 24.000 chilometri quadrati (9.300 miglia quadrate). Molti candidati alla presidenza tengono riunioni comunali e incontri di persona in piccoli spazi, consentendo ad alcuni degli 1,3 milioni di residenti dello stato di interagire direttamente con i candidati.

“Il voto è un motivo di orgoglio nel New Hampshire”, ha detto Tentarelli, residente nella piccola città di Newbury, a circa 50 km (30 miglia) a nord-ovest della capitale dello stato, Concord. Tenere le prime primarie, ha spiegato, è “un grosso problema”.

“Penso che ciò rifletta il fatto che il New Hampshire è lo stato più attento alla politica rispetto ad altri stati”, ha detto ad Al Jazeera, sottolineando l’affluenza alle urne storicamente alta alle primarie e alle elezioni generali.

“Siamo anche un piccolo stato, il che rende facile per i candidati che non dispongono di finanziamenti massicci fare campagna elettorale nello stato. Possono andare in diverse città e organizzare questi eventi, e la gente viene fuori”.

Secondo Andrew Smith, professore di scienze politiche e presidente del Survey Center dell’Università del New Hampshire (UNH), tenere le prime primarie è innanzitutto “importante dal punto di vista culturale e storico per lo Stato”.

“È ciò per cui sono conosciuti gli abitanti del New Hampshire”, ha detto ad Al Jazeera. “Non abbiamo mai deciso di organizzare le prime primarie. È successo un po’ per caso”.

Per risparmiare denaro, le prime primarie statali furono inizialmente programmate in concomitanza con il Town Meeting Day, un’occasione per incontri comunitari. Il New Hampshire tenne le sue prime primarie presidenziali nel 1916, ma fu quattro anni dopo, nel 1920, che lo stato iniziò la sua tradizione di primo nella nazione.

Da allora, ha detto Smith, i residenti del New Hampshire sono stati disposti a “lottare” per mantenere lo status di primo posto del loro stato.

I sostenitori di Donald Trump esultano mentre parla sul podio durante una manifestazione nel New Hampshire
I sostenitori di Donald Trump esultano mentre parla durante una manifestazione a Durham, nel New Hampshire, a dicembre [Brian Snyder/Reuters]

Trump in testa, Biden non al ballottaggio

Tuttavia, le primarie del 2024 sono state più attenuate rispetto agli anni passati, ha affermato Tentarelli.

Ciò è in gran parte dovuto al fatto che gli osservatori politici si aspettano che la corsa presidenziale di quest’anno si traduca in una rivincita tra Biden e l’ex presidente Donald Trump, che ha perso le elezioni del 2020.

A differenza della sua controparte democratica, il Comitato Nazionale Repubblicano ha mantenuto il suo tradizionale calendario delle primarie, che è iniziato con i caucus dell’Iowa il 15 gennaio e continua con le primarie inaugurali del New Hampshire.

Trump rimane il favorito nella corsa del partito, con un solido vantaggio sia nel New Hampshire che in tutto il paese. Ha anche ottenuto una vittoria decisiva nei caucus dell’Iowa.

Ma uno dei suoi rivali repubblicani, l’ex inviato delle Nazioni Unite Nikki Haley, ha guadagnato terreno nel New Hampshire nelle ultime settimane, secondo recenti sondaggi.

E dal lato democratico, l’assenza di Biden dalle primarie del New Hampshire ha evidenziato le tensioni all’interno del partito stesso. Dopo il litigio dello Stato con il Comitato nazionale democratico sul nuovo calendario delle primarie, Biden non ha presentato i documenti per partecipare alla votazione del 23 gennaio.

Questo scisma è stato ulteriormente sottolineato da uno scambio teso tra funzionari statali e rappresentanti della DNC.

In una lettera della scorsa settimana, ottenuta da Politico, il Comitato per le Regole e lo Statuto del DNC ha definito le primarie del 23 gennaio “dannose”, “non vincolanti” e “prive di significato” per i democratici.

La lettera ribadiva che il voto del New Hampshire non poteva essere utilizzato per scegliere i delegati del Partito Democratico, che rappresentano lo Stato nella scelta del candidato del partito per le elezioni generali.

Il procuratore generale del New Hampshire John Formella ha risposto l’8 gennaio, definendo le osservazioni del DNC “false, ingannevoli e fuorvianti”. Ha anche avvertito che qualsiasi tentativo di scoraggiare gli elettori primari potrebbe costituire una violazione della legge statale.

Nemmeno Biden ha condotto una campagna nello stato, lasciando ai candidati democratici di lunga data come la scrittrice Marianne Williamson e il membro del Congresso del Minnesota Dean Phillips un’apertura per ottenere risultati primari superiori alle aspettative.

Williamson e Phillips “hanno fatto qualche apparizione, ma quest’anno non hanno suscitato molto interesse perché sappiamo che sono dei tiri lontani”, ha detto Tentarelli. Ha aggiunto che, tra gli elettori democratici, “credo che ci sia un senso di fastidio per il fatto che Biden non sia presente nel ballottaggio”.

Eppure, nonostante la spaccatura in corso tra i funzionari statali e quelli nazionali del partito, alcuni importanti democratici del New Hampshire hanno sostenuto uno sforzo di base che invita gli elettori a scrivere a nome del presidente nelle loro schede primarie.

“Mentre le regole fuorvianti del DNC stanno lasciando Joe Biden fuori dalle elezioni primarie qui, i democratici del New Hampshire e gli indipendenti di tendenza democratica sostengono in stragrande maggioranza Joe Biden e intendono inserirlo”, si legge sul sito web della campagna Write-In di Granite State.

Secondo un sondaggio di metà novembre condotto dall’UNH Survey Center, circa il 65% dei probabili elettori democratici delle primarie dello stato ha dichiarato di voler scrivere a nome del presidente.

“Il sostegno a Biden è diminuito da settembre, ma non è ancora emerso alcun forte sfidante”, afferma il sondaggio, rilevando solo il 10% di sostegno per Phillips e il 9% per Williamson.

Nel frattempo, un sondaggio di dicembre del Saint Anselm College Survey Center ha mostrato che Biden avrebbe battuto Trump di 10 punti percentuali nel New Hampshire in un’ipotetica elezione generale.

Il centro ha osservato che Trump deve affrontare un “problema incombente” nello stato: i sostenitori dei suoi rivali repubblicani Haley e Chris Christie, che recentemente si sono ritirati, preferirebbero sostenere Biden piuttosto che Trump se i due si affrontassero.

Segnali che promuovono una campagna di scrittura per inserire Joe Biden nelle elezioni primarie del New Hampshire
Segnali che promuovono la campagna di scrittura per inserire il nome di Biden nelle primarie democratiche del New Hampshire, a Hooksett, New Hampshire, 15 gennaio [Elizabeth Frantz/Reuters]

Aspettative e slancio

Gli esperti che hanno parlato con Al Jazeera hanno affermato che la mancata partecipazione alle primarie del New Hampshire avrà scarsi effetti sulla capacità di Biden di assicurarsi la nomination democratica, o sulle sue possibilità nelle elezioni generali.

“Penso che entro novembre la maggior parte degli elettori avrà dimenticato la questione delle primarie, e sarà tutta un’altra storia”, ha detto Tentarelli.

Raymond Buckley, presidente del Partito Democratico del New Hampshire, ha fatto eco a questo sentimento. Ha detto che non si aspetta che il litigio delle primarie influenzi le elezioni generali.

“Saremo ancora pronti per novembre e avremo un anno fantastico”, ha detto Buckley ad Al Jazeera. Ha aggiunto che, mentre l’assenza di Biden al ballottaggio è stata “deludente”, i democratici sperano ancora in una “forte affluenza alle urne” alle primarie del New Hampshire.

Quando è stato chiesto se Biden avrebbe dovuto rispondere della sua decisione di rinunciare alle primarie del New Hampshire nella sua campagna elettorale generale, Buckley ha detto che è ancora “molto lontano”.

“Sono sicuro che ci sarà un brainstorming laggiù su quale sarà il messaggio e non vedo l’ora di ascoltarlo”, ha detto.

Tuttavia, Dante Scala, professore di scienze politiche all’UNH che ha osservato le primarie statali per più di due decenni, ha affermato che se fosse un membro della campagna di Biden, cercherebbe di minimizzare le aspettative prima del voto delle primarie del 23 gennaio.

Questo perché uno spettacolo deludente potrebbe sollevare il controllo sul fatto che “là [is] qualcosa all’idea che la base democratica non sia davvero entusiasta di Biden”.

“Questa è stata una storia a intermittenza per mesi”, ha detto ad Al Jazeera. “Tipo, ‘Ragazzi, molti democratici dicono che Biden è troppo vecchio.’ Molti democratici dicono: “Vorrei che avessimo altre scelte”. E ora lo siamo davvero [will] vedere alcuni risultati.”

Un primo piano di Joe Biden, che indossa un abito scuro e una cravatta fantasia nera e gialla.  Dietro di lui è visibile una bandiera americana.
La decisione di Biden di non candidarsi alle primarie del New Hampshire è “deludente”, afferma il capo del Partito democratico dello stato, Raymond Buckley [File: Leah Millis/Reuters]

L’importanza del New Hampshire non risiede nel numero di delegati che ha, ha sottolineato Scala. Delle migliaia di delegati previsti per la Convenzione Nazionale Democratica, il New Hampshire ne invierà solo circa 33.

Ma Scala ha spiegato che le primarie del New Hampshire svolgono un ruolo significativo nell’aiutare i candidati presidenziali a costruire o perdere forza elettorale.

“L’importanza del New Hampshire è che siamo il palcoscenico sul quale i candidati fanno le audizioni. E non fanno più l’audizione solo davanti a noi, ma davanti all’intera nazione”, ha detto.

Da parte sua, Smith, professore di scienze politiche all’UNH, ha affermato che la forza delle primarie del New Hampshire è in gran parte legata “alla storia che viene raccontata dai media su quanto accaduto”.

Se “la storia che viene dal New Hampshire è che il presidente Biden perde nel New Hampshire o quasi viene battuto da uno sconosciuto membro del Congresso del Minnesota, beh, sarà una storia molto difficile da ribaltare”, ha detto.

“Perché stiamo già vedendo un numero significativo di democratici nel New Hampshire e in tutto il paese che vorrebbero avere qualcun altro come candidato, ma non lo fanno”.